Bernard Grech: “Un giorno nero per Malta”

Il leader del Partito Nazionalista Bernard Grech ha definito martedì un “giorno nero” per Malta. Foto: PN

Il rinvio a giudizio dell’ex Primo Ministro Joseph Muscat con l’accusa di corruzione, mentre una folla esprimeva il suo sostegno fuori dal tribunale, ha segnato un giorno nero per Malta, ha dichiarato il leader del PN Bernard Grech.

“La giustizia sta avendo luogo, ma è comunque un giorno nero. Avremmo tutti preferito che questo Paese non vivesse quello che ha vissuto oggi”, ha detto Grech. Sarebbe stato meglio se Malta non fosse stata derubata di 400 milioni di euro attraverso l’accordo fraudolento sugli ospedali. Sarebbe stato meglio se l’immagine di Malta non fosse stata danneggiata in questo modo, facendola sembrare una sorta di giungla in cui tutto può accadere”, ha affermato.

Parlando durante un’intervista a Net TV, Grech ha dichiarato che le persone che si sono presentate per sostenere Muscat fuori dal tribunale sono state ingannate e istigate a reagire in quel modo per intimidire il magistrato.

“La responsabilità è di chi ha detto loro di andare fuori dal tribunale. È un chiaro caso in cui il fine giustifica i mezzi: chi vuole proteggere Joseph Muscat a tutti i costi lo farà intimidendo il processo giudiziario”, ha detto.

Ha anche criticato il Primo Ministro Robert Abela per aver protetto il suo predecessore e per la sua “pericolosa retorica” negli ultimi giorni.

“Dov’è questa cosiddetta trappola?”, ha chiesto Grech, riferendosi alle precedenti affermazioni di Abela secondo cui il PN stava progettando una “trappola” per i sostenitori laburisti che avrebbero partecipato alla manifestazione di martedì fuori dai tribunali.

“Come abbiamo visto, anche quando il leader è cambiato, la macchina è rimasta la stessa. Cambiare il leader e il suo vestito non è sufficiente: il sistema è corrotto”, ha detto.

Grech ha ribadito l’avvertimento che una grande vittoria elettorale di Abela il mese prossimo lo incoraggerebbe a fare ciò che vuole.

Ha anche sostenuto che non è il momento di una lotta tra i partiti politici, ma di una lotta contro il gruppo corrotto che ha “dirottato” il partito dei lavoratori di Mintoff.

“Il partito di Mintoff era un partito per i lavoratori, quelli che soffrivano e rischiavano la vita per mettere il cibo in tavola”, ha detto. Ma quel partito è stato trasformato in una macchina intenta a raccogliere una maggioranza sufficientemente ampia per fare ciò che vuole.

“Il mio appello è che se vogliamo salvare questo Paese, tutti, nazionalisti, laburisti e coloro che stanno nel mezzo, devono unirsi per cambiare Malta”, ha concluso.