martedì, Maggio 28, 2024
HomeWorldAgenti penitenziari francesi uccisi in un'imboscata, detenuti in fuga

Agenti penitenziari francesi uccisi in un’imboscata, detenuti in fuga

Una ripresa video dell’evasione mortale di un detenuto in Francia.

Martedì la polizia francese ha dato la caccia a un gruppo di uomini armati che hanno ucciso due agenti penitenziari durante un attacco a un casello autostradale, liberando un detenuto legato agli omicidi di droga della malavita.

Il Presidente Emmanuel Macron ha giurato che sarebbe stato fatto tutto il possibile per trovare i responsabili dell’attacco, mentre il detenuto è ancora in libertà così come coloro che lo hanno aiutato a fuggire.

Due agenti penitenziari sono stati uccisi nell’attacco e altri tre sono rimasti feriti, ha dichiarato il procuratore di Parigi Laure Beccuau.

Un altro sta lottando per la vita in ospedale e altri due stanno ricevendo assistenza medica in condizioni critiche, ha dichiarato.

L’incidente è avvenuto nella tarda mattinata di martedì a Incarville, nella regione dell’Eure, nel nord della Francia, in corrispondenza di un casello stradale.

Il detenuto, dopo essere stato interrogato da un giudice nel centro regionale di Rouen in Normandia, stava tornando alla sua prigione nella città di Evreux.

Il pubblico ministero ha dichiarato che il furgone del carcere è stato colpito frontalmente da un veicolo Peugeot rubato mentre attraversava il casello.

Il veicolo della prigione era seguito a sua volta da un’Audi dalla quale sono usciti degli uomini armati che hanno sparato contro entrambi i veicoli del convoglio della prigione.

“Si sta facendo di tutto per trovare gli autori di questo crimine”, ha scritto Macron su X.

“Saremo intransigenti”, ha aggiunto, descrivendo l’attacco come uno “shock”.

I canali televisivi francesi hanno trasmesso un filmato dell’attacco ripreso dalle telecamere di sorveglianza del casello, che mostra il veicolo che si scontra frontalmente con il furgone della prigione.Nel video, le porte dell’auto vengono aperte e ne escono diversi uomini armati vestiti di nero.
Segue uno scontro a fuoco e un individuo sembra essere guidato via dal furgone dagli uomini armati.

Un veicolo che si ritiene sia stato usato dagli aggressori è stato poi ritrovato bruciato in un altro luogo.

“Saranno puniti”

“Si tratta di persone per le quali la vita non conta nulla. Saranno arrestati, saranno giudicati e saranno puniti in base al crimine che hanno commesso”, ha dichiarato il ministro della Giustizia Eric Dupond-Moretti.

Centinaia di poliziotti e gendarmi sono stati mobilitati per partecipare alle ricerche, secondo il ministro degli Interni Gerald Darmanin.

Gli agenti penitenziari morti, entrambi uomini, sono stati i primi ad essere uccisi, erano in servizio dal 1992, ha aggiunto.

Uno di loro era sposato e aveva due figli, mentre l’altro “ha lasciato una moglie incinta di cinque mesi”, ha dichiarato.

I sindacati degli agenti penitenziari hanno annunciato una giornata di servizio minimo mercoledì e hanno chiesto misure urgenti per migliorare la sicurezza del personale.

Dupond-Moretti ha annunciato che mercoledì incontrerà i rappresentanti dei sindacati.

Secondo una fonte vicina al caso, il convoglio della prigione non era scortato dalla polizia.

Un’unità della polizia d’élite GIGN è stata inviata per cercare di catturare i sospetti.

“Violenza ingiustificabile”

Il procuratore Beccuau ha indicato il detenuto come Mohamed Amra, nato nel 1994, affermando che la settimana scorsa era stato condannato per rapina aggravata e accusato di un caso di rapimento che ha portato alla morte.

Il caso è stato affidato ai procuratori dell’ufficio francese per la lotta al crimine organizzato, noto con l’acronimo JUNALCO.

Una fonte vicina al caso ha precisato che Amra è sospettato di essere coinvolto nel traffico di droga e di aver ordinato omicidi di gruppo.

Un’altra fonte ha detto che è sospettato di essere a capo di una network. Alcuni media hanno riferito che il suo soprannome era “La Mouche” (la mosca).

Il suo avvocato Hugues Vigier ha dichiarato che Amra aveva già tentato la fuga nel fine settimana segando le sbarre della sua cella e si è detto scioccato dalla violenza “imperdonabile” e “folle”.

“Questo non corrisponde all’impressione che avevo di lui”, ha dichiarato l’avvocato a BFMTV.

L’incidente è avvenuto nello stesso giorno in cui il Senato francese ha pubblicato un rapporto schiacciante in cui si avverte che le misure governative non sono state in grado di impedire il fiorire dell’industria degli stupefacenti in Francia.

Il presidente della commissione Jerome Durain ha dichiarato che la Francia “non è ancora un narco-stato”, ma il traffico di droga costituisce comunque “una minaccia diretta all’interesse nazionale” e le misure antidroga del governo non sono “all’altezza della sfida”.

L’ordine pubblico è un tema importante nella politica francese in vista delle elezioni europee del mese prossimo e l’agguato al furgone della prigione ha scatenato reazioni feroci da parte dei politici, soprattutto dell’estrema destra.

“È una vera e propria violenza che colpisce la Francia ogni giorno”, ha dichiarato Jordan Bardella, il candidato di punta del National Rally (RN) di estrema destra, in testa ai sondaggi per le elezioni.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

‘Questa non è una serie TV’ – Muscat si dichiara non colpevole tra drammi in tribunale e fuori

Centinaia di persone hanno manifestato fuori dal tribunale a sostegno di Muscat e dei suoi collaboratori. Foto: Matteo MirabelliJoseph Muscat si è dichiarato non...