sabato, Marzo 2, 2024
HomeWorldLa Russia condanna a cinque anni di carcere l'accademico che ha criticato...

La Russia condanna a cinque anni di carcere l’accademico che ha criticato la guerra in Ucraina

Boris Kagarlitsky. Foto: Wikimedia Commons

Oggi, una corte d’appello militare russa ha inasprito la pena per un accademico di sinistra che ha criticato l’offensiva di Mosca in Ucraina, portandola da una multa a cinque anni di carcere, ha dichiarato il suo avvocato.

La nuova sentenza è arrivata due mesi dopo che l’importante sociologo e pensatore marxista Boris Kagarlitsky era stato multato di 600.000 rubli (circa 6.100 euro) per aver denigrato la campagna militare del Cremlino sui social media.

La multa è stata considerata una forma di punizione sorprendentemente clemente per Kagarlitsky, accusato di “giustificare il terrorismo”, durante la massiccia repressione del dissenso da parte di Mosca.

Un tribunale della regione di Mosca ha “deciso di cambiare la sentenza… in cinque anni di detenzione, invece di una multa”, ha detto l’avvocato di Kagarlitsky Sergei Yerokhov in un video sui social media.

Kagarlitsky è stato arrestato nel luglio 2023 dopo aver rilasciato un commento sui social media in cui affermava che un attacco ucraino al ponte di Mosca in Crimea era “più o meno comprensibile”.

Il suo avvocato, Sergei Yerokhov, ha dichiarato martedì che Kagarlitsky non sapeva che i suoi post sarebbero stati considerati illegali dalla legge russa e li avrebbe cancellati se gli fosse stato detto di farlo.

Kagarlitsky intende appellarsi al verdetto.

Il 65enne è un noto accademico che ha scritto molto sulla società russa e sulla storia politica della sinistra.

Ha insegnato alla Scuola Superiore di Economia di Mosca, un tempo università considerata un bastione del pensiero liberale.

La Russia ha dichiarato Kagarlitsky “agente straniero” nel 2022.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE