martedì, Aprile 23, 2024
HomeBusinessEconomiaI titoli oscillano dopo che la BCE ha alzato i tassi e...

I titoli oscillano dopo che la BCE ha alzato i tassi e abbassato le previsioni di crescita

I mercati azionari hanno vacillato nella giornata di oggi quando la Banca Centrale Europea ha aumentato i tassi di interesse a un massimo di 22 anni, un giorno dopo che la Federal Reserve ha segnalato che avrebbe ripreso ad aumentare i costi di prestito dopo una pausa.

L’euro è salito dopo che la BCE ha annunciato l’aumento dei tassi di un quarto di punto, ampiamente previsto, e ha avvertito della persistenza dell’inflazione e del rallentamento della crescita.

Più interessanti sono le nuove previsioni e indicazioni della banca, il cui messaggio complessivo è che il lavoro dei responsabili politici non è finito”, ha dichiarato Jack Allen-Reynolds, vice capo economista della zona euro presso Capital Economics.

La BCE ha alzato le sue previsioni sull’inflazione e ha avvertito che l’aumento dei prezzi al consumo rimarrà “troppo alto per troppo tempo”. L’inflazione nel blocco è rallentata al 6,1% a maggio su base annua, ma rimane più di tre volte l’obiettivo della BCE del 2%.

La Fed ha fatto una pausa, ma ha previsto altri due rialzi dei tassi, mentre la BCE probabilmente si opporrà all’idea di una pausa a questo punto, dopo il rialzo di oggi– Craig Erlam, analista di OANDA

I titoli dell’Eurozona sono scesi ulteriormente dopo l’annuncio della BCE, che ha tagliato le previsioni di crescita per il blocco che, secondo dati recenti, è caduto in recessione durante l’inverno.

Un giorno prima, la Fed ha messo in pausa il suo ciclo di rialzo dei tassi, ma ha segnalato che altri rialzi sono in arrivo.

Le banche centrali aumentano i tassi nel tentativo di frenare l’inflazione, ma questo danneggia l’attività economica, fa aumentare i rimborsi dei prestiti e pesa sul sentimento degli investitori.

‘Falco’

Craig Erlam, analista di OANDA, ha dichiarato all’AFP: “Le banche centrali rimangono… falchi” a causa di un’inflazione ostinatamente alta. “La Fed ha fatto una pausa, ma ha previsto altri due rialzi dei tassi, mentre la BCE probabilmente si opporrà all’idea di una pausa a questo punto, dopo il rialzo di oggi

Il capo della BCE Christine Lagarde ha fatto proprio questo nella sua tradizionale conferenza stampa dopo la riunione dei tassi, affermando che la banca centrale “non ha finito” la sua battaglia per ridurre l’inflazione. “A meno che non ci sia un cambiamento sostanziale nella nostra linea di base, continueremo ad aumentare nella nostra prossima riunione (a luglio). Quindi non stiamo pensando di fare una pausa”, ha dichiarato Lagarde ai giornalisti dopo aver portato i tassi al livello più alto dal 2001.

I responsabili politici della Fed hanno scelto mercoledì di congelare i costi di finanziamento, dopo aver attuato 10 rialzi consecutivi dall’inizio del 2022. Tuttavia, hanno segnalato la possibilità di ulteriori aumenti nel corso dell’anno, dato che l’inflazione è ancora doppia rispetto al tasso obiettivo della banca e il mercato del lavoro rimane rigido.

La decisione di mantenere i tassi al 5,0-5,25% è arrivata un giorno dopo che i dati hanno mostrato che il mese scorso i prezzi sono aumentati del 4,0% su base annua, il ritmo più lento da marzo 2021. La lettura ha alimentato le speranze che la Fed possa guidare l’economia verso un atterraggio morbido e ha attenuato i timori che gli Stati Uniti possano entrare in recessione.

Una serie di dati economici pubblicati all’inizio della giornata di giovedì ha per lo più confermato tale narrazione, ma i titoli di Wall Street sono scesi all’apertura delle contrattazioni, dopo aver chiuso mercoledì in modo misto in seguito alla decisione della Fed sui tassi.

Gli investitori hanno anche digerito la notizia che la banca centrale cinese ha tagliato un tasso d’interesse chiave nel tentativo di stimolare l’attività dell’economia asiatica in difficoltà.

Oggi, il prezzo di riferimento del gas in Europa ha toccato un massimo di due mesi grazie al calo delle forniture da parte del principale produttore norvegese, che ha subito perdite nelle tubature e arresti per manutenzione.

La Norvegia è diventata il principale fornitore di gas dell’Europa in seguito alla guerra della Russia contro la vicina Ucraina.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Kim supervisiona le prime esercitazioni di “innesco nucleare” della Corea del Nord

Il leader nordcoreano Kim Jong Un (C) osserva un'esercitazione virtuale di contrattacco nucleare con una grande unità di "artiglieria a razzo", in una località...