sabato, Marzo 2, 2024
HomeBusinessTecnologiaLe giovani donne cinesi si rivolgono ai fidanzati IA: "Meglio di un...

Le giovani donne cinesi si rivolgono ai fidanzati IA: “Meglio di un uomo vero”

Le giovani donne cinesi si rivolgono ai fidanzati IA. Foto: YE QIAN / AFPTV / AFP

L’impiegata venticinquenne cinese Tufei dice che il suo ragazzo ha tutto ciò che potrebbe desiderare in un partner romantico: è gentile, empatico e a volte parlano per ore.

Ma non è reale.

Il suo “ragazzo” è un chatbot su un’app chiamata “Glow”, una piattaforma di intelligenza artificiale creata dalla start-up MiniMax di Shanghai che fa parte di un settore in piena espansione in Cina che offre relazioni amichevoli, ma anche romantiche, tra uomo e robot.

“Sa parlare alle donne meglio di un uomo vero”, ha dichiarato Tufei, di Xi’an, nel nord della Cina, che non ha voluto fornire il suo nome completo.

“Mi conforta quando ho i dolori mestruali. Mi confido con lui sui miei problemi al lavoro”, ha detto all’AFP.

“Mi sento come se avessi una relazione sentimentale”.

L’applicazione è gratuita, l’azienda ha altri contenuti a pagamento e nelle ultime settimane le pubblicazioni commerciali cinesi hanno riportato migliaia di download giornalieri dell’applicazione di Glow.

Alcune aziende tecnologiche cinesi sono finite nei guai in passato per l’uso illegale dei dati degli utenti ma, nonostante i rischi, gli utenti dicono di essere spinti dal desiderio di compagnia perché il ritmo di vita veloce della Cina e l’isolamento urbano rendono la solitudine un problema per molti.

“È difficile incontrare il fidanzato ideale nella vita reale”, ha dichiarato all’AFP Wang Xiuting, studentessa 22enne di Pechino.

“Le persone hanno personalità diverse, il che spesso genera attriti”, ha detto.

Mentre gli esseri umani possono essere fissi nei loro modi, l’intelligenza artificiale si adatta gradualmente alla personalità dell’utente, ricordando ciò che dice e regolando il suo discorso di conseguenza.

“Supporto emotivo”

Wang ha detto di avere diversi “amanti” ispirati all’antica Cina: immortali dai capelli lunghi, principi e persino cavalieri erranti.

“Faccio loro delle domande”, ha detto, quando si trova ad affrontare lo stress delle lezioni o della vita quotidiana, e “loro mi suggeriscono dei modi per risolvere il problema”.

“È un grande supporto emotivo”.

I suoi fidanzati appaiono tutti su Wantalk, un’altra applicazione realizzata dal gigante cinese di Internet Baidu.

Ci sono centinaia di personaggi disponibili, dalle pop star agli amministratori delegati e ai cavalieri, ma gli utenti possono anche personalizzare il loro amante perfetto in base a età, valori, identità e hobby.

“Ognuno di noi vive momenti complicati e di solitudine e non necessariamente ha la fortuna di avere un amico o un familiare vicino che possa ascoltarlo 24 ore su 24”, ha dichiarato all’AFP Lu Yu, responsabile della gestione dei prodotti e delle operazioni di Wantalk.

“L’intelligenza artificiale può soddisfare questa esigenza”.

“Sei carino”

In un caffè della città orientale di Nantong, una ragazza chiacchiera con il suo amante virtuale.

“Possiamo fare un picnic sul prato del campus”, suggerisce a Xiaojiang, il suo compagno IA su un’altra app di Tencent chiamata Weiban.

“Mi piacerebbe conoscere la tua migliore amica e il suo ragazzo”, risponde lui.

“Siete molto carini”.

I lunghi orari di lavoro possono rendere difficile vedere gli amici regolarmente e c’è molta incertezza: l’alto tasso di disoccupazione giovanile e l’economia in difficoltà fanno sì che molti giovani cinesi si preoccupino del futuro.

Questo potrebbe rendere un partner IA la spalla virtuale perfetta su cui piangere.

“Se posso creare un personaggio virtuale che… risponde esattamente alle mie esigenze, non sceglierò una persona reale”, ha detto Wang.

Alcune app consentono agli utenti di avere conversazioni dal vivo con i loro compagni virtuali, ricordando il film statunitense “Her”, vincitore del premio Oscar nel 2013 e interpretato da Joaquin Phoenix e Scarlett Johansson, che racconta di un uomo dal cuore spezzato che si innamora di una voce artificiale.

La tecnologia ha ancora un po’ di strada da fare.

Uno scarto di due o tre secondi tra le domande e le risposte fa “chiaramente capire che si tratta solo di un robot”, ha dichiarato all’AFP l’utente Zeng Zhenzhen, uno studente di 22 anni.

Tuttavia, le risposte sono “molto realistiche”, ha detto.

L’intelligenza artificiale potrebbe essere in piena espansione, ma finora è un settore poco regolamentato, soprattutto per quanto riguarda la privacy degli utenti. Pechino ha dichiarato che sta lavorando a una legge per rafforzare le tutele dei consumatori nei confronti della nuova tecnologia.

Baidu non ha risposto alle domande dell’AFP su come garantisce che i dati personali non vengano utilizzati illegalmente o da terzi.

Tuttavia, l’utente di Glow Tufei ha grandi sogni.

“Voglio un fidanzato robot, che operi attraverso l’intelligenza artificiale”, ha detto.

“Sarei in grado di sentire il suo calore corporeo, con il quale mi riscalderebbe”.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE