Connect with us

Featured

Panico e crepe risalenti ad una “forte” scossa di terremoto di 100 anni fa

Published

on

Il Daily Malta Chronicle ha riferito che la “freddezza” di due padri dei francescani conventuali, che stavano officiando nella chiesa di San Francesco di Strada Reale, a La Valletta, quando il terremoto ha colpito, ha contribuito a calmare la congregazione.

Cento anni fa, un terremoto causò un panico diffuso a Malta, facendo uscire di corsa dalle case le persone “parzialmente vestite” e provocando fughe nelle chiese.

“All’inizio il fragore del terremoto non fu compreso, ma quando gli edifici iniziarono a oscillare e le pareti sembrarono piegarsi in ondulazioni sinuose simili a serpenti, il panico colse l’intera congregazione”, riporta il Daily Malta Chronicle .

La congregazione “con un grido irrefrenabile si è precipitata in massa verso le porte della strada”, ha riferito il giornale, aggiungendo che l’inceppamento all’ingresso ha fatto cadere e calpestare alcune persone.

La forte scossa del 18 settembre 1923, secondo quanto riferito, durò dai 10 ai 12 secondi. Si verificò intorno alle 7.30 del mattino e fu avvertita soprattutto a La Valletta e a Cottonera, ma anche a Rabat, Mdina e Gozo in misura minore.

Secondo le ricerche di Pauline Galea, professore associato presso il Dipartimento di Geoscienze dell’Università di Malta, le persone si sono rifugiate in giardini e spazi aperti, oltre che in riva al mare.

Advertisement

Molte case a La Valletta e a Cottonera hanno subito crepe, mentre croci di pietra sono cadute dalla facciata della chiesa Madonna tal-Pilar nella capitale e dalla cupola della chiesa di San Filippo a Senglea.

I documenti parlamentari mostrano che almeno 1.000 sterline sono state stanziate per la riparazione degli edifici governativi.

Un rapporto della polizia dell’epoca menziona specificamente “gravi danni” al Cecil Hotel in Old Bakery Street, a La Valletta, mentre la cupola della chiesa di San Paolo a Rabat ha subito gravi crepe. Questi rapporti sui danni ci permettono di associare un’intensità di VI sulla Scala Macrosismica Europea”, ha detto il Prof. Galea.

In quel momento, le scosse sono state registrate su un sismografo Milne del tipo a pendolo orizzontale presso il campus dell’università di La Valletta.

Purtroppo, l’intensità delle scosse preliminari aveva spostato la lampada pilota dalla sua posizione.

Insieme al fatto che il terremoto si è verificato verso la fine della registrazione del tamburo per il periodo tra il 14 e il 18 settembre, è visibile solo una piccola sezione della registrazione.

Fortunatamente, il terremoto è stato registrato da altre stazioni in Europa, e l’International Seismological Summary Report del 1923 stima l’epicentro a 35.5N, 14.5E, circa 40 km a sud di La Valletta.

Advertisement

“Sebbene sia molto difficile localizzare l’epicentro da un insieme di dati così scarno, è probabile che questa sia una posizione vicina a quella corretta, dato che gli effetti maggiori sono stati avvertiti a Malta e non a Gozo”, ha dichiarato il Prof. Galea.

“È anche possibile ipotizzare che l’origine di questa scossa possa essere stata il Graben di Malta, fonte di una sequenza sismica nel settembre 2020. È molto difficile stimare la magnitudo dell’evento senza ulteriori informazioni strumentali, ma dato che è stato registrato a distanze così grandi, sarebbe sicuro ipotizzare una magnitudo di cinque o superiore”.

Il terremoto di settembre non è stato l’unico evento sismico di quell’anno: a gennaio, una sequenza di scosse è stata avvertita soprattutto a Gozo, dove la gente ha passato la notte all’aperto.

La gente organizzò anche pellegrinaggi al santuario di Ta’ Pinu.

La preoccupazione era tale che il 19 gennaio Enrico Mizzi presentò una petizione per ottenere delle tende militari per ospitare i gozitani “che potrebbero essere costretti a dormire all’aperto durante le scosse di terremoto”.

La sua richiesta fu infine respinta.

Perché questi eventi sono rilevanti per le generazioni attuali?

Il Prof. Galea osserva che le scosse di gennaio facevano probabilmente parte di uno sciame sismico simile a quello registrato nel gennaio di quest’anno. Uno sciame può continuare per giorni, mesi o anni.

Advertisement

All’inizio del 2023 sono state registrate decine di scosse nell’arco di poche settimane, che hanno destato preoccupazione per la loro frequenza. La maggior parte di esse era troppo piccola per essere avvertita, ma alcune hanno superato la magnitudo 5,0, la più grande delle quali si è verificata il 30 gennaio. In questo caso, lo sciame si è verificato a più di 100 km a sud di Malta e non ha causato danni.

Il Prof. Galea ha dichiarato al Times of Malta che è importante studiare la storia sismica il più indietro possibile per avere una stima più accurata del rischio sismico atteso di una particolare località e per comprendere meglio le faglie attive in una regione.

“Sebbene la mancanza di dati strumentali comporti necessariamente alcune speculazioni sull’attività sismica del passato, le informazioni disponibili forniscono comunque indicazioni sull’attività delle strutture di faglia vicine alle nostre isole.

utilizzando l’analisi dell’attività sismica attuale, è ora possibile rispondere alle domande che probabilmente si ponevano i maltesi di 100 anni fa”. Vale anche la pena di notare un commento del Daily Malta Chronicle, secondo cui “grazie alla stabilità dei nostri edifici, i danni riportati, per quanto si possa accertare, non sono gravi”.

“Speriamo di poter riporre la stessa fiducia nella qualità degli edifici di oggi quando il prossimo terremoto simile colpirà”.

Advertisement