domenica, Febbraio 25, 2024
HomeMaltaAlexiei Dingli sulla sua idea di IA: "Vogliamo solo migliorare il traffico"

Alexiei Dingli sulla sua idea di IA: “Vogliamo solo migliorare il traffico”

Una simulazione del Digital Traffic Brain in azione.

Dopo la sua partecipazione a Shark Tank Malta di TVM, l’esperto di AI Alexiei Dingli ha parlato con James Cummings dei suoi piani per salvare il Paese dal traffico.

Per Alexiei Dingli, imprenditore nel campo della gestione del traffico con l’intelligenza artificiale (AI), un essere umano dovrebbe sempre essere al posto di guida.

Il professore dell’Università di Malta ed ex sindaco di La Valletta è recentemente apparso nello show Shark Tank Malta di TVM, dove si è assicurato un finanziamento di 1,3 milioni di euro per il suo sistema di gestione del traffico alimentato dall’intelligenza artificiale chiamato Digital Traffic Brain.

Grazie all’utilizzo di telecamere stradali in tutto il Paese, l’intelligenza artificiale dovrebbe ridurre il traffico regolando i semafori e chiudendo e aprendo le corsie in tempo reale per aiutare a mantenere la circolazione. Mentre attualmente questo compito viene svolto dagli esseri umani, Dingli afferma che la sua IA sarà in grado di gestire un numero molto maggiore di dati, prendere decisioni più rapide e agire in modo proattivo, anziché limitarsi a rispondere agli eventi nel momento in cui si verificano.

Ma perché gli automobilisti dovrebbero fidarsi del Cervello Digitale del Traffico?

“Credo sempre che in questo tipo di sistemi di intelligenza artificiale sia necessaria la presenza di un essere umano, perché alla fine è un essere umano che deve prendere le decisioni”, ha detto Dingli.

Ha spiegato che, invece di prendere decisioni da sola, l’IA suggerirà azioni ai funzionari dei trasporti nelle sale di controllo del traffico di Malta, il che significa che ogni decisione sarà comunque presa da un umano.

“Non raccomanderei mai di fidarsi ciecamente di un’IA”, ha detto, sottolineando l’uso dell'”IA spiegabile”, o XAI, da parte del Digital Traffic Brain per giustificare i suoi suggerimenti.

“L’IA non si limiterà a suggerire la chiusura di una strada e l’apertura di un’altra, ma dovrà spiegare la sua decisione e il motivo per cui è giunta a tale conclusione”, ha affermato Dingli.

Ma con un sistema del genere collegato a grandi quantità di dati pubblici, quali garanzie può offrire che la privacy degli automobilisti sia protetta?

“In primo luogo, non memorizzeremo i dati, ma li elaboreremo soltanto: stiamo solo fornendo il cervello del sistema”, ha detto Dingli, aggiungendo che l’azienda sta lavorando con consulenti sulla privacy per garantire l’aderenza alle leggi dell’UE, “soprattutto con l’AI Act dietro l’angolo”.

Venerdì scorso, i legislatori europei hanno approvato norme fondamentali che regolano l’uso dell’IA in Europa, mentre l’approvazione della legge è prevista per maggio.

Dingli ha poi spiegato che, se necessario, il cervello digitale del traffico potrebbe essere programmato per non leggere le targhe delle auto, assegnando invece a ogni veicolo un numero identificativo univoco che potrebbe poi essere verificato dai funzionari dei trasporti in base alle riprese delle telecamere.

Ha anche detto che il sistema non sarà collegato a Internet, il che significa che non sarà vulnerabile ai tentativi di hacking: “Per noi è importante che sia un sistema trasparente – vogliamo solo migliorare il traffico, tutto qui”.

Egli osserva che un sistema simile in funzione nella città cinese di Hangzhou ha ridotto gli ingorghi del 15% nel primo anno.

Valletta mayor Alexiei Dingli." src="https://cdn-attachments.timesofmalta.com/5bb33b3ee761e72c688ae680fd1c53efa70dd80a-1707054592-fa069ba8-1920x1280.jpg" alt="University of Malta professor and former Valletta mayor Alexiei Dingli." width="630" height="789" /> Il professore dell’Università di Malta ed ex sindaco di La Valletta Alexiei Dingli.

Trasporto alternativo

Malta ha visto peggiorare i suoi problemi di traffico nel corso degli anni, mentre il numero di automobili continua ad aumentare.

Secondo i recenti dati dell’Ufficio nazionale di statistica, tra ottobre e dicembre dello scorso anno oltre 2.500 nuovi veicoli si sono aggiunti alle strade maltesi, con un aumento di 60 al giorno.

Il Digital Traffic Brain sta quindi combattendo una battaglia persa? Ci sono semplicemente troppe auto sulle strade?

