sabato, Marzo 2, 2024
HomeMaltaLe famiglie della coppia uccisa a Sliema: "Il primo passo verso la...

Le famiglie della coppia uccisa a Sliema: “Il primo passo verso la chiusura”

Christian Pandolfino e il suo compagno Ivor Maciejowski sono stati uccisi nelle loro case nel 2020. Foto: Social Channel

Le famiglie di una coppia uccisa nel 2020 hanno dichiarato che la notizia che uno dei presunti assassini si sarebbe dichiarato colpevole in cambio di una condanna a 40 anni di galera è “il primo passo verso la chiusura”.

“Speriamo che questa conclusione sia il primo passo verso la chiusura, anche se non si può fare nulla per riportare indietro i propri cari”, hanno dichiarato ieri al Times of Malta Pippo Pandolfino e Tom Maciejowski, i fratelli degli uomini uccisi, Christian Pandolfino e Ivor Maciejowski.

“Inutile dire che ora attendiamo con ansia la rapida chiusura di tutti e tre i casi in attesa del processo

Pandolfino e Maciejowski sono stati uccisi nella loro casa di Sliema nell’agosto 2020.

Le famiglie sono state contattate dopo che uno dei tre uomini in attesa di processo per il duplice omicidio di Sliema – Jesper Kristiansen – ha dichiarato che si sarebbe dichiarato colpevole dopo aver accettato un patteggiamento.

Kristiansen, di nazionalità danese, era fuggito da Malta in seguito all’omicidio, ma è stato arrestato 10 giorni dopo in Spagna, dopo che la polizia spagnola lo aveva rintracciato a Cadice ed estradato a Malta per affrontare le accuse penali.

Gli altri due uomini accusati di omicidio sono Daniel Muka, di nazionalità albanese, e  Viktor Dragomanski, serbo.

I pubblici ministeri avevano scelto di accusare i tre separatamente, ma ieri hanno informato il tribunale penale che i tre sono stati riuniti in un unico capo d’accusa.

Ciò significa che Kristiansen, Dragomanski e Muka saranno processati insieme.

Tuttavia, il giudice Natasha Galea Sciberras ha preso atto di una nota congiunta depositata dall’accusa e dalla difesa di Kristiansen, in cui si afferma che le parti hanno concordato i termini di un patteggiamento.

La corte è stata informata che Kristiansen si sarebbe dichiarato colpevole a fronte della pena concordata di 40 anni e della sua quota di spese processuali.

L’imputato, assistito dagli avvocati Stefano Filletti e Roberto Montalto, ha confermato di aver compreso le implicazioni di tale nota.

L’avvocato dell’AG Kevin Valletta ha quindi chiesto la separazione dei procedimenti, il che significa che Dragomanski e Muka si separeranno da Kristiansen. La richiesta è stata accolta.

Kristiansen dovrebbe confermare formalmente il suo patteggiamento in un’altra seduta nel prossimo futuro.

Se fosse stato processato, Kristiansen avrebbe rischiato l’ergastolo in caso di condanna. Una volta formalizzato il patteggiamento, potrà testimoniare contro i suoi co-accusati senza il timore di autoincriminarsi.

L’avvocato Kevin Valletta è il pubblico ministero. Gli avvocati Stefano Filletti e Roberto Montalto sono i consulenti di Kristiansen. Gli avvocati Joe Giglio e Michaela Giglio sono parte civile.

Le famiglie della coppia uccisa hanno anche ringraziato la polizia, i tribunali, l’ufficio del procuratore generale e i loro avvocati di parte civile “per il loro duro lavoro per risolvere e assicurare alla giustizia questi terribili omicidi”.

Lo scorso ottobre, i due fratelli avevano lamentato i ritardi del tribunale, riferendo al Times of Malta che erano “devastati” ed “estremamente delusi” da come ad uno degli altri presunti assassini, Muka, il processo fosse stato posticipato ad aprile.

Allora avevano detto che le famiglie “avevano tutte un disperato bisogno di chiudere” e che i ritardi aggiungevano “inutili sofferenze”.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE