sabato, Giugno 3, 2023
HomeBusinessBanca Centrale di Malta: si è rallentata la crescita dei depositi e...

Banca Centrale di Malta: si è rallentata la crescita dei depositi e del credito dei residenti

La crescita dei depositi e del credito dei residenti si è moderata a gennaio, secondo l’edizione di marzo dell’Economic Update, pubblicato dalla Banca Centrale di Malta.

I depositi dei residenti presso le istituzioni finanziarie monetarie sono cresciuti a un tasso annuo del 3,9%, leggermente inferiore al 4,0% registrato un mese prima.

I depositi con scadenza a due anni sono diminuiti del 21,6% in termini annuali, dopo una contrazione del 24,7% nell’anno fino a dicembre. Secondo la banca, ciò potrebbe riflettere gli sforzi di alcuni istituti di credito per ridurre il numero di conti di deposito a scadenza fissa.

Nel frattempo, il credito ai residenti maltesi è cresciuto del 7,3% a gennaio, dopo l’aumento del 7,6% annuo del mese precedente. Questa decelerazione è stata in gran parte determinata da un aumento più contenuto del credito ai residenti al di fuori delle amministrazioni pubbliche. La crescita annuale di questa componente è scesa al 7,4%, dal 7,8% di dicembre.

Allo stesso tempo, anche il credito alle amministrazioni pubbliche è aumentato a un ritmo più lento, con un incremento del 6,9%, inferiore al 7,3% registrato a dicembre.

Il tasso di variazione annuale dei prestiti alle famiglie è sceso all’8,8% a gennaio, dal 9,4% del mese precedente.

La crescita dei mutui si è arrestata al 9,2%, al di sotto del 9,8% registrato a dicembre.

Anche la crescita del credito al consumo e degli altri prestiti è rallentata a gennaio, attestandosi al 3,9%, dopo l’aumento del 4,8% del mese precedente.

Il tasso di variazione annuale dei prestiti alle società non finanziarie è sceso al 7,6% a gennaio, dal 7,8% dell’anno precedente. La decelerazione è stata in gran parte determinata dal rallentamento della crescita dei prestiti al settore immobiliare e a quello del commercio all’ingrosso e al dettaglio, ha dichiarato la banca.

I prestiti al settore energetico hanno subito una contrazione, dopo un piccolo aumento a dicembre. A gennaio si è registrato anche un calo più rapido dei prestiti al settore dei servizi amministrativi e di supporto. Per contro, i prestiti al settore dei trasporti, magazzinaggio, informazione e comunicazione sono aumentati a un ritmo più rapido, mentre i prestiti al settore delle attività di alloggio e ristorazione sono diminuiti a un ritmo più lento.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Quali beni possiedono i parlamentari?

Ogni anno i parlamentari sono tenuti a divulgare le loro attività finanziarie, dalle proprietà ai prestiti bancari. Le dichiarazioni relative al periodo marzo 2022-23 mostrano...