“Non credo che qualcuno possa essere in disaccordo con questo”, risponde Dingli ridendo, “Uno dei commenti che ho ricevuto – e sono giusti – è che dovremmo promuovere un maggiore uso di trasporti alternativi piuttosto che l’auto. Ma è quello che spero accada”, ha detto.

Dingli ha spiegato che la capacità della sua IA di gestire il flusso del traffico per dare priorità ai veicoli di emergenza potrebbe essere utilizzata anche per dare priorità agli autobus, citando il traffico come una delle principali cause dei ritardi degli autobus, che a loro volta scoraggiano le persone dall’utilizzarli.

“Uno dei problemi del nostro sistema di autobus non è che non abbiamo abbastanza autobus o fermate, ma che rimangono bloccati nel traffico. Dovremmo dare priorità al trasporto di massa, così si spera che un maggior numero di persone scelga di usarlo e contribuisca a ridurre il numero di auto in circolazione”.

Ha aggiunto che il Digital Traffic Brain “non è solo per le auto” e potrebbe aiutare anche i ciclisti suggerendo percorsi più sicuri e adatti attraverso un’applicazione autonoma o utilizzando soluzioni esistenti come Google Maps.

Dingli ha dichiarato che intende collaborare con il gruppo di difesa delle biciclette ROTA, che ha definito “un ruolo importante da svolgere”.

“Non possiamo risolvere tutto con un’unica soluzione, ma dobbiamo coinvolgere tutti e trovare la soluzione migliore per tutti”, ha detto.

Salute e social media

Oltre a migliorare il traffico, Dingli spera che il Digital Traffic Brain contribuisca a migliorare la nostra salute.

Poiché uno studio del 2018 ha rilevato che il traffico è uno dei principali responsabili dell’inquinamento atmosferico – che, secondo un sondaggio Eurobarometro del 2022, la maggior parte dei maltesi teme sia dannoso per la propria salute – Dingli ritiene che, facendo muovere le auto, si potrebbe contribuire a migliorare la qualità dell’aria del Paese.

“La quantità di emissioni che le auto producono quando sono bloccate nel traffico è incredibilmente alta”, ha detto, “e ricordate che non si tratta di eliminare tutto il traffico, ma di eliminarne abbastanza per far muovere le auto. È questo il nostro obiettivo”.

Ha anche in programma di sfruttare i social media per dirigere meglio il traffico in occasione di grandi eventi, come ad esempio i concerti. Ha detto che tali informazioni potrebbero aiutare gli automobilisti a deviare in anticipo su percorsi alternativi o suggerire loro di utilizzare i mezzi pubblici per completare il viaggio.

Un accordo equo?

Poiché il Digital Traffic Brain utilizza i dati delle telecamere del traffico finanziate con fondi pubblici, qual è la risposta di Dingli a chi potrebbe obiettare che il governo si fa pagare per un servizio che utilizza i loro dati?

“Ho una risposta semplice: Il costo del traffico a Malta ogni anno è di 400 milioni di euro”, ha detto, facendo riferimento a un rapporto della Commissione europea del 2022.

ora, se riusciamo a ridurre gli ingorghi del 15%, stiamo parlando di un risparmio per il Paese di 60 milioni di euro all’anno…”. Penso che sia abbastanza giusto”.

Preoccupato per gli estremi

Dingli è stato sindaco di La Valletta per oltre un decennio, fino all’inizio del 2019.

In un’intervista rilasciata a Times of Malta poco dopo la fine del suo mandato, ha dichiarato che gli interessi commerciali stavano prevalendo su quelli dei residenti.

La pensa ancora così?

La Valletta ha un problema che ha la maggior parte di Malta, ovvero che iniziamo a fare le cose bene ma poi le portiamo all’estremo. E questo mi preoccupa molto”, ha detto.

“L’ultima volta che sono andato a La Valletta, c’erano così tanti tavoli e sedie che si riusciva a malapena a camminare”.

Pur non essendo contrario alla commercializzazione, Dingli ha affermato che questa dovrebbe essere fatta “con stile”, rispettando il carattere unico della città. E ha sottolineato l’importanza di un’adeguata applicazione delle norme.

“Abbiamo bisogno di una maggiore applicazione delle norme, ma nella maggior parte dei casi abbiamo bisogno della volontà di farle rispettare, perché le norme esistono”, ha detto.

Commentando le segnalazioni di musica ad alto volume in città, l’ex sindaco ha affermato che è importante trovare un intrattenimento “che sia adatto a tutti”.

“Facciamo in modo che rispetti i residenti, perché non si può avere una città senza i suoi residenti. La Valletta morirebbe senza di loro, quindi cerchiamo di trovare un equilibrio”.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Il premio NOMA 2024 a Manuela Tesse e Michele Marcolini

Sliema, Malta - 13 febbraio 2024 Il prestigioso Premio Noma 2024 sarà conferito a Manuela Tesse e Michele Marcolini, allenatori delle nazionali maltesi di...