sabato, Maggio 18, 2024
HomeSportCalcioJames Calvert: Kane ci credi?

James Calvert: Kane ci credi?

Harry Kane deve essere davvero convinto di essere un menagramo. Ma non avrebbe potuto fare di più a livello personale per trascinare la squadra del Bayern, che non ha brillato, verso la gloria. Foto: Pierre-Philippe Marcou/AFP

E così, con due gol scandalosamente tardivi in tre minuti incredibili, il Real Madrid ha conquistato un’altra finale di Champions League e ha spezzato il cuore del Bayern Monaco.

Ma, sebbene sia innegabile l’incredibile dramma e la controversia che si sono svolti mercoledì al Bernabeu, la scelta della squadra che ha raggiunto la finale è stata per me poco più di una storia secondaria, una sottotrama leggermente eccitante, se vogliamo.

Perché la vera storia era se il risultato di questa partita ci avrebbe finalmente dato la conferma della teoria di lavoro che abbiamo discusso per tutta la stagione: che Harry Kane è davvero un menagramo.

Anche se c’era la remota possibilità che il Bayern potesse vincere qualcosa, sarebbe stato ingiusto etichettare la maledizione di Kane come ufficiale. Ma la loro ultima possibilità è svanita in Spagna in una nuvola di fuorigioco assurdi, e Kane deve ora pensare davvero che sia tutta colpa sua.

Sembra che gli dei del calcio avessero già deciso, prima ancora che lui atterrasse a Monaco, che si sarebbero fatti un’ultima risata a spese del capitano dell’Inghilterra

L’attaccante inglese si è trasferito dal Tottenham Hotspur la scorsa estate nel tentativo di porre fine a una personale mancanza di trofei che dura, beh, praticamente dalla nascita. Nonostante abbia segnato un milione di gol per gli Spurs in un decennio, le medaglie non sono mai arrivate.

Da qui il suo passaggio al Bayern che, in termini di problemi alla bacheca dei trofei, doveva essere quanto di più vicino a una cosa sicura.

I giganti tedeschi, dopotutto, avevano vinto la Bundesliga per 11 volte di fila e non mancavano di vincere un trofeo importante dal 2011. Aggiungendo un attaccante capace di segnare 44 gol a questa equazione, l’argenteria sarebbe dovuta scorrere come la birra a buon mercato a Monaco verso ottobre.

Invece no.

Il Monaco è stato sconfitto in Coppa di Germania dal Saarbrucken, squadra di terza categoria, è stato sconfitto in Bundesliga grazie alla straordinaria forma del Bayer Leverkusen e ha strappato la sconfitta dalle fauci della vittoria in Champions League nonostante fosse a un passo dalla finale.

È davvero difficile non dispiacersi per Kane. Non avrebbe potuto fare di più a livello personale per trascinare la squadra del Bayern, che non ha brillato, verso la gloria. Ma sembra che gli dei del calcio avessero già deciso, prima ancora che lui atterrasse a Monaco, che si sarebbero fatti un’ultima risata a spese del capitano dell’Inghilterra.

Notate che ho usato le parole “un’ultima risata” di proposito. Perché? Perché mi accingo a fare una previsione azzardata qui e ora: Kane romperà la maledizione la prossima stagione.

Non sto cercando di raddoppiare la maledizione. È solo la legge delle medie: non è possibile che una squadra del calibro, della statura e delle risorse del Bayern possa passare due stagioni di fila senza vincere un trofeo, anche con Kane in squadra.

L’avete letto prima qui.

Ridefinire la vendetta

Se devi portare rancore, fallo come si deve.

Questo sembra essere il motto dell’ex giocatore del Port Vale Ryan Burge, che ha letteralmente portato il concetto di meschinità, vendetta e cattiveria a livelli completamente nuovi.

Burge è stato il giocatore dell’anno del Vale, ma i rapporti si sono inaspriti dopo che il club lo ha sospeso (a suo parere ingiustamente) per aver saltato un pasto di squadra e ha continuato a criticare pubblicamente il manager.

Questo è accaduto una decina di anni fa e non ha mai più giocato per il club.

Ma Burge ha usato il tempo trascorso con saggezza, imparando a volare. Perché? Perché la prossima volta che il Port Vale è retrocesso potesse sventolare uno striscione sul terreno di gioco per celebrare il suo fallimento.

Ed è proprio quello che ha fatto quando la retrocessione del Vale è stata confermata un paio di settimane fa. Ma non è questo il punto. Per rendere la storia ancora più subdola, il costo del volo è stato coperto dai sostenitori dei grandi rivali locali della Vale, lo Stoke City.

“Grazie ai tifosi dello Stoke City che mi hanno pagato per fare qualcosa che avrei fatto volentieri anche gratis. È un’esperienza che conserverò per il resto della mia vita”, ha dichiarato Burge su Facebook dopo l’atterraggio.

Wow!

Come ho detto all’inizio, questo ragazzo ha portato il rancore a un livello completamente nuovo che sarà difficile da eguagliare per gli altri: ha ridefinito il genere.

Detto questo, potrebbe pensarci due volte prima di fare qualsiasi tipo di apparizione personale al Vale Park per i prossimi, non so, 50 o 60 anni…

Il grande indesiderato

Far trapelare la notizia che l’intera squadra è in vendita potrebbe non essere la mossa più intelligente che un club calcistico abbia mai fatto, soprattutto quando ci sono ancora partite da giocare nella stagione.

La scorsa settimana, il Manchester United ha sostanzialmente dichiarato che in estate avrebbe effettuato uno svuotamento di massa, con solo tre elementi della squadra non disponibili per la cessione. Con il senno di poi, forse non si è trattato di una mossa geniale.

Si può immaginare il tipo di agitazione mentale che questo annuncio avrebbe causato nello spogliatoio, e l’incertezza si è manifestata in tutta la sua gloria quando la squadra è stata poi sconfitta per 4-0 dal Crystal Palace.

Certo, gli infortuni hanno giocato un ruolo importante nella sconfitta, e il fatto che la difesa centrale dello United fosse composta da un 36enne di passaggio e da un brasiliano che ha completamente dimenticato come si gioca a calcio non ha aiutato.

Ma sono quasi certo che la consapevolezza di non essere amati o voluti dal club abbia contribuito in modo determinante al massacro.

Riuscirà Erik Ten Hag a raccogliere i cocci e a farli alzare il tiro in vista della sfida di oggi con l’Arsenal e poi della finale di FA Cup contro il Manchester City? Chi lo sa?

La domanda più importante è se si prenderà la briga di provarci perché, come la maggior parte della sua squadra, Ten Hag sa che i suoi giorni all’Old Trafford sono contati.

Sono ragionevolmente certo che Ten Hag, i giocatori e tutti i tifosi del club, tranne quelli più ciecamente ottimisti, sarebbero perfettamente felici se questa stagione triste e insipida finisse proprio adesso.

Se mai un club avesse bisogno di un nuovo inizio…

E-mail:

Twitter:

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE