giovedì, Aprile 18, 2024
HomeWorldL'isola francese di tendenza limita i visitatori per combattere l'overtourism

L’isola francese di tendenza limita i visitatori per combattere l’overtourism

La piccola isola francese di Brehat, una popolare destinazione turistica della costa settentrionale, sta limitando il numero di visitatori quest’estate dopo aver visto arrivare sulle sue coste rocciose un numero di persone pari a 15 volte la sua popolazione in un solo giorno.

Al largo della costa della Bretagna, Brehat si sta unendo a numerosi altri siti in Francia che si oppongono all'”overtourism” tra le preoccupazioni per la gestione dei rifiuti e la protezione dell’ambiente.

Il numero di visitatori giornalieri, che accedono all’isola tramite un tragitto in barca di 10 minuti dalla terraferma, sarà limitato a un massimo di 4.700 tra il 14 luglio e il 25 agosto, ha dichiarato il sindaco Olivier Carre in un decreto emesso questa settimana.

L’isola, che ospita solo 377 residenti permanenti, fa parte della rete di conservazione dell’UE Natura 2000, che mira a promuovere la biodiversità proteggendo gli habitat delle specie più vulnerabili.

Il comune non ̬ in grado di gestire il volume di rifiuti che aumenta di 10 volte durante i mesi di punta del turismoРIl sindaco Olivier Carre

L’idilliaco paesaggio è un punto caldo per i turisti, con ben 450.000 persone che visitano l’isola in un anno, secondo uno studio della società Littomatique.

In primavera e in estate, il numero di visitatori può arrivare a quasi 6.000 in un solo giorno.

“Il comune non è in grado di gestire il volume di rifiuti che aumenta di 10 volte durante i mesi di punta del turismo, ha dichiarato il sindaco.

L’afflusso sta anche erodendo i sentieri che conducono al pittoresco faro a nord dell’isola e ha un impatto sulle aree protette.

L’affollamento è anche un freno per i turisti stessi, con un conseguente rapido declino della soddisfazione dei visitatori, secondo uno studio dell’Associazione delle Isole Ponant (AIP).

Demarketing

All’inizio di quest’anno l’Alleanza per il Turismo della Francia ha rilevato che l’80% dei turisti affolla solo il 20% del territorio del Paese.

L’ufficio del turismo di Parigi prevede di raggiungere 37 milioni di visitatori nella sola capitale quest’anno, quasi raggiungendo i livelli pre-pandemia.

Il primo trimestre di quest’anno ha visto volumi vicini a quelli del 2019, mentre la spesa ha superato le cifre del 2019, ha annunciato mercoledì.

L’Alleanza del turismo francese ha raccomandato agli operatori turistici di promuovere i siti meno popolari per disperdere la folla, oltre all’adozione di tecniche quali quote giornaliere nei siti, biglietteria programmata e tariffe più alte.

Le campagne di “demarketing” – immagini pubblicitarie di siti sovraffollati per farli sembrare meno attraenti – sono state adottate con successo dalla città balneare di Marsiglia nel 2021 e da Porto Vecchio in Corsica nel 2022 per ridurre l’afflusso.

Più di recente, il parco nazionale delle Calanques, vicino a Marsiglia, ha annunciato che manterrà un sistema di prenotazione per visitare le calette di Sugiton, attuato per la prima volta durante la pandemia COVID-19.

Con i viaggi limitati dell’epoca, i sentieri rocciosi lungo le acque cristalline del Mediterraneo hanno visto un afflusso di turisti fino a 2.500 al giorno, che calpestavano la vegetazione lussureggiante.

Il sistema di prenotazione, la cui realizzazione è costata 100.000 euro secondo la direttrice del parco Gaelle Berthaud, garantisce che solo 400 persone possano visitare il sito in un determinato giorno.

Il parco nazionale dell’isola di Porquerolles, al largo della costa sudorientale della Francia, per tre estati ha limitato i visitatori giornalieri a 6.000, in uno sforzo simile per proteggere il paesaggio.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE