Connect with us

Malta

Riduzione tempi d’attesa per risonanze magnetiche: Ministro Abela promette svolta entro un anno

Published

on

Nei prossimi giorni, gli ospedali inizieranno ad eseguire oltre 200 scansioni MRI aggiuntive ogni settimana, nel tentativo di diminuire “drasticamente” i tempi di attesa. Attualmente, vengono effettuate già 375 scansioni extra settimanali oltre l’orario normale di operatività, ma con il nuovo sistema queste saranno aumentate a 600 a settimana, portando il totale annuale a circa 31.200 scansioni extra.

Questi dati sono stati pubblicati dal Ministro della Salute, Jo Etienne Abela, in risposta a una domanda parlamentare posta dalla deputata del PN Graziella Attard Previ.

I finanziamenti governativi per le scansioni MRI extra passeranno da 2,1 milioni di euro a 3,8 milioni di euro,” ha dichiarato Abela. “Ci aspettiamo che entro un anno, il tempo di attesa per queste scansioni sarà drasticamente ridotto.”

A gennaio, il Ministro aveva già annunciato l’installazione di uno scanner MRI presso la St Vincent De Paul Residence e l’acquisto di un altro scanner per il Gozo General Hospital, al fine di ridurre le liste d’attesa.

L’annuncio è arrivato pochi giorni dopo che una domanda parlamentare aveva rivelato che oltre 15.750 persone erano in attesa di una risonanza magnetica, un numero doppio rispetto a sei mesi prima.

Nella sua risposta alla domanda parlamentare di questa settimana, Abela ha precisato che i tre scanner MRI presso il Mater Dei sono operativi quasi senza sosta ogni giorno.

Advertisement

La risonanza magnetica (MRI) è una tecnica di imaging medico non invasiva che crea immagini dettagliate degli organi e dei tessuti del corpo, utilizzata per diagnosticare una vasta gamma di condizioni. Grazie alla capacità di fornire immagini dettagliate dei tessuti molli, queste scansioni sono particolarmente utili per esaminare cervello, midollo spinale, muscoli, legamenti e altri organi interni, diagnosticare aneurismi, tumori, sclerosi multipla, condizioni del midollo spinale, ictus, lesioni cerebrali, legamenti strappati, lacerazioni muscolari, artrite, lesioni articolari, malattie cardiache, coaguli di sangue e rilevare il cancro in molte parti del corpo, oltre a determinare lo stadio del cancro e se si è diffuso.

Già a gennaio, Abela aveva affermato che la domanda di imaging MRI era aumentata principalmente a causa dell’incremento della popolazione.