sabato, Marzo 2, 2024
HomeWorldBiden esorta Israele a proteggere i civili di Rafah

Biden esorta Israele a proteggere i civili di Rafah

Bambini palestinesi ispezionano i danni provocati dai bombardamenti israeliani a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, il 12 febbraio 2024. Foto: SAID KHATIB / AFP

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato che i civili a Rafah “devono essere protetti”, mentre oggi Israele ha affrontato una crescente pressione internazionale per accettare un cessate il fuoco con Hamas.

Israele si sta preparando per un’incursione nella città meridionale di Gaza, Rafah, dove sono intrappolati più di un milione di palestinesi.

“Molte persone sono state sfollate, sfollate più volte, in fuga dalla violenza a nord, e ora sono ammassate a Rafah, esposte e vulnerabili”, ha detto Biden dopo i colloqui di lunedì alla Casa Bianca con il re di Giordania Abdullah II.

Re Abdullah ha spinto per un cessate il fuoco completo per porre fine alla guerra che dura da quattro mesi.

“Non possiamo permetterci un attacco israeliano a Rafah”, ha detto Re Abdullah.

“È certo che produrrà un’altra catastrofe umanitaria. Abbiamo bisogno di un cessate il fuoco duraturo, ora”.

Biden delivers remarks alongside King of Jordan Abdullah II ibn Al Hussein after a meeting at the White House on February 12, 2024 in Washington, DC. Photo:ANNA MONEYMAKER / GETTY IMAGES NORTH AMERICA / GETTY IMAGES VIA AFP" src="https://cdn-attachments.timesofmalta.com/59a38c42ade5d9908c74ce4a1b6254ec74cae6af-1707811850-53228283-1920x1280.jpg" alt="U.S. President Joe Biden delivers remarks alongside King of Jordan Abdullah II ibn Al Hussein after a meeting at the White House on February 12, 2024 in Washington, DC. Photo:ANNA MONEYMAKER / GETTY IMAGES NORTH AMERICA / GETTY IMAGES VIA AFP" width="630" height="420" /> Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden pronuncia un discorso accanto al Re di Giordania Abdullah II ibn Al Hussein dopo un incontro alla Casa Bianca il 12 febbraio 2024 a Washington, DC. Foto:ANNA MONEYMAKER / GETTY IMAGES NORTH AMERICA / GETTY IMAGES VIA AFP

Il direttore della CIA William Burns era atteso al Cairo martedì per un nuovo round di colloqui su una proposta di cessate il fuoco mediata dal Qatar, che avrebbe interrotto temporaneamente i combattimenti in cambio della liberazione degli ostaggi da parte di Hamas.

La sua visita è prevista dopo che Washington e le Nazioni Unite hanno messo in guardia Israele dall’effettuare un’offensiva di terra a Rafah senza un piano per proteggere i civili, che dicono di non avere più un posto dove andare.

“Ovunque andiamo ci sono bombardamenti, martiri e feriti”, ha detto Iman Dergham, una donna palestinese sfollata. La Cina ha esortato Israele a “fermare l’operazione militare il prima possibile… per evitare un disastro umanitario più grave nell’area di Rafah”.

Dopo aver rifiutato le condizioni di Hamas per una tregua la scorsa settimana, lunedì Israele ha condotto un raid all’alba a Rafah che ha liberato due ostaggi e ucciso circa 100 persone.

Netanyahu ha salutato l’operazione che ha liberato Fernando Simon Marman, 60 anni, e Luis Har, 70 anni, come “perfetta”, mentre il ministero degli Esteri palestinese ha detto che la morte di decine di gazesi è stata un “massacro”.

La rara missione di salvataggio è avvenuta poche ore dopo che il premier israeliano ha parlato con Biden, il quale ha ribadito la sua opposizione a un grande assalto a Rafah.

Netanyahu ha respinto l’alleato chiave di Israele, insistendo sul fatto che la “vittoria completa” non può essere raggiunta senza l’eliminazione degli ultimi battaglioni dei militanti a Rafah.

