giovedì, Novembre 30, 2023
HomeMaltaEugene Hutz dei Gogol Bordello: "Pensate che la Russia vincerà? Ripensateci"

Eugene Hutz dei Gogol Bordello: “Pensate che la Russia vincerà? Ripensateci”

Eugene Hutz, ucraino di nascita, non usa mezzi termini nel descrivere la guerra della Russia contro la sua patria.

Mosca è sempre stata ossessionata dall’Ucraina perché l’Ucraina è il cuore e l’anima di tutto ciò che hanno sempre voluto essere. La loro gelosia è semplicemente patologica”.

Dopo aver formato i Gogol Bordello alla fine degli anni Novanta, Hutz è salito alla ribalta nei primi anni Duemila, in parte grazie alle performance live esilaranti e rauche della band.

I Gogol Bordello suoneranno martedì all’Aria Complex di San Ġwann, la seconda volta che la band si esibisce a Malta, dopo un concerto di grande successo nel 2018. Il ricavato del concerto sarà devoluto a Nova Ukraine.

Il loro terzo album Gypsy Punks: Underdog World Strike ha messo in mostra la loro combinazione unica di punk rock e musica gitana dell’Europa orientale, prendendo in prestito influenze diverse come i Clash, i Fugazi e i Taraf de Haïdouks, la leggendaria band gitana rumena.

Gogol Bordello playing in Malta in 2018. Photo: Martin Korelus
I Gogol Bordello in concerto a Malta nel 2018. Foto: Martin Korelus

Parlando con Times of Malta dalla Francia, ultima tappa del tour europeo in corso della band, Hutz descrive l’ultimo album del gruppo, Solidaritine, come un ritorno alle origini.

“I tempi sono stati duri per diversi anni, quindi la barocchevolezza della band si è dissolta. L’ultimo disco è stato molto incisivo, ha mostrato le ossa nude di canzoni fantastiche, ha portato velocemente alla gente canzoni orecchiabili con un messaggio forte”.

Nato nell’Ucraina sovietica da una famiglia ucraina mista, Hutz è fuggito dalla cortina di ferro alla fine degli anni Ottanta, quando era ancora un adolescente, vivendo in diversi campi profughi dell’Europa orientale prima di approdare negli Stati Uniti.

La carriera di Hutz ha preso molte pieghe, tra cui una breve parentesi come attore, recitando accanto a Elijah Wood nell’adattamento cinematografico del romanzo di Jonathan Safran Foer Ogni cosa è illuminata. Nel film, Hutz interpreta una guida turistica ucraina che aiuta un giovane ebreo americano a riscoprire le sue radici ucraine.

Il concetto di identità ucraina è da tempo la chiave della musica di Hutz. Ne è un esempio il nome della band, un omaggio al romanziere ucraino Nikolai Gogol, che secondo lui è stato vittima dell’appropriazione culturale russa e travisato come scrittore russo.

il nome della band Gogol Bordello è stato un atto deliberato per rivendicare l’identità ucraina, ecco perché non l’ho chiamata Dostoevsky’s Bordello”.

“Gogol ha difeso l’identità ucraina in un periodo in cui era proibita. È solo una delle tante persone che rappresentano questa tradizione. Ce ne sono altri come il filosofo Hryhoriy Skovoroda e grandi poeti come Taras Shevchenko, Lesya Ukrainka e Ivan Franko”.

Tuttavia, l’attenzione di Hutz per le sue radici ucraine è diventata ancora più centrale nel momento in cui la Russia ha tentato di invadere l’Ucraina nel febbraio 2022.

Hutz è entrato immediatamente in azione, diventando uno dei portabandiera della spinta della musica rock contro l’invasione.

Sono seguiti diversi singoli di beneficenza che hanno coinvolto collaboratori di band come Green Day, Fugazi, Dead Kennedys e Primus, nonché concerti di raccolta fondi con artisti del calibro di Patti Smith e visite in Ucraina per suonare spettacoli per i soldati che combattono sul fronte della guerra.

Eugene Hutz has played several benefit concerts for soldiers on Ukraine's front line. Photo: Dima Taranenko
Eugene Hutz ha suonato in diversi concerti di beneficenza per i soldati al fronte in Ucraina. Foto: Dima Taranenko

Hutz ha anche collaborato con diverse associazioni di beneficenza, tra cui Kind Deeds, che fornisce protesi per i soldati ucraini feriti nei combattimenti, e Nova Ukraine, che offre aiuti umanitari ai cittadini ucraini.

Hutz riserva un elogio ai suoi colleghi musicisti che si sono esposti per condannare l’invasione, sostenendo che il punk rock sta facendo da apripista: “Naturalmente i musicisti punk rock sono i primi, perché il punk rock è proprio questo”.

È meno impressionato da coloro che all’inizio erano rimasti sulla barricata.

“Fare dichiarazioni di sostegno all’Ucraina ora che l’Ucraina sta spaccando è facile. Fare dichiarazioni di sostegno all’Ucraina il giorno in cui inizia la guerra e tutti si chiedono come si possa combattere contro questo gigantesco mostro russo – è allora che è il momento di fare quella dichiarazione”.

Un singolo di beneficenza pubblicato poco dopo l’invasione, intitolato “Zelensky: The Man With The Iron Balls”, chiarisce il suo pensiero sul presidente ucraino.

“Quando a Zelensky è stata offerta l’opportunità di lasciare il Paese, non se n’è andato. Ora è lì, è sempre stato lì a visitare regolarmente la linea del fronte, e sarà una parte enorme della vittoria”, afferma.

“Non mi sono mai opposto al fatto che fosse un attore. Inoltre, la sua squadra è composta da persone forti come il generale (Valery) Zaluzhny, classico archetipo ucraino che non scherza”.

Hutz è ottimista riguardo a quello che descrive come il tentativo della Russia “di incorporare l’Ucraina in un ruolo di sottomissione”, sostenendo che “l’Ucraina non ha mai guardato all’Est come sua luce guida, ha sempre avuto molto più in comune con l’Europa centrale”.

Sottolineando la “tremenda perseveranza” dell’Ucraina, che descrive come “la qualità fondamentale che forma l’Ucraina come nazione”, Hutz ritiene che la guerra di Putin sia destinata al fallimento.

“Pensate che la Russia vincerà? È chiaro che non avete mai incontrato un solo ucraino, ora guardate cosa succede”.

Per il loro concerto a Malta, i Gogol Bordello saranno supportati dagli stalloni locali Brikkuni, il cui iconico album di debutto del 2008 , Kuntrabanda , portava l’influenza dei Gogol Bordello a chiare lettere.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Borg chiede di rivitalizzare l’OSCE, mentre Malta si prepara ad assumerne la presidenza

Il Ministro degli Esteri Ian Borg ha invitato giovedì gli Stati membri dell'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE) a rivitalizzare...