martedì, Maggio 28, 2024
HomeWorldXi e Putin salutano i legami come forza "stabilizzante" in un mondo...

Xi e Putin salutano i legami come forza “stabilizzante” in un mondo caotico

La bandiera nazionale russa (a sinistra) sventola accanto a quella cinese mentre un ritratto del defunto leader comunista Mao Zedong viene visto fuori dalla Porta di Tienanmen, durante la visita di Stato del presidente russo Vladimir Putin a Pechino il 16 maggio 2024. Foto: AFP

I leader Xi Jinping e Vladimir Putin hanno definito i loro legami come “una forza stabilizzante in un mondo caotico” durante l’incontro di giovedì a Pechino, dove il presidente russo sta cercando di ottenere un maggiore sostegno cinese per il suo sforzo bellico in Ucraina e per la sua economia isolata.

Si tratta del primo viaggio all’estero di Putin dalla sua rielezione di marzo e del secondo in poco più di sei mesi in Cina, un’ancora di salvezza economica per la Russia, dopo che l’Occidente l’ha colpita con sanzioni senza precedenti per la sua offensiva militare in Ucraina.

Putin è stato accolto da Xi con una grande cerimonia di benvenuto davanti alla Grande Sala del Popolo di Pechino, come mostrano i filmati dell’emittente statale CCTV.

I due leader si sono ritrovati con gli inni nazionali di entrambi i Paesi e con melodie marziali, dando il via a una visita di due giorni di Putin che dovrebbe vedere i due Paesi approfondire un rapporto che hanno dichiarato essere “senza limiti”.

Durante l’incontro, Xi ha poi detto al suo “vecchio amico” Putin che le relazioni Cina-Russia sono “favorevoli alla pace”, secondo quanto riportato dal ministero degli Esteri di Pechino.

“La Cina è pronta a lavorare con la Russia per… sostenere l’equità e la giustizia nel mondo”, ha aggiunto Xi.

“Il rapporto Cina-Russia oggi è duramente guadagnato e le due parti devono custodirlo e alimentarlo”.

Putin, a sua volta, ha dichiarato a Xi che le relazioni tra i due Paesi sono “fattori di stabilizzazione nell’arena internazionale”.

“Le relazioni tra Russia e Cina non sono opportunistiche e non sono dirette contro nessuno”, ha dichiarato Putin, secondo quanto riportato dal Cremlino.

“Insieme sosteniamo i principi della giustizia e di un ordine mondiale democratico che rifletta le realtà multipolari e sia basato sul diritto internazionale”, ha aggiunto.

“Sincera amicizia personale”

L’arrivo del leader russo è avvenuto poche ore dopo aver salutato le truppe del suo Paese per l’avanzata su “tutti i fronti” sul campo di battaglia in Ucraina, a seguito di un nuovo importante assalto di terra.

Xi, tornato la scorsa settimana da un tour di tre nazioni in Europa, ha respinto le critiche occidentali sui legami del suo Paese con Mosca, che gode di importazioni di energia russa a basso costo e dell’accesso a vaste risorse naturali, tra cui le spedizioni costanti di gas attraverso il gasdotto Power of Siberia.

“Questo è il primo viaggio di Putin dopo il suo insediamento ed è quindi volto a dimostrare che le relazioni cino-russe si stanno evolvendo su un altro livello”, ha dichiarato all’AFP l’analista politico russo indipendente Konstantin Kalachev.

“Per non parlare dell’amicizia personale visibilmente sincera tra i due leader”.

Negli ultimi mesi, però, la loro partnership economica è stata sottoposta a un attento esame da parte dell’Occidente.

Il Segretario di Stato americano Antony Blinken, che ha incontrato Xi a Pechino il mese scorso, ha avvertito che il sostegno della Cina alla “brutale guerra di aggressione” in Ucraina ha aiutato la Russia a incrementare la produzione di razzi, droni e carri armati, pur senza esportare direttamente armi.

La Cina sostiene di essere una parte neutrale nel conflitto ucraino, che non ha mai condannato e nel quale ha cercato di porsi come mediatore.

Putin, in un’intervista pubblicata da Xinhua prima della sua visita, ha elogiato il “genuino desiderio” di Pechino di contribuire a risolvere la crisi ucraina.

Transazioni lente

Dopo l’invasione dell’Ucraina, il commercio tra Cina e Russia ha registrato un’impennata fino a raggiungere i 240 miliardi di dollari nel 2023, secondo i dati delle dogane cinesi.

Ma dopo che Washington ha giurato di perseguire le istituzioni finanziarie che agevolano Mosca, le esportazioni cinesi verso la Russia sono diminuite nei mesi di marzo e aprile, dopo un’impennata all’inizio dell’anno.

Un ordine esecutivo del presidente Joe Biden, a dicembre, permette di applicare sanzioni secondarie alle banche straniere che trattano con la macchina da guerra russa, consentendo al Tesoro degli Stati Uniti di tagliarle fuori dal sistema finanziario globale guidato dal dollaro.

Questo, insieme ai recenti sforzi per ricostruire i legami incrinati con gli Stati Uniti, potrebbe rendere Pechino riluttante a spingere apertamente per una maggiore cooperazione con la Russia – malgrado ciò che Mosca potrebbe volere, hanno affermato gli analisti.

Otto persone di entrambi i Paesi, coinvolte nel commercio transfrontaliero, hanno dichiarato nei giorni scorsi all’AFP che diverse banche cinesi hanno interrotto o rallentato le transazioni con i clienti russi.

Il viaggio post-elettorale di Putin a Pechino fa eco alla visita di Xi in Russia dopo la sua rielezione a leader lo scorso anno.

I due leader firmeranno una dichiarazione congiunta dopo i colloqui, ha dichiarato il Cremlino, e parteciperanno a una serata per celebrare i 75 anni di relazioni diplomatiche tra i due Paesi.

Putin incontrerà anche il premier Li Qiang e si recherà nella città nordorientale di Harbin per un’esposizione commerciale e di investimenti.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

‘Questa non è una serie TV’ – Muscat si dichiara non colpevole tra drammi in tribunale e fuori

Centinaia di persone hanno manifestato fuori dal tribunale a sostegno di Muscat e dei suoi collaboratori. Foto: Matteo MirabelliJoseph Muscat si è dichiarato non...