mercoledì, Febbraio 21, 2024
HomeBusinessEconomiaLa BCE alza i tassi ai massimi da 22 anni

La BCE alza i tassi ai massimi da 22 anni

La Banca Centrale Europea ha aumentato i tassi di interesse a un livello massimo di 22 anni oggi e ha dichiarato che un altro aumento a luglio è “molto probabile”, portando avanti la sua lotta contro l’inflazione nonostante l’economia dell’eurozona stia peggiorando.

Il Consiglio direttivo della BCE ha aumentato i tassi di altri 25 punti base, portando il tasso sui depositi al 3,50%, il livello più alto dal 2001.

“L’inflazione sta scendendo, ma si prevede che rimarrà troppo alta per troppo tempo”, ha dichiarato il presidente della BCE Christine Lagarde.

La mossa arriva un giorno dopo che la Federal Reserve statunitense ha rinunciato ad aumentare i tassi dopo 10 aumenti consecutivi.

“Non stiamo pensando di fare una pausa”, ha detto Lagarde, aggiungendo che la BCE ha ancora “terreno da coprire” sui tassi dopo che l’istituzione di Francoforte ha alzato le sue prospettive di inflazione per il 2023-2025 nelle nuove previsioni di oggi.

A meno che non si verifichi un cambiamento sostanziale delle nostre previsioni di base, è molto probabile che continueremo ad aumentare i tassi a luglioCristine Lagarde

La BCE ha alzato i costi di finanziamento al ritmo più rapido di sempre per combattere l’inflazione, dopo che la guerra russa in Ucraina ha fatto salire i prezzi di cibo ed energia, aumentando i tassi di riferimento di 4,00 punti percentuali da luglio.

Le pressioni salariali stanno diventando una “fonte sempre più importante” di inflazione, ha dichiarato la Lagarde, in quanto i lavoratori – spinti da un tasso di disoccupazione dell’Eurozona ai minimi storici – spingono per ottenere aumenti salariali che aiutino a compensare l’aumento del costo della vita.

L’inflazione dell’Eurozona è rallentata al 6,1% a maggio su base annua, in calo rispetto al picco del 10,6% di ottobre, soprattutto grazie al rapido calo dei costi energetici.

La BCE ha dichiarato che i suoi sforzi per contrastare l’inflazione stanno “gradualmente avendo un impatto”, con un forte rallentamento della domanda di prestiti a causa dell’aumento dei costi di finanziamento per le famiglie e le imprese della zona euro.

Tuttavia, l’inflazione rimane tre volte al di sopra dell’obiettivo della BCE, mentre l’inflazione di fondo – che esclude i prezzi volatili di cibo ed energia – è scesa solo leggermente al 5,3% a maggio, dopo il 5,6% di aprile.

Oggi Lagarde ha ribadito che la BCE “seguirà un approccio dipendente dai dati” nel tracciare la strada da seguire.

“La BCE non può permettersi di sbagliare sull’inflazione”, ha dichiarato Carsten Brzeski, economista della banca ING. “La banca vuole e deve essere sicura di aver ucciso il drago dell’inflazione prima di prendere in considerazione un cambiamento di politica

‘Non soddisfacente’

Come tutte le banche centrali, la BCE deve camminare su una linea sottile per aumentare i tassi di interesse in misura sufficiente a smorzare la domanda e contenere l’inflazione, senza provocare un brusco rallentamento dell’economia.

Ma l’economia dell’eurozona si è dimostrata meno resistente di quanto si pensasse inizialmente. I dati rivisti della scorsa settimana hanno mostrato che l’economia dell’Unione valutaria a 20 nazioni si è ridotta dello 0,1% per due trimestri consecutivi alla fine del 2022 e all’inizio del 2023, soddisfacendo la definizione tecnica di recessione.

Pur essendo ancora lieve, il crollo invernale a sorpresa ha messo in dubbio le previsioni economiche più ottimistiche per il 2023. Nelle previsioni aggiornate, la BCE vede ora l’economia dell’eurozona crescere dello 0,9% nel 2023, in calo rispetto al precedente 1,0%.

La Lagarde ha affermato che l’economia “si rafforzerà nel corso dell’anno” grazie al rallentamento dell’inflazione, all’allentamento delle catene di fornitura e alla tenuta del settore dei servizi.

Ma ha sottolineato che le prospettive rimangono “altamente incerte”, citando tra i fattori di rischio la guerra della Russia in Ucraina e la potenziale debolezza della crescita globale.

Ci arriveremo

Le proiezioni aggiornate di giovedì indicano che l’inflazione raggiungerà il 5,4% nel 2023, il 3,0% nel 2024 e il 2,2% nel 2025, con un aumento di 0,1 punti percentuali per ogni anno rispetto alle ultime previsioni di marzo.

Con l’obiettivo del 2% della BCE ancora non raggiungibile entro il 2025, la Lagarde ha definito le prospettive “non soddisfacenti”.

Le pressioni salariali stanno diventando una “fonte sempre più importante” di inflazione, ha dichiarato, in quanto i lavoratori – spinti da un tasso di disoccupazione dell’eurozona ai minimi storici – spingono per ottenere aumenti salariali che aiutino a compensare l’aumento del costo della vita.

Ha inoltre espresso preoccupazione per gli elevati profitti aziendali, esortando le imprese e i dipendenti a evitare un “tit-for-tat” in cui entrambe le parti cercano di compensare completamente l’inflazione, creando potenzialmente una spirale indesiderata di aumenti dei prezzi.

La BCE sta seguendo da vicino le discussioni e gli sviluppi tra le diverse parti del mercato del lavoro, ha dichiarato Lagarde.

La banca centrale “adotterà tutte le misure necessarie per riportare l’inflazione al 2%. Su questo possono contare”, ha detto. “E siamo fiduciosi che ci arriveremo”

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE