sabato, Settembre 30, 2023
HomeWorldGuangzhou: Lockdown revocato dopo le proteste

Guangzhou: Lockdown revocato dopo le proteste

Le autorità cinesi hanno inaspettatamente revocato le restrizioni anti-Covid nella città cinese di Guangzhou, dove i manifestanti si sono scontrati con la polizia martedì sera. La polizia cerca ancora i manifestanti in altre città dopo che il governo ha chiesto un giro di vite sulle “forze ostili“.

Dopo giorni di proteste straordinarie nel Paese gli Stati Uniti e il Canada hanno esortato la Cina a non usre violenza contro i manifestanti che si oppongono ai lockdown anti-Covid. “A tutti in Cina dovrebbe essere permesso di esprimersi, di condividere le proprie prospettive e di protestare”, ha detto Trudeau. “Continueremo a fare in modo che la Cina sappia che ci schiereremo a favore dei diritti umani e delle persone che si esprimono”.

Mercoledì pomeriggio, le autorità hanno improvvisamente annunciato la revoca delle misure preventive in circa la metà dei distretti della città meridionale di Guangzhou. Gli annunci ufficiali dicevano ai funzionari locali di rimuovere gli “ordini di controllo temporanei” e di ridisegnare le aree come a basso rischio. Hanno anche annunciato la fine dei test PCR di massa.

L’allentamento delle restrizioni non è stato però esteso a tutti i quartieri. Alcune aree, tra cui parti di Haizhu, quartiere dove i manifestanti si sono scontrati con la polizia martedì sera, secondo testimoni e filmati, sono rimaste sotto lockdown.

Il Ministero degli Esteri cinese afferma che i diritti e le libertà devono essere esercitati nel rispetto della legge.

Martedì la polizia era in forze a Pechino e Shanghai per impedire ulteriori proteste contro le restrizioni pandemiche che hanno sconvolto la vita di milioni di persone.

Martedì il governo cinese ha mandato a casa gli studenti universitari e ha inondato le strade di polizia nel tentativo di disperdere le proteste antigovernative più diffuse degli ultimi decenni, mentre il massimo organo di sicurezza del Paese ha chiesto un giro di vite sulle “forze ostili“.

Le autorità hanno anche annunciato un piano per intensificare la vaccinazione degli anziani, misura fondamentale per allentare i controlli senza causare troppe vittime o sovraccaricare il sistema sanitario in un Paese in cui non esiste quasi alcuna immunità naturale al Covid, dopo quasi tre anni di tentativi di eliminare il virus.

Anche a Zhengzhou, sede della fabbrica Foxconn che produce gli iPhone Apple che è stata teatro di agitazioni dei lavoratori, i funzionari hanno annunciato la ripresa “ordinata” dell’attività, anche in supermercati, palestre e ristoranti. Tuttavia, hanno anche pubblicato un lungo elenco di edifici che rimarranno chiusi.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE