Il Procuratore generale chiede un nuovo processo per il caso di stupro alla stazione di polizia di Msida

Il Procuratore generale ha chiesto un nuovo processo per il caso di un agente di polizia accusato di aver violentato una collega alla stazione di polizia di Msida.

In un ricorso, l’AG ha chiesto alla corte di annullare la decisione del giudice che presiedeva il processo, che aveva dichiarato inammissibile una dichiarazione in cui l’accusato confessava di aver violentato la sua collega.

L’agente di polizia, 33 anni, lo scorso marzo era stato giudicato colpevole di aver molestato una seconda donna, una recluta adolescente.

Il poliziotto, di cui non si può fare il nome per ordine del tribunale, è stato condannato a un anno di carcere con sospensione per due anni.

L’AG ha ora presentato ricorso in appello, chiedendo alla corte di accettare la dichiarazione e di procedere a un nuovo processo.

Confessione “non legalmente valida”

In un’udienza d’appello davanti al Presidente della Corte Suprema Mark Chetcuti e ai giudici Edwina Grima e Giovanni Grixti, le parti hanno discusso sull’inammissibilità o meno della dichiarazione incriminata rilasciata dall’ufficiale nel 2018.

Gli avvocati difensori Franco Debono ed Edward Gatt hanno sostenuto che la confessione non fosse legalmente valida a causa di una modifica della legge sulle modalità di ammonimento di una persona arrestata.

Quando la legge è stata modificata nel novembre 2016 per introdurre il diritto all’assistenza legale durante l’interrogatorio, è stata cambiata anche l’ammonizione.

L’interrogatorio dell’agente ha avuto luogo nel marzo 2018. Debono ha sostenuto che le ammonizioni lette e scritte “con la dimensione dei caratteri più piccola in assoluto” sulla dichiarazione non erano in linea con l’emendamento del 2016.

Includeva la regola dell’inferenza – che non era più in vigore – e cioè che qualsiasi cosa l’imputato avesse omesso di dichiarare avrebbe potuto portare a deduzioni contro di lui. La polizia aveva quindi limitato le parole dell’imputato e questo lo aveva “terrorizzato”, ha sostenuto Debono.