martedì, Aprile 23, 2024
HomeMaltaAttualitàNuove sedie a sdraio allestite vicino alle aree protette di Comino

Nuove sedie a sdraio allestite vicino alle aree protette di Comino

Un operatore di sedie a sdraio a Comino ha aperto un negozio vicino a garighe protette e senza permesso.

Il nuovo sito è spuntato in concomitanza con l’inizio della stagione estiva e a distanza di un anno dalla protesta degli attivisti per le sedie a sdraio e gli ombrelloni che invadono lo spazio pubblico.

“Non c’è dubbio che la collocazione di sedie a sdraio nell’area stia deteriorando l’habitat”, ha dichiarato Nicholas Barbara, Birdlife

Le ONG ambientaliste hanno espresso preoccupazione per l’impatto sull’isola

Le ONG ambientaliste hanno sollevato preoccupazioni per l’impatto sull’isola – un’area speciale di conversazione – ma il ministro del Turismo Clayton Bartolo ha difeso il sito e l’organo di controllo ambientale è rimasto in silenzio.

Il candidato indipendente Arnold Cassola ha notato per primo la “nuova area ombrelloni” e le foto mostrano sedie a sdraio e ombrelloni a noleggio sul terreno intervallati da garighe protette.

Il responsabile della conservazione di Birdlife Malta, Nicholas Barbara, ha dichiarato a Times of Malta che l’area in questione, come la maggior parte di Comino, è un santuario degli uccelli, una zona di protezione speciale e un’area speciale di conservazione (Natura 2000).

L’ONG ha segnalato il trasferimento vicino alla gariga protetta all’Autorità di pianificazione (PA), all’ERA e all’Autorità del turismo di Malta. L’Autorità di pianificazione è stata l’unica a rispondere, dichiarando che la questione non la riguarda in quanto non si tratta di uno “sviluppo illegale.

Barbara ha detto che il posizionamento di lettini sull’habitat della gariga costiera è dannoso, sia per il posizionamento delle sedie a sdraio che per il calpestio delle persone nell’area.

“Questi habitat sono caratterizzati da arbusti e piante che impiegano decenni per crescere, e non c’è dubbio che la collocazione di sedie a sdraio nell’area stia deteriorando l’habitat”, ha detto.

L’ERA è solita controllare tutte le attività che si svolgono a Comino o in qualsiasi altro sito Natura 2000 e interverrebbe in tempo se un’attività fosse dannosa per il sito.

L’operatore di lettini solari sembra immune

“A Comino non è consentito campeggiare in nessun luogo se non in un sito designato, e l’ERA è intervenuta per rimuovere i campeggiatori abusivi. In qualche modo, per qualche ragione, questo gestore di lettini sembra immune da tutto questo”.

Ai commenti di Barbara ha fatto eco un rappresentante del Nature Trust, secondo cui la ricollocazione delle sedie a sdraio non solo incoraggerà un ulteriore calpestio della flora e della fauna rare, ma anche i rifiuti, che attirano i ratti che attaccano la biodiversità locale.

Entrambe le ONG hanno sottolineato che non sono stati rilasciati permessi per le sedie a sdraio.

Il Ministro del Turismo Clayton Bartolo ha tuttavia difeso il sito, insistendo sul fatto che, sebbene l’area sia protetta dall’Autorità per l’Ambiente e le Risorse, gli ombrelloni e le sedie a sdraio non sono stati collocati sulla gariga protetta.

“Sì, una parte di quell’area è protetta, ed è per questo che ci assicuriamo che la gariga sia protetta e che gli ombrelloni e le sedie a sdraio non vengano posizionati su di essa, ma sulle rocce“, ha dichiarato.

Il venditore “non sarà d’intralcio”

Bartolo ha confermato che un’area per le sedie a sdraio, precedentemente situata vicino alle zone di approdo delle imbarcazioni che visitano la Laguna Blu, è stata trasferita nella nuova area.

“Questo significa che l’area del molo è libera e aperta all’uso del pubblico”, ha detto Bartolo.

“Uno dei venditori è stato trasferito in una zona più in alto, dove non sarà d’intralcio alle persone che vogliono passeggiare lungo Comino, e per quanto possibile avere un impatto ambientale minimo, ecco perché sono posizionati sugli scogli”.

Ha detto che il processo di richiesta è attualmente “in corso” e che il processo non è gestito dal ministro.

Un portavoce ha poi confermato che il trasferimento del venditore dal molo alla nuova area è in corso e che rimane solo una “questione tecnica” da risolvere.

Le domande inviate all’Autorità per l’Ambiente e le Risorse sono rimaste senza risposta al momento di andare in stampa. In un opuscolo prodotto sulla gariga, l’ERA ha descritto la gariga come “di grande importanza non solo per la biodiversità, ma anche per i servizi ecosistemici“.

Il mese scorso il ministro del Turismo ha dichiarato che quest’estate la Laguna Blu avrà il 65% di lettini e ombrelloni in meno.

“Vogliamo restituire questo spazio al pubblico. Non potevamo continuare ad avere una situazione in cui la banchina era occupata da lettini e le persone non potevano accedere alla baia, per non parlare della questione della pulizia“, aveva detto in precedenza.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Taiwan colpita da numerose scosse di terremoto, la più forte di magnitudo 6,3

Questa immagine pubblicata dalla Central News Agency (CNA) di Taiwan il 22 aprile 2024 mostra rocce cadute sull'autostrada Suhua a Hualien. Foto: AFPLa capitale...