Connect with us

Featured

Quando Daphne è saltata in aria, le prove sono morte con lei, sostengono gli eredi in una causa per diffamazione

Published

on

L’avvocato che assiste gli eredi di Daphne Caruana Galizia nella causa per diffamazione intentata da Joseph e Michelle Muscat ha ribadito oggi che è impossibile per i parenti della giornalista uccisa difendersi poiché “le prove sono morte” con la giornalista quando è saltata in aria.

Questo è anche il motivo per cui i Caruana Galizia hanno presentato un procedimento costituzionale sostenendo che la prosecuzione della diffamazione avrebbe violato i loro diritti fondamentali. La famiglia chiede di dichiarare che la causa per diffamazione si è estinta con la morte di Daphne Caruana Galizia.

I Muscat avevano intentato una causa contro Daphne Caruana Galizia e suo figlio Matthew per un articolo del 2017, pubblicato per la prima volta sul suo blog Running Commentary, in cui si sosteneva che la società offshore segreta Egrant appartenesse a Michelle.

Tale articolo aveva spinto l’ex primo ministro a richiedere un’inchiesta giudiziaria per indagare su tali affermazioni. L’inchiesta, condotta dall’allora magistrato Aaron Bugeja, concluse che non esisteva alcuna documentazione che collegasse la famiglia Muscat alla società di Panama, e anche una società di contabilità forense con sede nel Regno Unito non aveva trovato alcuna prova che collegasse i Muscat alla Egrant Inc sui server della Pilatus Bank, ora chiusa.

La scorsa settimana, Peter Caruana Galizia e i suoi figli, Matthew, Andrew e Paul, hanno avviato un procedimento presso la Corte costituzionale, insistendo sul fatto che, non avendo accesso alle fonti strettamente custodite della donna, non possono difendere la sua storia secondo cui Egrant apparteneva a Michelle.

Quando oggi è stata convocata la causa per diffamazione, il loro avvocato Joseph Zammit Maempel ha informato il magistrato Victor George Axiak della causa costituzionale.

Advertisement

Il caso è stato assegnato al giudice Toni Abela, che si è astenuto, rimandando il caso al cancelliere per essere riassegnato a un altro giudice.

“Sosteniamo che si tratta di un processo ingiusto. Stiamo dicendo che non siamo in grado di difenderci. Lei [Daphne Caruana Galizia] è stata fatta saltare in aria”, ha spiegato Zammit Maempel.

L’assassinio della giornalista ha reso impossibile per i suoi eredi presentare una difesa valida contro le accuse di diffamazione dell’ex primo ministro e di sua moglie.

“Qualcuno l’ha fatta saltare in aria. Le prove sono morte con lei. Era lei a indagare, non i suoi eredi”, ha sottolineato l’avvocato.

In April - six years since Caruana Galizia first published the article, her son Matthew told court it would take a miracle to defend his mother’s publication.

Ad aprile, sei anni dopo la pubblicazione dell’articolo da parte di Caruana Galizia, il figlio Matthew ha dichiarato in tribunale che ci sarebbe voluto un miracolo per difendere la pubblicazione della madre.

L’avvocato dei Muscat, Pawlu Lia, ha dichiarato che “per il momento” avrebbe accettato la richiesta di rinvio degli imputati. Questo non perché fosse d’accordo con le loro richieste, ma per fare il punto della situazione.

Inoltre, la richiesta nel caso costituzionale è stata presentata in relazione alla causa per diffamazione contro Daphne Caruana Galizia. Non c’è motivo per cui altre tre cause parallele – tra cui una contro il figlio Matthew – non debbano continuare, ha sostenuto Lia.

A titolo di esempio, ha parlato di un “caso non politico” in cui è intervenuto.

Il caso era in corso da 40 anni ed era ancora nella fase in cui il richiedente stava producendo prove. Quando Lia è intervenuto per assistere il richiedente, ha fatto notare che la maggior parte dei testimoni non era più in vita e alcuni documenti non erano più rilevanti.

Advertisement

La “disattenzione” del ricorrente può aver pregiudicato la sua posizione. Il primo tribunale ha accolto questa tesi, che è stata tuttavia ribaltata in appello.

“I diritti umani fondamentali non sono solo di chi ha accettato la sua eredità, ma anche di chi vuole proteggere la propria reputazione e cerca giustizia”, ha detto Lia.

Zammit Maempel ha controbattuto che, dal momento che chiedevano che la diffamazione fosse dichiarata estinta, chiedevano che la diffamazione fosse sospesa fino alla decisione definitiva del caso costituzionale.

Alla luce di questi sviluppi, il tribunale ha rinviato il caso al mese prossimo.