martedì, Maggio 28, 2024
HomeWorldL'Irlanda riconoscerà la sovranità palestinese "questo mese"

L’Irlanda riconoscerà la sovranità palestinese “questo mese”

Foto AFP di Micheal Martin (R) mentre parla con il presidente palestinese Mahmud Abbas (L) alla Farmleigh House di Dublino, Irlanda, nel settembre del 2022.

L’Irlanda è certa di riconoscere lo Stato palestinese entro la fine di maggio, ha dichiarato mercoledì il ministro degli Esteri del Paese, senza specificare una data.

“Riconosceremo lo Stato della Palestina entro la fine del mese”, ha dichiarato Micheal Martin, vice primo ministro irlandese, alla stazione radio Newstalk.

A marzo i leader di Spagna, Irlanda, Slovacchia e Malta hanno affermato, in una dichiarazione congiunta, di essere pronti a riconoscere lo Stato palestinese.

L’Irlanda ha dichiarato da tempo di non avere obiezioni di principio al riconoscimento ufficiale dello Stato palestinese, se questo potesse aiutare il processo di pace in Medio Oriente.

Ma la guerra di Israele contro i militanti di Hamas a Gaza ha dato nuovo impulso alla questione.

La settimana scorsa il capo della politica estera dell’UE, Josep Borrell, ha dichiarato che la Spagna, l’Irlanda e la Slovenia intendono riconoscere simbolicamente uno Stato palestinese il 21 maggio, e che altri potrebbero seguirne l’esempio.

Ma l’irlandese Martin, mercoledì, ha evitato di indicare una data precisa.

“La data specifica è ancora incerta perché stiamo ancora discutendo con alcuni Paesi in merito al riconoscimento congiunto di uno Stato palestinese”, ha dichiarato Martin.

“Nei prossimi giorni sarà chiara la data specifica, in ogni caso sarà sicuramente prima della fine di questo mese”.

“Attendo oggi le consultazioni con alcuni ministri degli Esteri per definire gli ultimi dettagli”.

Il mese scorso, durante la visita a Dublino del premier spagnolo Pedro Sanchez, il primo ministro irlandese Simon Harris ha dichiarato che i Paesi avrebbero coordinato la mossa insieme.

“Quando ci muoveremo, vorremmo farlo con il maggior numero possibile di altri Paesi per dare peso alla decisione e inviare il messaggio più forte”, ha dichiarato Harris.

La guerra di Gaza ha fatto seguito all’attacco di Hamas del 7 ottobre contro Israele, che ha causato la morte di 1.170 persone, per lo più civili, secondo i dati israeliani.

L’offensiva di rappresaglia di Israele ha ucciso più di 35.000 persone a Gaza, soprattutto donne e bambini, secondo il ministero della Sanità del territorio gestito da Hamas.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

‘Questa non è una serie TV’ – Muscat si dichiara non colpevole tra drammi in tribunale e fuori

Centinaia di persone hanno manifestato fuori dal tribunale a sostegno di Muscat e dei suoi collaboratori. Foto: Matteo MirabelliJoseph Muscat si è dichiarato non...