martedì, Maggio 28, 2024
HomeBusinessEconomiaLa Banca Centrale di Malta prevede un rallentamento della crescita del PIL

La Banca Centrale di Malta prevede un rallentamento della crescita del PIL

Secondo le proiezioni della Banca Centrale di Malta, la crescita del prodotto interno lordo di Malta rallenterà da circa il 7% nel 2022 al 4% nel 2023, e si ridurrà ulteriormente al 3,8% e al 3,7% nel 2024 e nel 2025.

Ciò significa che la banca ha rivisto al rialzo la crescita del PIL di 0,3 punti percentuali nel 2023 e di 0,2 punti percentuali nel 2024 e 2025.

In un comunicato di venerdì 16 giugno, la CBM ha affermato che nel 2023 le esportazioni nette dovrebbero essere il principale contributore alla crescita del PIL. Ciò riflette il previsto forte rallentamento delle importazioni e la robusta crescita delle esportazioni.

Nel frattempo, la domanda interna dovrebbe ridurre la crescita, poiché l’effetto base degli investimenti straordinari del 2022 dovrebbe compensare i contributi positivi del governo e dei consumi privati.

A partire dal 2024, la domanda interna dovrebbe essere il principale motore della crescita, in quanto la crescita dei consumi privati dovrebbe rimanere relativamente robusta nonostante l’inflazione relativamente alta.

Anche le esportazioni nette dovrebbero contribuire positivamente nel 2024 e nel 2025, grazie alle robuste esportazioni di servizi.

La crescita dell’occupazione dovrebbe ridursi al 3,6% nel 2023 dal 6% del 2022, il che riflette in parte la prevista normalizzazione dell’attività economica verso la crescita potenziale.

Nei prossimi due anni, l’occupazione dovrebbe espandersi rispettivamente del 2,7% e del 2,4%.

In considerazione dell’inflazione relativamente alta e delle condizioni rigide del mercato del lavoro, si prevede una crescita dei salari nominali relativamente forte in una prospettiva storica.

La retribuzione per dipendente dovrebbe quindi crescere del 5,5% nel 2023, del 4,9% nel 2024 e del 3,9% nel 2025, superando l’inflazione dei prezzi al consumo nell’ultimo periodo dell’orizzonte di proiezione.

L’inflazione annuale basata sull’Indice Armonizzato dei Prezzi al Consumo dovrebbe ridursi al 5,3% nel 2023, grazie all’ulteriore allentamento delle strozzature dell’offerta internazionale.

Tuttavia, i persistenti effetti indiretti dei recenti aumenti dei costi dei fattori produttivi manterranno l’inflazione elevata in una prospettiva storica.

Il calo dell’inflazione nel 2023 riflette un’ampia diminuzione in tutte le sottocomponenti dell’IPCA, ad eccezione dell’inflazione energetica, poiché si prevede che i prezzi dell’energia rimangano invariati in considerazione delle misure di sostegno del governo.

Si prevede che i servizi siano il principale contributore all’inflazione IPCA, ma anche i prodotti alimentari e i beni industriali non energetici dovrebbero contribuire all’inflazione IPCA annuale nel 2023.

Disavanzo pubblico

Il deficit pubblico dovrebbe scendere al 4,9% del PIL nel 2023, dal 5,8% del 2022. Continuerà poi a diminuire nel resto dell’orizzonte di previsione, raggiungendo il 3,4% del PIL nel 2025.

Questo miglioramento è dovuto alla diminuzione della quota di spesa sul PIL, principalmente a causa del profilo delle misure di mitigazione dell’inflazione.

Il rapporto debito pubblico/PIL è destinato ad aumentare per tutto l’orizzonte di previsione, fino a raggiungere il 55,3% nel 2025. Ciò è dovuto al livello previsto dei disavanzi primari, che compensano in parte l’impatto di riduzione del debito del differenziale di crescita degli interessi.

Venerdì, la CBM ha anche osservato che i rischi per l’attività economica sono inclinati verso il basso per il 2023 e il 2024 e sono più equilibrati in seguito.

I principali rischi al ribasso riguardano la possibilità di una debolezza del contesto economico internazionale più forte del previsto, che potrebbe portare a un calo delle esportazioni.

Anche la domanda estera potrebbe risultare più debole del previsto se la politica monetaria delle economie avanzate dovesse subire un inasprimento più marcato di quanto ipotizzato in questa tornata di proiezioni. Anche i dati sul PIL del primo trimestre dell’anno implicano alcuni rischi al ribasso per la domanda interna.

I rischi per l’inflazione sono al rialzo per l’intero orizzonte di proiezione.

Infatti, l’inflazione potrebbe essere più persistente di quanto ipotizzato nelle proiezioni di base e potrebbe continuare a risentire degli effetti indiretti dei passati aumenti dei prezzi delle materie prime.

Inoltre, gli effetti di secondo impatto derivanti dall’aumento dei salari e dei margini di profitto potrebbero prolungare l’inflazione elevata. Al contrario, un’ulteriore stretta monetaria e una minore domanda estera potrebbero allentare le pressioni inflazionistiche nel medio termine.

Ulteriori misure di sostegno per Air Malta

Sul fronte fiscale, i rischi sono al ribasso (aumento del deficit), in particolare nel 2023.

Questi rischi riflettono principalmente la probabilità di misure di sostegno aggiuntive nei confronti di Air Malta.

I rischi di riduzione del disavanzo negli ultimi anni dell’orizzonte di previsione riguardano principalmente le pressioni di consolidamento fiscale, poiché la clausola generale di salvaguardia del Patto di stabilità e crescita sarà disattivata alla fine del 2023.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

In immagini: Muscat, Schembri e Mizzi elogiati mentre affrontano accuse di corruzione

Muscat è stato sommerso quando è entrato in tribunale. Foto: Matteo MirabelliJoseph Muscat, Keith Schembri e Konrad Mizzi hanno ricevuto un'accoglienza da eroi quando...