giovedì, Aprile 18, 2024
HomeMaltaCronacaProcesso per omicidio: La vittima aveva parlato di minacce al commissario di...

Processo per omicidio: La vittima aveva parlato di minacce al commissario di polizia

Albert Brian Rosso ha parlato due volte con l’allora commissario di polizia John Rizzo (sopra) riguardo le minacce che stava subendo.

Un uomo scomparso nel 2015 e che si ritiene sia stato assassinato aveva parlato con l’allora commissario di polizia di come fosse stato minacciato e di come il suo ex socio in affari fosse probabilmente coinvolto, come ha sentito il tribunale ieri.

Albert Brian Rosso è stato visto per l’ultima volta il 10 ottobre 2005 e la polizia ritiene che abbia avuto una discussione con il suo ex socio in affari, il pescatore Anthony Bugeja, e che sia stato ucciso con un colpo di pistola, alla presenza di un altro pescatore, Piero Di Bartolo. È stato poi messo in un sacco e gettato in mare.

Bugeja e Di Bartolo lunedì hanno iniziato un processo con giuria per omicidio.

Testimoniando nel processo, l’allora commissario di polizia John Rizzo disse di aver consigliato a Rosso di non recarsi in Sicilia per il momento e di segnalare qualsiasi cosa sospetta.

Poi, una settimana circa prima della scomparsa, Rizzo ha detto che Rosso gli aveva telefonato parlando di un “uomo famigerato” di Marsaxlokk che era stato visto in compagnia di un siciliano. I sospetti di Rosso caddero sui due uomini che sembravano aver stretto amicizia nella settimana precedente.

Victim Albert Brian Rosso.
La vittima Albert Brian Rosso.

Ma quando Rizzo ha poi indagato su quest’ultima informazione, si è scoperto che i due uomini erano amici da tempo e che era per questo che erano stati visti insieme.

“Non sono riuscito a dirglielo“, ha detto Rizzo.

Le indagini della polizia hanno incluso perquisizioni su pescherecci e abitazioni.

La polizia ha parlato anche con i compagni di lavoro di Rosso, che ha ricordato come quella mattina di ottobre avesse ricevuto una telefonata da Bugeja, che era andato a incontrare, dicendo che sarebbe tornato. Ma non è mai tornato e tutte le chiamate al suo cellulare sono rimaste senza risposta.

Durante il controinterrogatorio dell’avvocato difensore Arthur Azzopardi, Rizzo ha ricordato che Rosso gli aveva detto di aver presentato una denuncia a un agente di polizia siciliano per le minacce che stava subendo.

Quando il processo è proseguito dopo la pausa pranzo, Andreina Fenech Farrugia, un ex dirigente scientifico che condivideva l’ufficio con la vittima al centro di acquacoltura di San LuÄ‹jan, ha ricordato come quell’ultimo giorno avesse visto Rosso seduto alla sua scrivania, con lo sguardo fisso sul monitor del computer e la testa tra le mani.

Farrugia non ha potuto ricordare molti dettagli, spiegando che al momento della scomparsa di Rosso aveva fornito tutte le informazioni, ancora fresche nella sua mente, alla polizia.

Era molto preoccupato

“Quello che ricordo è che era molto preoccupato”.

Sotto ulteriori domande, a volte anche da parte del giudice Consuelo Scerri Herrera, la testimone ha ricordato che Rosso le aveva parlato di “una donna che lo chiamava per avere dei soldi”.

Rosso era in trattativa per un peschereccio, ha detto.

Di solito era una “persona vivace” che chiacchierava con tutti, ma quella mattina, quando arrivò in ufficio intorno alle 7:30, trovò Rosso che fissava il monitor “tenendo la testa tra le mani”.

Poco dopo le disse: “Esco”, ma non le disse dove e lei non glielo chiese.

Il giorno seguente, il loro superiore li convocò per informarli che la polizia avrebbe dovuto parlare con loro perché nessuno sapeva dove fosse Rosso.

L’ex direttore generale della Pesca Anthony Gruppetta ha testimoniato di aver ricevuto una telefonata dalla polizia che gli chiedeva se potevano controllare se Rosso fosse stato rinchiuso nel suo posto di lavoro.

Gruppetta ha detto che conosceva Rosso da molti anni. Aveva accompagnato la polizia a San LuÄ‹jan quella sera tardi, aveva cercato nell’edificio ma Rosso non si trovava da nessuna parte.

Oltre al suo lavoro governativo, Rosso aveva altri interessi commerciali, tra cui una licenza di pesca a strascico registrata a suo nome.

Aveva migliorato la sua imbarcazione per soddisfare i requisiti della licenza UE e aveva acquistato la nuova Desiree da qualche porto dell’Adriatico, ingaggiando un capitano italiano con cui avrebbe dovuto dividere i profitti.

Tuttavia, i rapporti con il capitano si inasprirono e Rosso iniziò a negoziare con Bugeja per rilevare la comproprietà della nave da parte del capitano. Ci fu una grossa discussione tra Rosso e il capitano italiano, di cui Gruppetta non ricordava il nome.

Quello che ricorda è che Rosso gli disse che l’italiano “minacciava di tornare e bruciare la sua nave”.

Pochi giorni prima della sua scomparsa, Rosso aveva chiesto al direttore un permesso per andare dal commissario di polizia e, nello stesso periodo, gli aveva anche detto che portava con sé un’arma da fuoco, ha aggiunto il testimone.

Il processo continua. I legali dell’AG, Angele Vella e Andrea Zammit, sono gli avvocati dell’accusa. Gli avvocati Arthur Azzopardi e Franco Debono sono i difensori di Bugeja. L’avvocato Roberto Montalto è il difensore di Di Bartolo. L’avvocato Stefano Filletti rappresenta la famiglia della vittima.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Le prime pagine di oggi – Marzo 2024

Foto di archivio del Times of Malta.Ecco le notizie più importanti apparse giovedì sui quotidiani maltesi. IlTimes of Malta riporta la notizia di come sia...