venerdì, Giugno 14, 2024
HomeWorldDopo i funerali di Raisi, l'Iran si concentra sul voto per il...

Dopo i funerali di Raisi, l’Iran si concentra sul voto per il successore

Musulmani sciiti gridano slogan mentre esprimono il loro dolore per il defunto presidente iraniano Ebrahim Raisi, morto in un incidente in elicottero. Foto: AFP

Dopo che l’Iran ha pianto il Presidente Ebrahim Raisi, deceduto in un recente incidente in elicottero, l’attenzione della nazione si sposta sulle elezioni del mese prossimo per il suo successore, con il partito conservatore alla ricerca di un fedele alla guida suprema Ayatollah Ali Khamenei.

La preparazione al voto anticipato del 28 giugno ha aperto il campo a un’ampia gamma di candidati di tutti i partiti politici. La grande domanda che si pongono è quante candidature sopravviveranno al processo di controllo nella Repubblica islamica.

L’ultraconservatore Raisi, a cui restava più di un anno del suo primo mandato, è morto il 19 maggio insieme al suo ministro degli Esteri Hossein Amir-Abdollahian e ad altre sei persone, quando il loro elicottero si è schiantato su una montagna avvolta dalla nebbia.

I funerali sono durati diversi giorni e hanno richiamato folle di persone in lutto.

Il voto di giugno si terrà in un periodo turbolento, mentre infuria la guerra di Gaza tra Israele, acerrimo nemico dell’Iran, e il gruppo militante palestinese Hamas, sostenuto da Teheran, e tra le continue tensioni diplomatiche sul programma nucleare iraniano.

L’Iran si trova inoltre a dover affrontare una situazione economica difficile, esacerbata dalle dure sanzioni internazionali reimposte dopo che gli Stati Uniti si sono ritirati dall’importante accordo nucleare del 2015 e in seguito a diffuse proteste antigovernative.

Khamenei, che ha l’ultima parola su tutte le questioni di Stato, ha incaricato il vicepresidente di Raisi, Mohammad Mokhber, 68 anni, di assumere le funzioni ad interim per le prossime settimane e di organizzare le elezioni di giugno.

Secondo i media, lo stesso Mokhber intende candidarsi alla seconda carica iraniana, così come lo speaker del Parlamento Mohammad Bagher Ghalibaf e diversi ex funzionari di spicco.

Tra gli altri candidati, l’ex negoziatore nucleare ultraconservatore Saeed Jalili è stato uno dei primi ad annunciare la sua candidatura.

Tra gli altri candidati figurano l’ex ministro degli Esteri moderato Mohammad Javad Zarif e il centrista Ali Larijani, che è stato speaker del Parlamento.

L’ex presidente populista Mahmoud Ahmadinejad ha finora tenuto in sospeso gli elettori e ha detto che sta “verificando le condizioni per decidere se registrarsi”.

“Dobbiamo aspettare sviluppi positivi nel Paese”, ha aggiunto.

Processo di verifica

L’Iran è stato scosso a partire dalla fine del 2022 da proteste nazionali scatenate dalla morte in carcere di Mahsa Amini, una curda iraniana di 22 anni, in seguito al suo arresto a Teheran per una presunta violazione del rigido codice di abbigliamento femminile.

Centinaia di persone, tra cui decine di agenti di sicurezza, sono state uccise e migliaia sono state arrestate.

L’esperto politico Abbas Abdi ha dichiarato al quotidiano riformista Hammihan che se la “comunità che protesta” dell’Iran vede un’opportunità di cambiamento, “mostrerà la sua protesta, il suo attivismo e la sua responsabilità partecipando alle elezioni”.

Si è detto “sicuro che i riformisti vinceranno con un ampio margine”, ma solo se sarà loro permesso di partecipare – una preoccupazione importante dopo che molti candidati sono stati squalificati prima delle recenti elezioni.

Abdi ha aggiunto che se le autorità permetteranno a un ampio spettro di candidati di candidarsi questa volta, “creerà la necessaria speranza nella popolazione e porterà a un’alta partecipazione”.

Secondo il processo elettorale iraniano, i candidati avranno diversi giorni per registrarsi formalmente, a partire dal 30 maggio.

La lista finale, tuttavia, dipenderà dall’esito del processo di convalida da parte del Consiglio dei Guardiani, dominato dai conservatori, dopo la scadenza del 3 giugno per la registrazione.

L’organo, composto da 12 membri e incaricato di supervisionare le elezioni, aveva precedentemente escluso molti candidati, tra cui Ahmadinejad e Larijani.

Le recenti elezioni parlamentari e presidenziali hanno visto un crollo dell’affluenza alle urne, nonostante gli sforzi delle autorità per incoraggiare la popolazione a votare.

In vista delle elezioni parlamentari iraniane del 1° marzo, il Consiglio dei Guardiani ha squalificato decine di migliaia di candidati.

Molti di loro erano riformisti e moderati, ma il controllo ha di fatto aiutato i politici conservatori e ultraconservatori iraniani a stringere la loro presa sul potere.

Il voto legislativo di marzo ha visto l’affluenza più bassa dal 1979.

Bassa affluenza alle urne

Le elezioni del 2021 che hanno portato Raisi al potere hanno visto anche la squalifica di molti esponenti riformisti e moderati e l’affluenza alle urne ha toccato il minimo storico per qualsiasi elezione presidenziale in Iran.

Durante i suoi anni di mandato, Raisi ha affrontato una valanga di critiche da parte di ex funzionari e attivisti, anche per la sua gestione di un’economia già fragile.

L’inflazione impetuosa, la disoccupazione dilagante e il deprezzamento record della valuta hanno perseguitato la presidenza di Raisi, mentre il suo governo non è riuscito a concludere un accordo con Washington per rilanciare l’accordo nucleare e revocare le sanzioni.

Ha anche dovuto affrontare critiche per la gestione del governo delle proteste di piazza scatenate dalla morte di Amini.

Più di recente, le ripercussioni della guerra di Gaza hanno fatto salire alle stelle le tensioni con Israele, culminate a metà aprile con il primo attacco diretto dell’Iran contro Israele.

Le forze iraniane e i gruppi alleati hanno scatenato centinaia di droni e missili, la maggior parte dei quali sono stati intercettati da Israele e dai suoi partner.

In mezzo a tutte le turbolenze, i leader iraniani hanno sollecitato un processo elettorale tranquillo.

Lunedì, il nuovo parlamento ha iniziato la sua prima sessione con un messaggio di Khamenei che invitava i legislatori a tenersi lontani da “inutili competizioni mediatiche e dannose controversie politiche”.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE