venerdì, Giugno 14, 2024
HomeWorldI rivali di Macron si mobilitano per le elezioni anticipate

I rivali di Macron si mobilitano per le elezioni anticipate

Il Raduno Nazionale (RN) anti-immigrazione di Marine Le Pen e del leader Jordan Bardella ha ottenuto il 31% dei voti al Parlamento europeo. Foto: AFP

Il presidente francese Emmanuel Macron ha affrontato  le alleanze dell’opposizione che si stanno cristallizzando a destra e a sinistra, dopo che il centrista ha indetto un’elezione parlamentare lampo sulla scia di una sconfitta nei sondaggi europei per mano dell’estrema destra.

Il suo ufficio ha rinviato a mercoledì un’importante conferenza stampa inizialmente prevista per martedì pomeriggio, insistendo sul fatto che il voto nazionale porrà davanti al popolo francese la scelta tra “forze repubblicane da una parte e forze estremiste dall’altra”.

L’imminente voto ha fatto suonare un campanello d’allarme in tutta Europa, poiché rischia di mettere in difficoltà la Francia, storicamente un attore chiave nel mediare il compromesso a Bruxelles e nel sostenere l’Ucraina contro l’invasione russa.

I partiti di sinistra più eterogenei si sono mossi rapidamente per mettere da parte le differenze e formare un ampio patto elettorale, dichiarando che avrebbero presentato candidati comuni.

Nel frattempo si è diffusa la voce che il partito conservatore repubblicano, un tempo dominante, avrebbe stretto un accordo con il partito di estrema destra National Rally, guidato da Marine Le Pen, due volte sfidante di Macron alle presidenziali.

A soli 19 giorni dal primo turno del 30 giugno – la campagna più breve dalla fondazione della Quinta Repubblica francese nel 1958 – il compito di Macron di sostenere il suo schieramento centrista è formidabile, secondo i sondaggi.

Emmanuel Macron dissolved parliament in response to a stinging European vote. Photo: AFP
Emmanuel Macron ha sciolto il parlamento in risposta a un voto europeo molto duro. Foto: AFP

Un sondaggio Harris Interactive-Toluna pubblicato lunedì suggerisce che solo il 19 percento delle persone lo sosterrebbe, rispetto al 34 percento del National Rally di estrema destra.

Il primo ministro di Macron, Gabriel Attal, che secondo quanto riferito aveva messo in guardia dal convocare le elezioni, ha detto ai parlamentari del partito che avrebbe “fatto di tutto per evitare il peggio”, secondo quanto riferito dal suo ufficio.

Questa elezione “ha una posta in gioco più drammatica e storica di quella del 2022” perché “l’estrema destra è alle porte del potere”, ha aggiunto.

Il ministro delle Finanze Bruno Le Maire ha detto che la scelta è tra “una chiara maggioranza o… il rischio di una crisi di regime”.

Sul fronte economico, l’agenzia di rating Moody’s ha avvertito lunedì che le elezioni rappresentano un rischio per la sua valutazione del debito francese, che ammonta a più di 3.000 miliardi di euro (3.200 miliardi di dollari), circa il 110% del PIL.

Alleanza di destra?

Macron ha convocato le urne dopo che l’estrema destra ha schiacciato la sua alleanza centrista nelle elezioni del Parlamento europeo di domenica.

Secondo gli analisti, la mossa del leader francese è un tentativo di assicurarsi che la RN non vinca la potente carica di presidente quando il suo secondo mandato come capo di Stato terminerà nel 2027.

Le Pen è uscita subito allo scoperto con un’intervista televisiva nella tarda serata di lunedì, definendo il voto una “occasione storica per il campo nazionalista di rimettere la Francia in carreggiata”.

Ha dichiarato che le sue priorità politiche sono “la difesa del potere d’acquisto e la lotta contro l’insicurezza e l’immigrazione” e ha nominato il suo 28enne capo del partito Jordan Bardella come potenziale primo ministro.

Nel frattempo, il leader dei Repubblicani Eric Ciotti ha dichiarato di “pensare seriamente” a un’alleanza con il RN, come ha riferito un alto esponente del partito al quotidiano conservatore Le Figaro prima di un’intervista televisiva all’ora di pranzo.

Un tempo veicolo che portò al potere i presidenti Nicolas Sarkozy e Jacques Chirac, negli ultimi anni il partito dei Republicains è stato schiacciato tra i centristi di Macron e il RN, contrario agli immigrati e all’UE.

L’RN parla anche con il piccolo gruppo di estrema destra Reconquest, guidato alle elezioni europee dalla nipote di Le Pen, Marion Marechal.

Sinistra unita

I partiti di sinistra della Francia sono molto frammentati, sembrano aver rapidamente accantonato le differenze che avevano mandato in frantumi la loro alleanza parlamentare, in particolare le loro risposte contrastanti alla guerra a Gaza.

Socialisti, Verdi, Comunisti e la sinistra dura France Unbowed (LFI) hanno dichiarato che “sosterranno candidati comuni, fin dal primo turno” delle elezioni – la stessa strategia che ha permesso loro di ottenere un totale di 151 seggi nel parlamento di 577 seggi nel giugno 2022.

“Ce l’abbiamo fatta. Siamo riusciti a raggiungere un accordo”, ha detto la leader dei Verdi Marine Tondelier agli attivisti che manifestavano fuori dal raduno dei leader del partito nella sua sede di Parigi.

La sinistra intende unirsi alle manifestazioni contro l’estrema destra previste per questo fine settimana dalle principali federazioni sindacali, tra cui la CFDT e la CGT.

Ma l’alleanza non ha ancora nominato un candidato di consenso per il ruolo di primo ministro, se dovesse vincere la maggior parte dei seggi.

I capi dei partiti sono riluttanti a promuovere l’abrasivo capo di LFI Jean-Luc Melenchon, mentre il leader della lista socialista alle elezioni europee Raphael Glucksmann si è tirato fuori.

Qualunque sia la decisione sulla leadership, i partiti di tutto lo schieramento sono in fibrillazione per far pervenire i nomi dei loro candidati alle autorità elettorali entro le 18:00 di domenica, prima dell’inizio ufficiale della campagna elettorale la prossima settimana.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE