Connect with us

Attualità

Feste Maltesi patrimonio dell’UNESCO

Published

on

Il ministro Owen Bonnici ha affermato che il governo si aspetta che l’anno prossimo venga presa una decisione dall‘UNESCO sulla domanda di Malta in modo che la feste maltesi siano riconosciute come patrimonio immateriale.

È intervenuto durante un dibattito parlamentare sul bilancio, in particolare sulle stime finanziarie del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Territorio e Governo Locale.

Il Ministro Bonnici ha reso conto del lavoro svolto dai diversi enti che rientrano nel suo portafoglio, da Heritage Malta alla Soprintendenza per i Beni Culturali e PBS, e ha affermato che il governo vuole un Paese basato sulla creatività.

Ha detto che durante quest’anno saranno nominati rappresentanti culturali internazionali per aiutare gli artisti ad esportare la loro arte.

Domanda di fondi europei per il restauro di Villa Guardamangia.

Ha affermato che il governo richiederà fondi europei per ripristinare Villa Guardamangia da utilizzare a beneficio di Malta.

Advertisement
Villa Guardamangia foto da TVM

Il ministro Bonnici ha affermato che il governo sta dedicando oltre 60 milioni di euro a finanziamenti ricorrenti nonostante le difficili circostanze dovute alla situazione internazionale. Ha affermato che l’importo globale tra la spesa ricorrente e quella in conto capitale rappresenta un aumento del 150% degli investimenti in arte e cultura rispetto all’ultimo budget del PN.

La portavoce dell’opposizione per l’arte, la cultura e il patrimonio nazionale, Julie Zahra, ha fatto appello al governo affinché prenda sul serio le arti e la cultura perché ha affermato che questi sono settori che contribuiscono all‘identità dei maltesi e dei gozitani. Ha anche chiesto una migliore consultazione con tutti coloro che fanno parte di questo settore e un serio confronto con gli esperti per costruire una moderna sala da concerto che offrirà diverse opportunità al settore. Il deputato Zahra ha accusato il governo di essere ignaro delle esigenze di questo settore. Si è lamentata del fatto che la proposta di introdurre il regime di riduzione dell’imposta sui primi 80.000 euro di reddito per tutti coloro che sono iscritti come artisti non è stata accolta dal governo. Ha anche affermato che la copertura del Teatru Rjal non è stata menzionata nel bilancio nonostante il progetto sia stato menzionato dal governo nei mesi precedenti. Julie Zahra ha affermato che Budget 2023 non affronta le questioni che interessano i maltesi ed è solo un budget cosmetico che prende da una tasca per pagarne un’altra.

Il segretario parlamentare per gli enti locali Alison Zerafa Civelli hadettochedalprossimoannoverràlanciatoun nuovo meccanismo per finanziare i progetti dei comuni che tengano conto dei piani da loro proposti. Citando i vari interventi di cui i Comuni beneficiano per realizzare un particolare progetto, ha parlato del lavoro svolto dal Dipartimento per gli Enti Locali per aiutare i consiglieri locali. Ha affermato che il governo e Infrastracture Malta stanno continuando a investire in progetti stradali per un costo di 700 milioni di euroelohadescrittocomeun‘assistenza aggiuntiva per i consigli locali. Zerafa Civelli ha detto che il governo sta cercando di rafforzare le regioni per dare più aiuto ai comuni in modo professionale. Ha affermato che all’inizio del prossimo anno la consultazione della strategia sul governo locale si concluderà nel 30° anniversario dall’istituzione dei consigli. Sarà istituito un comitato per commemorare questo anniversario nel modo che merita.

Il portavoce dell’opposizione per gli enti locali Darren Carabott ha affermato che il budget riflette la politica del governo sui consigli locali. Ha detto che il governo non crede nei consigli e in effetti ha scalfito le loro responsabilità, dalla raccolta dei rifiuti alla pulizia delle strade e all’applicazione, mentre centralizza tutto. Ha detto che il governo sta riducendo le loro finanze di 2,2 milioni di euro. Il dottor Carabott ha affermato che l’obiettivo di tutto questo è che i residenti che hanno reclami vadano direttamente al ministro. Ha detto che il governo non potrà mai prendere il posto dei consigli locali perché conoscono meglio le località che rappresentano. Invece, ha detto che il governo stava aumentando la burocrazia.

Il portavoce dell’opposizione per PBS, Graham Bencini, ha affermato che la radiodiffusione pubblica dovrebbe servire il pubblico sia per l’informazione che per l’intrattenimento. Ha detto che dobbiamo rafforzare le strutture che separano PBS dal governo. Ha detto che se il governo crede davvero nella democrazia deve dimostrarlo dando a Malta la radiodiffusione pubblica e non la radiodiffusione statale.