venerdì, Marzo 1, 2024
HomeBusinessTecnologiaMusk difende la risposta di X ai disordini di Dublino

Musk difende la risposta di X ai disordini di Dublino

Il gigante dei social media X, precedentemente conosciuto come Twitter, ha difeso la sua risposta ai recenti disordini a Dublino, in parte alimentati dagli utenti di estrema destra della piattaforma.

X ha definito “inesatte” le affermazioni del Ministro della Giustizia irlandese Helen McEntee, secondo cui non si sarebbe impegnato con la polizia irlandese durante i disordini del 23 novembre.

La violenza, che ha visto auto della polizia e veicoli del trasporto pubblico incendiati e negozi saccheggiati, è stata la peggiore vista a Dublino da decenni.

In una dichiarazione al Parlamento irlandese la scorsa settimana, McEntee ha affermato che mentre alcune società di social media come TikTok e Meta si sono impegnate con la polizia e hanno eliminato i post, altre non lo hanno fatto.

McEntee ha detto che X “non si è impegnato. Non hanno rispettato i loro standard comunitari”.

La piattaforma ha descritto le affermazioni di McEntee come “inesatte”.

“Abbiamo agito in modo proattivo su più di 1.230 contenuti in base alle nostre regole relative ai disordini”, ha dichiarato nella tarda serata di lunedì.

“La polizia irlandese non ci ha fatto alcuna richiesta formale fino alla fine di lunedì 27 novembre. Abbiamo risposto prontamente.

“L’unico appello che abbiamo ricevuto dalla (polizia irlandese) relativo all’applicazione delle nostre regole riguarda un singolo post”, ha detto X, aggiungendo che spera che McEntee “chiarisca le sue osservazioni”.

Sulla scia dei disordini, i legislatori irlandesi hanno chiesto alle grandi aziende tecnologiche di essere più proattive nell’affrontare le attività di estrema destra online.

Il Parlamento di Dublino sta anche valutando una proposta di legge contro l’incitamento all’odio, che limiterebbe gli utenti che pubblicano contenuti infiammatori sui social media.

Il progetto di legge potrebbe vedere sotto i riflettori il famoso lottatore Conor McGregor. Il dublinese ha pubblicato una serie di post sui social media durante i disordini che criticavano la politica di immigrazione del governo, scrivendo ai suoi 10 milioni di follower: “Irlanda, siamo in guerra”.

Dopo la proposta di legge, il proprietario di X, Elon Musk, ha affermato che il Primo Ministro irlandese Leo Varadkar “odia il popolo irlandese”.

In risposta a un commento di un influencer di destra, Musk è sembrato anche appoggiare l’idea che McGregor – l’ex campione UFC – si candidi a una carica politica in Irlanda.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE