mercoledì, Febbraio 21, 2024
HomeWorld15 morti in Iran dopo aver bevuto alcolici di contrabbando

15 morti in Iran dopo aver bevuto alcolici di contrabbando

Quindici persone sono morte per avvelenamento da alcol in Iran dopo aver consumato alcolici di contrabbando, hanno riferito i media statali, mentre il numero di decessi simili aumenta in tutto il Paese.

“Finora sono morte 15 persone e 180 sono state avvelenate e ricoverate in ospedale”, ha dichiarato all’agenzia di stampa statale IRNA Hossein Fazeli Harikandi, capo della giustizia della provincia di Alborz, dove sono avvenuti gli avvelenamenti.

La maggior parte dei ricoverati è stata dimessa, ma “alcuni sono diventati ciechi“, mentre altri sono stati sottoposti a dialisi dopo aver subito danni ai reni.

L’Iran ha vietato la produzione e il consumo di bevande alcoliche dopo la Rivoluzione islamica del 1979.

Da allora, l’alcol di contrabbando e non regolamentato è proliferato sul mercato nero, con il metanolo spesso aggiunto alle bevande come alternativa più economica all’etanolo.

Le autorità della provincia di Alborz hanno arrestato sei persone e sequestrato più di 6.000 litri di alcol da una fabbrica di cosmetici prima della sua distribuzione, ha dichiarato Harikandi.

L’istituto forense iraniano ha dichiarato che 644 persone sono morte dopo aver consumato “bevande alcoliche contraffatte” nell’anno fino a marzo, con un aumento del 30% rispetto al periodo precedente di 12 mesi.

Nel maggio 2022, otto persone sono morte nella città portuale meridionale di Bandar Abbas dopo aver bevuto alcolici di contrabbando.

Almeno 210 persone sono morte in Iran durante la pandemia di coronavirus del 2020 dopo aver bevuto alcolici di contrabbando, credendo falsamente che fossero un rimedio per il virus.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE