domenica, Febbraio 25, 2024
HomeMaltaSandra Ramirez è stata accoltellata 26 volte con un coltello comprato al...

Sandra Ramirez è stata accoltellata 26 volte con un coltello comprato al supermercato, secondo il tribunale

Sandra Ramirez è stata trovata uccisa in un appartamento a Sliema. Foto: Facebook/Matthew Mirabelli

La vittima di omicidio Sandra Ramirez è stata pugnalata e colpita 26 volte con un coltello che il suo ex compagno aveva comprato il giorno prima in un supermercato, come ha ascoltato in udienza il tribunale ieri.

Ramirez è stata trovata morta su un letto all’interno di un appartamento in affitto a Triq Sir George Borg, Sliema, il 13 gennaio. Il suo ex fidanzato Fabian Eliuth Garcia Parada è accusato di averla uccisa.

I pubblici ministeri hanno dichiarato ieri in tribunale che l’arma del delitto era probabilmente un coltello Tescoma blu che Garcia Parada aveva acquistato insieme a due bottiglie di vino un giorno prima dell’omicidio.

La ricevuta di quell’acquisto al supermercato Pavi di Qormi è stata trovata all’interno dell’appartamento in cui è stato rinvenuto il corpo di Ramirez. Le riprese delle telecamere a circuito chiuso del supermercato hanno mostrato l’imputato nel pomeriggio del 12 gennaio, con in mano il coltello e il vino che stava acquistando.

Il coltello è stato trovato in un vassoio di plastica nella cucina dell’appartamento. Sembrava essere stato lavato, ma alcune tracce di sangue erano ancora visibili, ha detto l’ispettore Wayne Camilleri alla corte.

Il processo contro Garcia Parada è partito male alla prima udienza, quando i suoi avvocati hanno contestato una legge anti-femminicidio che, secondo loro, violava i diritti fondamentali del loro cliente.

Ieri, il magistrato Monica Vella ha respinto la richiesta di deferire la denuncia alla Corte costituzionale e ha proceduto all’ascolto delle prove.

“Ho ucciso la mia ex”

L’investigatore capo Wayne Camilleri ha testimoniato di aver ricevuto una chiamata dalla sala di controllo della polizia intorno alle 6:20 del 13 gennaio riguardo al sospetto omicidio.

Un uomo era entrato nella stazione di polizia di Sliema con un cellulare in mano e un messaggio in spagnolo tradotto in inglese tramite un’applicazione.

Il messaggio recitava: “Ho ucciso la mia ex compagna durante una lite in casa mia” e riportava un indirizzo di Sliema.

L’uomo è stato perquisito, ammanettato e gli sono stati letti i diritti legali in spagnolo. Nel frattempo, un sergente si è recato all’indirizzo di Sliema ed è entrato nell’appartamento usando le chiavi trovate sul sospetto.

All’interno, l’agente ha trovato “una scena macabra”.

Una donna giaceva a faccia in su su un letto all’interno della camera da letto in fondo all’appartamento con una sola camera da letto. Era coperta dalla testa ai piedi da una coperta bianca visibilmente macchiata di sangue.

Il sergente, che ha testimoniato anche ieri, ha detto alla corte di aver abbassato la coperta per poterle prestare i primi soccorsi. Ma era troppo tardi: la morte della donna è stata certificata da un medico d’urgenza giunto sul posto.

L’autopsia effettuata il giorno stesso ha confermato che era stata accoltellata e tagliata 26 volte.

L’ispettore Camilleri ha detto alla corte che il sospetto aveva con sé anche un altro telefono cellulare quando si è consegnato. Il telefono apparteneva alla vittima dell’omicidio, Ramirez.

L’accusato è rimasto in silenzio quando gli è stata mostrata la foto del dopo rottura

Garcia Parada ha detto a un agente di polizia della stazione di Sliema che lui e Ramirez si erano frequentati per due anni e che le aveva chiesto di sposarlo a Parigi.

L’ha definita la sua “ragazza” e ha detto che i due erano felici insieme.

Ma ha taciuto quando gli è stata mostrata una foto della sua ex con un altro uomo e ha capovolto la foto.

Quando gli è stato chiesto chi fosse quell’uomo, l’accusato ha risposto alla polizia che “non lo sapeva e non voleva saperlo”.

Quando gli sono state mostrate le immagini della vittima sulla scena del crimine, l’imputato “sembrava più interessato a cosa dovesse indossare e a lavarsi i denti”, ha testimoniato Camilleri.

L’imputato non ha parlato quando gli è stata mostrata una foto dell’arma del delitto, quando gli è stato chiesto del suo rapporto con l’imputata o del motivo per cui l’aveva uccisa.

Ha detto alla polizia di essere un insegnante in Colombia, il suo Paese d’origine, ma di non parlare inglese e di lavorare come lavapiatti in un ristorante di Qormi.

Sliema. Photo: Facebook" src="https://cdn-attachments.timesofmalta.com/aed25d4789b8bdd33dbc6d49676d19256d70536a-1707237248-b3c27f01-1920x1280.jpeg" alt="Fabian Eliuth Garcia Parada handed himself in to the police in Sliema. Photo: Facebook" width="630" height="420" /> Fabian Eliuth Garcia Parada si è consegnato alla polizia a Sliema. Foto: Facebook

L’ispettore Camilleri ha raccontato alla corte che il sospetto ha comunicato con un agente di polizia della stazione di polizia tramite Google Translate. L’agente ha detto di aver smesso di parlare con il sospettato nel momento in cui questi ha chiesto un avvocato.

Garcia Parada aveva un taglio sulla mano e l’ispettore Camilleri ha detto di aver dato istruzioni ai suoi subordinati di impedirgli di lavarsi le mani fino a quando non fosse stato esaminato dagli esperti forensi. Anche i suoi vestiti e le sue scarpe sono stati conservati per il test del DNA.

La polizia ha parlato con persone che conoscevano sia Ramirez che Garcia Parada, che hanno detto che Ramirez si era separato dall’accusato ma gli aveva permesso di continuare a vivere nell’appartamento di Sliema finché non avesse trovato un altro posto dove stare.

Gli amici hanno raccontato che Ramirez dormiva nella camera da letto e Garcia Parada nel soggiorno. Inoltre, Ramirez aveva un nuovo fidanzato, forse un tassista.

Cronologia dell’omicidio

Alla corte è stato detto che Ramirez, la vittima dell’omicidio, è entrata nell’appartamento di Sliema alle 19.57 della sera prima di essere uccisa. Alle 21.20, anche una delle sue amiche si è recata nell’appartamento. Sette minuti dopo, le due donne sono uscite e sono salite su un veicolo, forse un taxi.

Ramirez è tornata nell’appartamento alle 12:46 del 13 gennaio. È stato allora che è stata vista viva per l’ultima volta.

Garcia Parada era all’interno dell’appartamento in quel momento: Le riprese delle telecamere a circuito chiuso lo hanno ripreso mentre entrava nell’appartamento circa un’ora prima, alle 23.53.

In precedenza, quel giorno, era stato visto entrare nel supermercato Pavi alle 16.14 del 12 gennaio, e poi alla cassa del supermercato mentre acquistava due bottiglie di vino e un coltello nove minuti dopo.

L’accusato è uscito dall’appartamento di Sliema alle 6:07 del 13 gennaio. È tornato dentro un minuto dopo e ne è uscito di nuovo rapidamente. Alle 6.22 è entrato nella stazione di polizia di Sliema.

I funzionari dell’Istituto Penitenziario non scortano il prigioniero in tribunale

Al termine dell’udienza, la corte, presieduta dal magistrato Monica Vella, ha dichiarato che c’erano prove prima facie sufficienti perché l’imputato potesse essere processato con un’accusa.

L’udienza di ieri è iniziata con due ore e mezza di ritardo, perché i funzionari del carcere non hanno accompagnato l’imputato in tribunale. Il magistrato ha notato che era la seconda volta in cinque giorni che un imputato non veniva portato in tribunale per un’udienza programmata e ha ordinato al direttore delle carceri di fornire una spiegazione alla prossima udienza.

Gli avvocati dell’AG, Ramon Bonett Sladden e Kaylie Bonett, hanno condotto l’accusa insieme agli ispettori Wayne Camilleri e Michael Vella. Gli avvocati Jose’ Herrera, Yanika Bugeja, Matthew Xuereb e Edward Camilleri sono i difensori. Gli avvocati Arthur Azzopardi e Jacob Magri compaiono come parte civile.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Il premio NOMA 2024 a Manuela Tesse e Michele Marcolini

Sliema, Malta - 13 febbraio 2024 Il prestigioso Premio Noma 2024 sarà conferito a Manuela Tesse e Michele Marcolini, allenatori delle nazionali maltesi di...