sabato, Marzo 2, 2024
HomeItaliaAttualitàBig Tech al comando, ChatGPT compie un anno

Big Tech al comando, ChatGPT compie un anno

Un anno dopo il rilascio di ChatGPT, che ha fatto storia, la rivoluzione dell’AI è arrivata, ma la recente crisi del consiglio di amministrazione di OpenAI, l’azienda della super app, ha cancellato ogni dubbio sul fatto che sia Big Tech a comandare.

In un certo senso, la rivelazione discreta di ChatGPT il 30 novembre dello scorso anno è stata la vendetta dei geek, i ricercatori e gli ingegneri non celebrati che hanno costruito silenziosamente l’AI generativa dietro le quinte.

Il CEO di OpenAI Sam Altman, una figura molto nota nei circoli tecnologici, ma ancora poco conosciuta, con il rilascio di ChatGPT ha fatto in modo che questa tecnologia di AI poco apprezzata ricevesse l’attenzione che merita.

ChatGPT è diventata l’app adottata più rapidamente nella storia (da allora è stata rilevata da Threads di Meta), in quanto gli utenti si sono meravigliati della generazione di poesie, ricette o qualsiasi altra cosa che internet potesse offrire, in pochi secondi.

La scommessa di Altman ha catapultato il 38enne che ha abbandonato Stanford nella celebrità, rendendolo una sorta di re filosofo dell’AI, con leader mondiali e magnati che pendono dalle sue labbra.

Con l’AI, “si è nel business di creare e vendere cose su cui non si possono mettere le mani”, ha detto la storica dell’Università di Washington Margaret O’Mara, autrice di “The Code”, una storia della Silicon Valley.

“Avere una figura di riferimento che possa spiegarlo, soprattutto quando si tratta di tecnologia avanzata, è davvero importante”, ha aggiunto.

‘Fondamentalismo religioso’

La devozione di Altman per l’IA può spesso sembrare quasi religiosa.

Gli accoliti di OpenAI sono fiduciosi che il mondo sarà un posto migliore se verrà dato loro libero sfogo (e denaro) per costruire l’intelligenza artificiale generale – AI allo stesso livello o oltre le capacità della mente umana.

Ma i costi elevati di questa sacra missione hanno costretto ad un’alleanza con Microsoft, la seconda azienda più grande del mondo, che opera con il profitto, non con l’altruismo, come obiettivo.

Microsoft ha promesso 13 miliardi di dollari per OpenAI all’inizio di quest’anno, e Altman ha reindirizzato l’azienda su una traiettoria di guadagno per aiutare a giustificare l’investimento.

Ciò ha scatenato la ribellione del consiglio di amministrazione di questo mese da parte di coloro – tra cui lo scienziato capo di OpenAI – che ritengono che i finanziatori debbano essere tenuti a bada.

C’è un “fondamentalismo religioso in gioco”, ha detto il venture capitalist Dave Morin in un podcast per The Information, dopo che Altman è stato licenziato senza tanti complimenti da OpenAI, per poi essere reintegrato cinque giorni dopo.

La comunità di ricerca sull’AI ha “quasi divinizzato questa tecnologia”, ha aggiunto.

Quando è scoppiata la battaglia, Microsoft ha difeso Altman e anche i giovani dipendenti di OpenAI lo hanno sostenuto, consapevoli del fatto che il futuro dell’azienda dipendeva dalle entrate che mantenevano i computer in funzione, non da alte idee su come l’AI dovesse o non dovesse essere utilizzata.

Agente AI

Questa tensione tra l’AI che salva il mondo o lo rovina ha caratterizzato l’anno successivo al lancio di ChatGPT.

Elon Musk, ad esempio, ha firmato una lettera in cui chiedeva una pausa nelle innovazioni dell’AI, per poi, solo pochi mesi dopo, fondare la propria azienda, xAI, unendosi a un mercato sempre più affollato.

Google, Meta e Amazon hanno tutti inserito promesse sull’AI nei loro annunci aziendali e hanno investito in startup di AI.

Robot assassino o bacchetta magica, le aziende di tutti i settori si stanno iscrivendo per provare l’AI, di solito attraverso i loro fornitori di cloud, Microsoft, Google o Amazon, o da OpenAI.

“Il tempo trascorso dal momento in cui si è appreso che l’AI generativa era un’idea e si è deciso di dedicare del tempo alla costruzione di applicazioni su di essa è stato il più breve che abbia mai visto per qualsiasi tipo di tecnologia”, ha dichiarato Rowan Curran, analista di Forrester Research.

Ma il timore che i bot possano avere delle “allucinazioni”, sfornando materiale falso, insensato o offensivo è ancora molto diffuso, per cui gli sforzi delle aziende sono per ora modesti.

Un tentativo è l’agente AI, una sorta di chatbot potenziato che può aiutare i lavoratori d’ufficio a scorrere le e-mail, a scrivere memo o a divertirsi di più durante la messaggistica istantanea.

I programmatori di software vantano i poteri della piattaforma di collaborazione per sviluppatori Github.

“Si tratta di riuscire a diffondere i vantaggi dell’AI a tutti”, ha detto questo mese il CEO di Microsoft Satya Nadella.

La corsa all’Intelligenza Artificiale fa crescere la paura di pericoli come l’estinzione umana e le preoccupazioni sociali come i pregiudizi, la perdita di posti di lavoro e la disinformazione su scala industriale.

Gli utenti che creano deepfakes pornografici di un compagno di classe o l’AI distorta che elimina i richiedenti di un prestito sono i punti su cui le autorità di regolamentazione dovrebbero concentrarsi, sostengono gli osservatori del settore.

‘I capitalisti hanno vinto’

Qualunque sia il prossimo capitolo dell’AI, non sarà scritto senza i giganti tecnologici come Microsoft, che potrebbero presto ottenere un posto nel consiglio di amministrazione dell’azienda, in seguito al dramma del consiglio di amministrazione.

“Abbiamo assistito all’ennesima battaglia della Silicon Valley tra gli idealisti e i capitalisti, e i capitalisti hanno vinto”, ha detto lo storico O’Mara.

Il prossimo capitolo dell’AI non sarà scritto senza Nvidia, il produttore dell’ingrediente segreto dell’AI, l’unità di elaborazione grafica, o GPU, un potente chip indispensabile per addestrare l’AI.

Giganti tecnologici, startup o ricercatori: tutti devono mettere le mani su questi chip prodotti a Taiwan, che sono costosi e difficili da trovare.

Le grandi aziende tecnologiche – Microsoft, Amazon, Google – sono in prima linea.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE