Connect with us

World

Il Marocco piange le vittime del terremoto e il bilancio delle vittime supera i 2.000 morti

Published

on

Domenica 10 settembre i marocchini hanno pianto le vittime di un terremoto devastante che ha ucciso più di 2.000 persone, mentre le squadre di soccorso si affannavano a cercare i sopravvissuti intrappolati nelle macerie dei villaggi rasi al suolo.

Il sisma più forte che abbia mai colpito il Paese ha ucciso almeno 2.012 persone e ne ha ferite oltre 2.059, molte delle quali in modo grave, secondo gli ultimi dati ufficiali.

Il sisma di venerdì 8 settembre, di magnitudo 6,8, ha colpito 72 chilometri a sud-ovest del centro turistico di Marrakech, spazzando via interi villaggi nelle zone rurali.

“Ho perso tutto”, ha detto Lahcen, un residente del villaggio di montagna di Moulay Brahim, la cui moglie e i cui quattro figli sono stati uccisi.

I soccorritori hanno recuperato i corpi delle tre figlie di Lahcen dalle macerie di quella che era la loro casa, ma non hanno ancora trovato i corpi della moglie e del figlio.

“Non posso fare nulla ora, voglio solo allontanarmi dal mondo e piangere”.

Advertisement

Le truppe e i servizi di emergenza si sono mobilitati per raggiungere i villaggi montani più remoti, dove si teme che le vittime siano ancora intrappolate.

La provincia di Al-Haouz, dove è stato localizzato l’epicentro del sisma, ha subito il maggior numero di morti con 1.293, seguita dalla provincia di Taroudant con 452.

I primi funerali

Bouchra, un’altra residente di Moulay Brahim, si è asciugata le lacrime con la sciarpa mentre guardava gli uomini scavare le fosse per seppellire le vittime.

“I nipoti di mia cugina sono morti”, ha detto con la voce annodata.

“Ho visto la devastazione del terremoto in diretta e sto ancora tremando. È come una palla di fuoco che ha inghiottito tutto quello che ha trovato sul suo cammino”, ha affermato.

“Tutti qui hanno perso dei familiari, sia nel nostro villaggio che in altre parti della regione”, ha aggiunto.

Fatema Satir, residente a Marrakech, ha raccontato all’AFP che molti dormivano per strada per paura che le loro case crollassero.

Advertisement

“Guardate dove dormono tutte queste persone. Non c’è aiuto per noi, le nostre case sono state distrutte, altre distrutte come la casa di mia figlia, che è stata spazzata via. Siamo in uno stato caotico”.

Le Autorità hanno dichiarato tre giorni di lutto nazionale, mentre diversi Paesi, tra cui Israele, Francia, Spagna, Italia e Stati Uniti, hanno offerto aiuti.

La vicina Algeria, che ha avuto rapporti difficili con il Marocco, ha aperto il suo spazio aereo, chiuso da due anni, ai voli che trasportavano aiuti umanitari e feriti.

Anni di aiuti

La Croce Rossa ha avvertito che potrebbero volerci anni per riparare i danni.

“Non sarà una questione di una o due settimane… Contiamo su una risposta che richiederà mesi, se non anni”, ha dichiarato in un comunicato Hossam Elsharkawi, direttore dell’Organizzazione per il Medio Oriente e il Nord Africa.

Il villaggio di Tafeghaghte, 60 chilometri a sud-ovest di Marrakech, è stato quasi interamente distrutto dal sisma, il cui epicentro si trovava a soli 50 chilometri di distanza, come ha riferito un team dell’AFP, con pochissimi edifici ancora in piedi.

“Tre dei miei nipoti e la loro madre sono morti”, ha detto Omar Benhanna, 72 anni. “Sono ancora sotto le macerie. Non è passato molto tempo da quando giocavamo insieme”.

Advertisement

Sabato 9 settembre i residenti hanno seppellito circa 70 vittime nel vicino cimitero, mentre i riti funebri erano scanditi da pianti e urla.

In serata, i canali televisivi hanno trasmesso immagini aeree che mostravano interi villaggi di case di argilla nella regione di Al-Haouz completamente distrutti.

“Le autorità pubbliche sono ancora mobilitate per accelerare le operazioni di soccorso ed evacuare i feriti”, ha dichiarato sabato sera il Ministero degli Interni.

La scossa è stata avvertita anche nelle città costiere di Rabat, Casablanca, Agadir ed Essaouira, dove molti residenti in preda al panico sono scesi in strada nel cuore della notte, temendo che le loro case potessero crollare.

Questo terremoto è il più letale in Marocco dal sisma del 1960 che distrusse Agadir, in cui morirono più di 12.000 persone, circa un terzo della popolazione della città all’epoca.

Advertisement