mercoledì, Maggio 29, 2024
HomeMaltaCronacaL'ultimo messaggio di Beatrice Cassar alla cugina: "Ho paura ora, ha perso...

L’ultimo messaggio di Beatrice Cassar alla cugina: “Ho paura ora, ha perso completamente il controllo”

Un giorno prima dell’omicidio, Bernice Cassar, la madre di due figli uccisa a colpi di pistola lo scorso novembre, aveva confidato alla cugina di essere “spaventata” sperando che la polizia arrestasse il marito, che aveva “perso completamente il controllo”.

La mattina seguente, il 22 novembre, Roderick Cassar ha ucciso la madre di due figli nella zona industriale di Corradino, appena fuori dal suo posto di lavoro, dopo mesi di disordini domestici che l’avevano portata a lasciare la casa coniugale pochi mesi prima.

Roderick Cassar è ora accusato di omicidio volontario ed è la prima persona ad essere accusata in base all’emendamento sul femminicidio del Codice penale. I suoi avvocati, in un procedimento separato, sostengono che l’aggravante del femminicidio viola i diritti fondamentali dell’imputato.

Quando la compilazione delle prove sull’omicidio è proseguita mercoledì, la corte ha avuto modo di approfondire le circostanze che hanno portato all’omicidio quando una delle cugine della vittima è salita sul banco dei testimoni.

Petra Jones ha detto di essere stata molto vicina a sua cugina Bernice durante la loro infanzia, ma di non essere stata informata dei problemi che stava affrontando nel suo matrimonio fino a quando non le è stato detto che Bernice aveva lasciato la sua casa coniugale a Qrendi a maggio e si era trasferita a casa dei suoi genitori a Zebbuġ.

“Sono rimasta scioccata”, ha detto la testimone, ricordando la sua prima impressione quando ha incontrato la cugina fuori dalla casa dei suoi parenti.

“Non era la Bernice che conoscevo”.

Da quel giorno, le due cugine hanno iniziato a incontrarsi mentre accompagnavano i figli alle lezioni di dottrina religiosa o al parco giochi, a volte andando a prendere un caffè in una caffetteria di Zebbuġ. Ogni mattina presto facevano anche una passeggiata di un’ora.

Quando chiedeva a Bernice i programmi della giornata, lei rispondeva che tutto dipendeva dal fatto se e quando Roderick avrebbe chiamato i bambini.

Lui non rispettava mai gli orari concordati e questo significava che Bernice doveva sopportare i suoi orari irregolari, che spesso conosceva “solo mezz’ora prima o poco più”.

La “manipolazione” del marito

La donna raccontava alla cugina di essere stata manipolata dal marito “fin dal primo giorno” ed era convinta che mantenere orari irregolari per le telefonate dei figli della coppia fosse “un’altra tecnica di manipolazione”.

Quando, a luglio, Roderick è stato ricoverato in ospedale, ha insistito per vedere i bambini e che la madre – e non chiunque altro – li accompagnasse in ospedale.

Roderick Cassar is accused of murdering his wife.

Con un lavoro quotidiano fino alle 16, le faccende domestiche e altre responsabilità familiari, per Bernice era un’impresa ardua, ma cercava di portare i bambini a visitare il padre.

“Mi manipola anche dal letto d’ospedale”, ha confidato alla cugina.

Un giorno, mentre i due stavano prendendo un caffè in una caffetteria, l’imputato chiamò il figlio della coppia, chiedendogli di passare la chiamata al video per poter vedere dove si trovava Bernice, la quale disse al figlio che avrebbe richiamato il padre più tardi.

“Ma in quell’ora Roderick chiamò circa otto o nove volte”, ha dichiarato la testimone, ricordando le parole di Bernice che “non si sarebbe mai ripresa perché lui avrebbe continuato a inseguirla”.

La testimone ha ricordato come, in seguito a un incidente avvenuto il giorno della festa della mamma, quando Roderick avrebbe presumibilmente utilizzato un coltello contro di lei dopo aver avuto un’ennesima discussione in presenza dei loro figli piccoli, Bernice si era fatta coraggio ed era uscita, portando con sé solo “i vestiti che indossava”.

“Non posso tornare indietro…. Lui non ha mostrato alcun rimorso….Questo non cambierà”, ha confidato in seguito la vittima ai suoi parenti, preoccupata anche dal fatto che quelle scene di violenza stavano influenzando negativamente anche i suoi figli.

A giugno, l’accusato chiamava continuamente la moglie, che ha fatto di tutto per interrompere la comunicazione, anche con lunghe conversazioni telefoniche in cui lui la supplicava di tornare indietro.

Bernice aveva insistito sul fatto che l’unico modo per combattere la “manipolazione che esisteva fin dal primo giorno” era ridurre i contatti.

Ma temeva che Roderick potesse danneggiare la sua auto o scatenare una scenata sul posto di lavoro.

“Stranamente, confessava anche di provare pietà per lui”, ha proseguito la cugina.

Lui la criticava continuamente, facendola sentire “inutile”, che non aveva ottenuto nulla di buono e che “era tutta colpa sua”.

Bernice si è introdotta in casa sua mentre il marito era in ospedale

Per Bernice è stata un’impresa anche tornare a casa sua a Qrendi per prendere i vestiti estivi per sé e per i bambini e i loro giocattoli, che l’accusato non ha mai permesso loro di portare a casa dei nonni.

Bernice Cassar was shot dead as she drove to work in Corradino.

“Aveva pianificato tutto con molta cura”, ha ricordato il testimone, descrivendo come Bernice aveva gestito la situazione mentre il marito era in ospedale.

In seguito a un altro episodio di violenza, quando visitò l’accusato in ospedale e lui le mise due dita sul collo, e in seguito danneggiò la portiera della sua auto, Bernice presentò una denuncia alla polizia.

“Il mese di agosto è stato tranquillo” e la cugina ha detto di essersi sentita “un po’ più sicura”, ma c’è stato un messaggio del marito dopo che il figlio gli aveva detto di essere stato a Għar Lapsi con i parenti della madre.

“Ti faccio saltare la testa davanti a tuo padre”, avrebbe detto l’accusato minacciando Bernice.

Novembre fu il mese in cui Bernice capì che non avrebbe mai potuto allontanarsi dal marito.

“Vorrei ripagarti ma i bambini ne soffrirebbero [Nixtieq inpatthihielek pero’ ibatu t-tfal]”, ha scritto un’altra volta alla vittima.

Quando lei lo bloccava per concentrarsi sul lavoro, lui ricorreva al suo numero di lavoro e alla sua e-mail.

“Una volta ha trovato 30 chiamate perse”.

La testimone ha concluso il suo racconto con l’ultimo messaggio della cugina il 21 novembre.

“Sono piuttosto spaventata ora. Se solo lo arrestassero questa settimana. Ha perso completamente il controllo”, aveva scritto Bernice.

Gli ispettori Shaun Pawney e Paul Camilleri hanno condotto l’accusa insieme all’avvocato dell’AG Angele Vella.

Gli avvocati Arthur Azzopardi e Franco Debono sono i difensori.

Gli avvocati Stefano Filletti, Marita Pace Dimech, Anne Marie Cutajar e Rodianne Sciberras rappresentano la famiglia di Bernic Cassar.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Blog in diretta: Fearne, Scicluna in tribunale nel secondo giorno del caso dello scandalo ospedaliero

Ospedale St. Luke. Due ex ministri e tre segretari permanenti dovranno affrontare le accuse relative allo scandalo degli ospedali mercoledì, quando il tribunale di...