mercoledì, Maggio 29, 2024
HomeWorldForze russe dichiarano di aver respinto un'offensiva ucraina a Donetsk

Forze russe dichiarano di aver respinto un’offensiva ucraina a Donetsk

La Russia ha dichiarato stamani di aver respinto “un’offensiva su larga scala” da parte delle forze ucraine a Donetsk, quartiere di Mosca, mentre si intensificavano i combattimenti lungo il confine.

Da mesi Kiev dice che sta preparando una grande controffensiva, sperando di recuperare il territorio perso da quando la Russia ha lanciato la sua operazione militare nel febbraio 2022.

Il suo esercito ha dichiarato di recente che non ci sarà alcun annuncio sull’inizio delle manovre.

Il Ministero della Difesa russo ha riferito che ieri, a sud di Donetsk, “il nemico ha lanciato un’offensiva su larga scala in cinque settori del fronte”

In totale sono stati coinvolti sei battaglioni meccanizzati e due battaglioni di carri armati del nemico, le truppe ucraine hanno colpito i settori più vulnerabili.

Il ministero ha pubblicato quello che ha detto essere un video della battaglia, che mostra i veicoli corazzati ucraini sotto il fuoco pesante.

Il Comandante supremo del presidente Vladimir Putin in Ucraina, Valery Gerasimov, si trovava in uno dei posti di comando avanzati.

Ampie zone di Donetsk sono in mano ai separatisti pro-Mosca dal 2014. È uno dei quattro territori dell’Ucraina orientale che la Russia ha formalmente annesso nel settembre dello scorso anno, insieme a Lugansk, Zaporizhzhia e Kherson.

Dall’altra parte della frontiera, l’esercito russo ha anche affermato di aver respinto un “gruppo di sabotaggio di terroristi ucraini” che cercava di attraversare il confine vicino al villaggio di Novaya Tavolzhanka, nella regione di Belgorod.

Il governatore di Belgorod ha dichiarato ieri che erano in corso combattimenti nei pressi di Novaya Tavolzhanka e ha riconosciuto che le forze filo-ucraine avevano fatto prigionieri dei russi durante gli scontri transfrontalieri.

È arrivato un gruppo di sabotatori, c’è un combattimento a Novaya Tavolzhanka. Spero che vengano tutti distrutti.Vyacheslav Gladkov

È stata la prima volta, durante gli oltre 15 mesi di conflitto, che un funzionario russo ha ammesso la cattura di prigionieri in territorio russo da parte delle forze filo-ucraine.

Aumento degli attacchi

I combattimenti intorno al villaggio seguono la drammatica incursione armata del mese scorso dall’Ucraina nella regione di Belgorod, che ha costretto la Russia a usare l’artiglieria e l’aviazione sul territorio nazionale.

La violazione del confine è stata rivendicata dai nazionalisti russi anti-Cremlino.

Un video pubblicato dai nazionalisti e rivolto al governatore sembra mostrare tre “prigionieri” che i loro carcerieri hanno definito “semplici soldati inviati dalla vostra leadership in questa guerra”.

Uno sembrava essere ferito ed era sotto flebo su un letto d’ospedale.

Hanno chiesto al governatore di incontrarli in una chiesa di Novaya Tavolzhanka durante la festa ortodossa della “Trinità”.

Gladkov si è detto pronto a colloqui per recuperare “i nostri ragazzi” dai combattenti sabotatori.

L’Ucraina ha bombardato intensamente gli insediamenti russi al confine questa settimana, costringendo migliaia di persone a fuggire verso il centro regionale di Belgorod.

Lì, l’AFP ha visto dei volontari distribuire aiuti umanitari ai russi sfollati.

L’Ucraina non ha mai rivendicato la responsabilità degli attacchi sul territorio russo, ma il consigliere presidenziale Mykhaylo Podolyak ha dichiarato ieri che la situazione nelle zone di confine “dovrebbe essere vista come legata al futuro della Russia”.

Con l’aumento degli attacchi su entrambi i lati del confine, il conflitto in Ucraina si è intensificato nelle ultime settimane.

Le autorità ucraine hanno dichiarato che i bombardamenti russi hanno ucciso ieri due donne nella città di Vovchansk, nella regione di Kharkiv, vicino al confine con Belgorod.

“A causa dei colpi nemici, due donne civili, di 62 e 74 anni, sono morte”, ha dichiarato l’ufficio del procuratore regionale.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Nessun governo, opposizione o ONG può chiedermi di dimettermi: Edward Scicluna

Foto di Edward Scicluna fuori dal tribunale: Chris Sant FournierMercoledì Edward Scicluna ha dichiarato che né il governo, né l'opposizione, né una ONG possono...