Nessun luogo sicuro

Gli Stati Uniti hanno irritato alcuni alleati mediorientali rifiutando ripetutamente di appoggiare un cessate il fuoco completo, con Washington che ha detto di sostenere l’impegno di Israele per sradicare Hamas e ha chiesto invece pause più brevi con scambi di ostaggi e prigionieri.

Biden ha dichiarato lunedì che la sua amministrazione sta cercando di mediare una tregua di sei settimane e che, sebbene gli elementi chiave siano stati posti in essere, rimangono delle “lacune”. Una volta che le parti in conflitto avranno accettato il cessate il fuoco, si potrà discutere di “qualcosa di più duraturo”, ha detto Biden.

Rafah è diventato l’ultimo rifugio per oltre la metà della popolazione di Gaza, che è schiacciata contro il confine con l’Egitto in campi di fortuna dove deve affrontare epidemie di epatite e diarrea e la scarsità di cibo e acqua.

Netanyahu ha detto che Israele fornirà un “passaggio sicuro” ai civili che cercano di andarsene, ma i governi stranieri e i gruppi di aiuto – così come i gazesi – si sono chiesti dove possano andare.

“Così com’è, non c’è nessun luogo sicuro a Gaza per il momento”, ha detto il portavoce delle Nazioni Unite Stephane Dujarric.

Alla domanda su una missione di evacuazione, ha risposto che le Nazioni Unite “non parteciperanno allo spostamento forzato di persone”.

Il capo delle Nazioni Unite per i diritti umani, Volker Turk, ha avvertito che “un numero estremamente elevato di civili” sarebbe probabilmente ucciso o ferito in un’incursione israeliana completa a Rafah, che potrebbe anche segnare la fine dei “magri” aiuti umanitari che entrano a Gaza.

Secondo l’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura, ogni giorno un numero maggiore di gazesi viene spinto sull’orlo della carestia, con tutti i 2,2 milioni di persone nel territorio che rientrano nelle tre categorie di fame più gravi dell’agenzia ONU.

“Nel nord abbiamo quasi finito la farina”, ha detto un uomo a Beit Lahia, nel nord di Gaza. “Non riusciamo nemmeno a trovare cibo e bevande per i bambini”

“Il tempo sta per scadere”

L’operazione di Israele per liberare i due ostaggi ha lasciato a Rafah crateri di bombe e cumuli di macerie.

I filmati dell’operazione notturna diffusi dall’esercito israeliano sembravano mostrare poco più di una dozzina di soldati che entravano a piedi in un edificio ed estraevano gli ostaggi, descritti come in condizioni “buone e sane”.

Un portavoce dell’ufficio di Netanyahu ha dichiarato che si è trattato di “una battaglia prolungata”, durante la quale “decine di obiettivi di Hamas sono stati attaccati dall’aria”.

Il procuratore capo della Corte penale internazionale, Karim Khan, si è detto “profondamente preoccupato per i bombardamenti riportati”.

Lunedì anche il Dipartimento di Stato americano ha chiesto a Israele di indagare sulla morte “straziante” di Gazan Hind Rajab, una bambina di sei anni

Il suo corpo è stato recuperato sabato insieme a due parenti e a due operatori della Mezzaluna Rossa che erano andati a cercarla dopo che l’auto della sua famiglia era finita sotto il fuoco mentre cercava di fuggire da un’avanzata israeliana a Gaza City.

Almeno 28.340 persone, per lo più donne e bambini, sono morte durante l’incessante bombardamento e l’offensiva di terra di Israele a Gaza, secondo il ministero della Sanità gestito da Hamas.

L’esercito israeliano ha dichiarato martedì che altri tre dei suoi soldati sono stati uccisi nei combattimenti a Gaza, portando a 232 le sue perdite dall’inizio delle operazioni di terra il 27 ottobre.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE