sabato, Marzo 2, 2024
HomeWorldManifestazione degli insegnanti ungheresi contro la legge "vendicativa" sull'istruzione

Manifestazione degli insegnanti ungheresi contro la legge “vendicativa” sull’istruzione

Alcune migliaia di insegnanti e studenti ungheresi hanno manifestato ieri a Budapest contro un progetto di legge sulla riforma dell’istruzione che, a loro dire, punisce gli insegnanti che protestano per ottenere migliori condizioni di retribuzione e di lavoro.

Definita dai critici una “legge della vendetta“, la normativa che regola i livelli retributivi e gli orari di lavoro nelle scuole ha alimentato i disordini tra gli insegnanti che dall’anno scorso protestano per le più ampie riforme dell’istruzione.

Gli insegnanti, sostenuti da gruppi di studenti, hanno messo in atto regolari azioni di sciopero non autorizzate e hanno tenuto manifestazioni davanti al Ministero degli Interni, che sovrintende all’istruzione.

“Ieri è stato il mio ultimo giorno nel mio piccolo gruppo, mi sono dimessa”, ha detto Laura Vag, un’insegnante di scuola materna, mentre i legislatori discutevano il disegno di legge all’interno del Parlamento.

Diversi insegnanti sono stati licenziati dalle autorità scolastiche locali per aver interrotto il lavoro.

Il principale sindacato degli insegnanti, il PDSZ, afferma che le ultime nuove norme mettono sotto pressione il personale sovraccarico di lavoro e sottopagato, revocando il loro status di dipendenti pubblici, aumentando il carico di lavoro e rendendo più severa la valutazione delle prestazioni.

“È senza speranza, siamo sempre meno, il governo sta cacciando gli insegnanti dalla professione, ha dichiarato Vag, 41 anni, all’AFP, mentre i manifestanti reggevano cartelli con scritto Paese libero, istruzione libera!” e “Chi ci ascolta?”

Con la nuova legge “lavoreremo di più per ancora meno soldi e meno diritti”, ha detto Valentina Kiss, 29 anni, addetta all’informatica scolastica.

L’Ungheria è in preda a una carenza cronica di insegnanti, con pochi giovani che si iscrivono alla professione e circa la metà degli insegnanti di età superiore ai 50 anni.

Gli insegnanti ungheresi sono anche i meno pagati di tutti i membri dell’UE nell’ambito dell’OCSE, con un salario pari ad appena il 60% di quello degli altri laureati ungheresi, secondo i dati dell’UE.

Il governo riconosce che le retribuzioni sono troppo basse. Ma ha legato una serie di aumenti previsti – fino all’80% dello stipendio medio dei laureati entro il 2025 – ai finanziamenti dell’UE, attesi da tempo e bloccati dalle preoccupazioni per la corruzione e il declino degli standard democratici dell’Ungheria.

Secondo il governo, la nuova legge garantirà che gli insegnanti che lavorano di più e con livelli di rendimento più elevati siano pagati di più, a condizione che arrivino i fondi UE.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE