Connect with us

Featured

“Rivoglio i miei soldi”: migliaia di persone in difficoltà per la nuova legge sulle licenze dei taxi

Published

on

Shinas Ashraf ha lasciato il suo lavoro a Dubai e ha prenotato i voli per Malta dopo aver ottenuto un visto per lavorare come tassista il mese scorso, quando i suoi piani sono stati improvvisamente messi a soqquadro.

Il trentacinquenne indiano è uno dei circa 3.000 cittadini che si trovano in difficoltà dopo l’entrata in vigore delle nuove norme che impongono ai tassisti di possedere una licenza di guida dell’UE senza alcun periodo di tolleranza.

“Dopo aver ricevuto il visto dall’ambasciata maltese, mi sono dimesso dal mio lavoro e quindi ora sono senza lavoro”, ha detto il padre di quattro figli.

Shinas Ashraf, a father of four, had already quit his job in Dubai when he was told he could not move to Malta because of the new legislation. Photo: Shinas Ashraf

Shinas Ashraf, padre di quattro figli, aveva già lasciato il suo lavoro a Dubai quando gli è stato detto che non poteva trasferirsi a Malta a causa della nuova legislazione. Foto: Shinas Ashraf

“Non so cosa fare, devo prendermi cura dei miei figli, dei miei genitori, di mia nonna e di una zia vedova”.

Gli è stato detto che la sua richiesta di permesso di lavoro era stata revocata dopo aver speso quasi 1.400 euro per le spese sostenute per trasferirsi a Malta, tra cui voli, assicurazione di viaggio e spese per il visto.

“Almeno voglio indietro i miei soldi”, ha detto.

Ashraf ha ottenuto il visto il 14 luglio, pochi giorni prima dell’entrata in vigore delle nuove norme, e non riesce a capire perché gli sia stato impedito di trasferirsi all’ultimo minuto, quando aveva già preso tutti i provvedimenti.

Advertisement

In precedenza, i tassisti potevano guidare veicoli con targa Y con una licenza internazionale per un anno prima di dover ottenere una licenza locale o dell’UE.

Tuttavia, tutto questo è cambiato quando, a luglio, è stato richiesto a tutti i tassisti di avere una licenza maltese o dell’UE.

Chiunque sia in possesso di un permesso di tassista valido di Transport Malta e di un documento di residenza valido può continuare a lavorare fino alla scadenza di uno dei due. Ma i potenziali lavoratori in fase di richiesta di diventare tassisti hanno visto i loro piani andare in frantumi.

Una fonte ha stimato che si tratta di circa 3.000 persone in tutto.

Molti stavano ancora richiedendo un visto nei loro Paesi d’origine e una parte significativa sarebbe stata comunque respinta o abbandonata.

Ma alcuni erano già a Malta con un permesso di guida in mano. Erano in attesa del permesso di lavoro unico rilasciato da Identity Malta, che consente ai cittadini extracomunitari di lavorare legalmente a Malta.

Altri erano a Malta e stavano acquisendo il permesso di guida per taxi di Transport Malta quando la legislazione è entrata in vigore.

Advertisement

Altri ancora, come Shinas, avevano un visto di lavoro in mano e si stavano preparando a migrare a Malta.

Richiesta di una nota di credito da utilizzare per un’altra domanda di lavoro

Identity Malta ha confermato che a nessuna persona priva di licenza maltese o dell’UE viene concesso un permesso di soggiorno se chiede di diventare tassista.

“Dopo la modifica della legge, dobbiamo assicurarci che ogni tassista sia in linea con i regolamenti prima di poter concedere un permesso di lavoro”, ha dichiarato Mark Mallia, CEO di Identity Malta.

Ha riconosciuto che “un numero significativo di persone” che hanno iniziato il processo per lavorare come tassisti è stato colpito.

Times of Malta ha parlato con tre cittadini extracomunitari a Malta che avevano in mano un permesso da tassista, ma a cui è stato chiesto di presentare una licenza UE prima di poter lavorare.

“Si prega di presentare una copia della patente di guida in possesso del richiedente cittadino di un Paese terzo, compresa qualsiasi patente di guida rilasciata da Malta o da un altro Stato membro dell’Unione Europea”, è stato detto ai tre cittadini extracomunitari da un indirizzo e-mail di Identity Malta specificamente dedicato ai conducenti con targa Y.

Advertisement

Mallia ha detto che i cittadini extracomunitari o i loro futuri datori di lavoro o dipendenti che si trovano in questa situazione possono richiedere una nota di credito per le tasse che hanno speso da utilizzare per un’altra domanda di lavoro.

Tre mesi di attesa per sostenere l’esame di guida

Un aspirante tassista, che aveva già richiesto una patente di guida maltese, spera di superare l’esame di guida la prossima settimana, ma un altro cittadino extracomunitario è stato già informato dal suo potenziale datore di lavoro che avrebbe interrotto la sua richiesta a Identity Malta.

“Posso capirli. C’è un periodo di attesa di tre mesi per sostenere l’esame di guida. Chi ha intenzione di aspettare così a lungo?”, ha detto.

Ora intende tornare al suo vecchio lavoro di addetto alle pulizie.

I cittadini extracomunitari che perdono il lavoro hanno 10 giorni per trovarne un altro o rischiano di essere espulsi.

Un gestore di una flotta di taxi ha raccontato come più di due dozzine di lavoratori fossero già arrivati a Malta con un visto per lavorare a Malta qualche mese fa.

Advertisement

Gli aspiranti tassisti avevano completato un corso e un esame presso la Transport Malta per il lavoro, avevano acquisito una condotta di polizia pulita e pagato tutte le tasse per il permesso di tassista.

Ma quando si sono recati fisicamente presso gli uffici di Transport Malta per ritirare la tessera, gli aspiranti conducenti sono stati respinti perché la nuova legislazione era già entrata in vigore.

Transport Malta ha confermato che a nessuna persona priva di una licenza maltese o dell’UE verrà rilasciato un permesso da tassista.

“È ora obbligatorio per ogni richiedente avere una licenza UE o maltese, come previsto dalle nuove norme stabilite dalla LN 186/2023″, ha dichiarato un portavoce di TM quando gli è stato chiesto di parlare dei cittadini extracomunitari che stavano già acquisendo un permesso da tassista quando sono entrate in vigore le nuove leggi.

Molti tassisti a Malta sono di nazionalità indiana.

Implicazioni umanitarie

La Malta Malayalee Association, un’associazione che sostiene i cittadini maltesi provenienti dallo stato indiano del Kerala, ha dichiarato che la mancata inclusione di un periodo di grazia nella legge ha lasciato molti cittadini in difficoltà.

Advertisement

“Siamo d’accordo con la legge, ma molti si sono trovati nel bel mezzo del processo perché non c’era un periodo di tempo per adeguarsi alle nuove norme”, ha dichiarato un portavoce della MMA.

“Temiamo che molti rischino di essere espulsi perché non hanno un lavoro”, ha aggiunto.

La maggior parte di coloro che guidano veicoli con patente Y operano su piattaforme come Bolt ed eCabs.

In una dichiarazione, Bolt ha affermato di aver incontrato più volte le autorità pubbliche, in particolare per venire incontro a coloro che sono già nel processo di migrazione e che hanno già fatto piani personali per trasferirsi a Malta per lavorare.

La nuova legge ha “implicazioni umanitarie”.

“Non dobbiamo perdere di vista il fatto che ci sono molte persone genuine che hanno visto i loro piani di vita sradicati da un giorno all’altro a causa di questa nuova legge che è entrata in vigore con un periodo di transizione molto limitato o con un preavviso minimo”, hanno detto.

Allo stesso modo, eCabs ha dichiarato che l’introduzione di queste nuove norme senza un periodo di grazia ha causato notevoli disagi al settore e ha avuto un impatto negativo sullo status di molti lavoratori dell’industria del ride-hailing.

Advertisement

Tuttavia, eCabs ha dichiarato di essere impegnata a rispettare pienamente tutte le norme che regolano il settore e di operare in linea con i nuovi regolamenti.

Le autorità osservano gli abusi di parcheggio e di crociera sulle strade

Times of Malta ha chiesto al Ministero dei Trasporti perché non avesse incluso un periodo di grazia.

Un portavoce ha risposto: “Garantire la sicurezza stradale rimane di primaria importanza ed è per noi una priorità assoluta.

“Per questo motivo, non è consentito guidare un veicolo con targa Y con una patente extracomunitaria”.

Il portavoce ha anche detto che sono stati osservati casi di “abusi” di parcheggio e di transito sulle strade.

Un “numero consistente” di conducenti non ha inoltre rispettato l’obbligo legale di possedere un garage.

Advertisement

“Affrontando tempestivamente queste urgenti preoccupazioni, abbiamo riconosciuto la necessità di una regolamentazione completa e la necessità di prendere le decisioni appropriate”, ha dichiarato la portavoce del Ministero.

Times of Malta ha già cercato di stabilire quanti incidenti coinvolgessero i conducenti con targa Y, ma la polizia ha detto di non essere in possesso di queste statistiche.

Fonti governative avevano detto che la nuova legge era stata introdotta in parte per limitare il numero di taxi sulle strade maltesi.