mercoledì, Febbraio 21, 2024
HomeMaltaMalta si astiene nell'accordo sull'accoglienza dei rifugiati, l'UE raggiunge un accordo

Malta si astiene nell’accordo sull’accoglienza dei rifugiati, l’UE raggiunge un accordo

Malta si è astenuta nella votazione di ieri, mentre le nazioni dell’UE hanno raggiunto un accordo su una revisione a lungo bloccata delle regole del blocco per condividere in modo più equo l’accoglienza dei richiedenti asilo e dei migranti.

La Svezia, che detiene la presidenza di turno del blocco, ha annunciato la svolta dopo un’intensa giornata di negoziati tra i ministri degli Interni dell’UE a Lussemburgo.

L’accordo – che richiedeva l’approvazione di una maggioranza di Paesi che rappresentassero almeno il 65% della popolazione del blocco – giunge dopo anni di dispute sulla politica di asilo.

Il commissario europeo per gli Affari interni Ylva Johansson lo ha definito un “passo enormemente significativo” per l’UE in materia di migrazione.

I legislatori sono pronti ad avviare immediatamente i negoziati per raggiungere un accordo – Roberta Metsola

“Queste non sono decisioni facili per tutti coloro che siedono al tavolo, ma sono decisioni storiche”, ha dichiarato il ministro degli Interni tedesco Nancy Faeser.

La proposta presentata alla riunione prevedeva un aiuto obbligatorio tra i Paesi dell’UE, ma con la possibilità di farlo in due modi.

La priorità è che i Paesi dell’UE condividano l’accoglienza dei richiedenti asilo, accogliendo molti di quelli che arrivano nei Paesi della fascia esterna del blocco, soprattutto Grecia e Italia.

L’accordo prevede che i Paesi che si rifiutano siano tenuti a versare una somma di 20.000 euro a persona in un fondo gestito da Bruxelles.

Polonia e Ungheria hanno votato contro le proposte, mentre Bulgaria, Malta, Lituania e Slovacchia si sono astenute.

L’accordo preliminare apre la strada ai negoziati con il Parlamento europeo sulla legislazione che potrebbe essere adottata prima delle elezioni europee di giugno del prossimo anno.

La presidente del Parlamento Roberta Metsola ha dichiarato che i legislatori sono “pronti ad avviare immediatamente i negoziati per raggiungere un accordo”.

Il ministro dell’Interno italiano Matteo Piantedosi ha dichiarato di essere felice che “tutte le mie proposte” siano state accettate.

“L’Italia non sarà il centro di accoglienza dei migranti per conto dell’Europa”, ha dichiarato.

Un buon equilibrio

La difficile riforma è balzata all’ordine del giorno del blocco in concomitanza con l’aumento del numero di richiedenti asilo, dopo una pausa causata dalle limitazioni ai viaggi durante la pandemia di Covid.

La Commissione europea – perseguitata dalla crisi dei migranti del 2015 – ha proposto un nuovo patto sulla migrazione e l’asilo nel 2020, basato su un sistema di quote.

Ma il piano si è rapidamente arenato dopo il rifiuto di Ungheria, Polonia e altri Paesi che si opponevano a qualsiasi obbligo di accoglienza.

La Svezia, che detiene la presidenza di turno dell’UE fino alla fine di questo mese, ha presentato due testi di compromesso: uno che richiedeva l’approccio dell’accoglienza o del denaro da parte di tutti gli Stati membri e l’altro sulle procedure di asilo alle frontiere esterne dell’UE.

Il secondo testo obbliga gli Stati membri a mettere in atto procedure rapide alle frontiere per gli arrivi da Paesi considerati sicuri, al fine di facilitare il loro rimpatrio.

“Questi dossier costituiscono i due pilastri principali della riforma del sistema di asilo dell’UE e sono la chiave per un buon equilibrio tra responsabilità e solidarietà”, ha twittato la presidenza svedese.

Il Segretario di Stato belga per l’Asilo e la Migrazione, Nicole de Moor, ha dichiarato che tra i migranti che statisticamente hanno meno possibilità di ottenere lo status di rifugiato ci sono i cittadini di “Marocco, Algeria, Tunisia, Senegal, Bangladesh e Pakistan”.

Oxfam, un’organizzazione benefica che si occupa di assistenza ai rifugiati, ha criticato la direzione dei negoziati, in quanto i Paesi dell’UE stanno adottando misure più severe per arginare i richiedenti asilo.

Prima dei negoziati finali, Oxfam ha affermato che le proposte “non risolveranno le carenze croniche del sistema di asilo dell’UE”.

“Al contrario, esse segnalano il desiderio dell’UE di barricare l’Europa dai richiedenti asilo”, ha dichiarato Oxfam.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE