martedì, Aprile 23, 2024
HomeWorldLa NATO compie 75 anni a dispetto della guerra in Ucraina

La NATO compie 75 anni a dispetto della guerra in Ucraina

Bandiere dei Paesi membri nell’area degli arrivi della sede della NATO a Bruxelles. Foto AFP

La NATO arrivata ai 75 anni dalla sua fondazione nel momento in cui l’alleanza occidentale si trova ad affrontare l’urgente necessità di fare di più per aiutare l’Ucraina a vincere la guerra che sta attualmente sconvolgendo l’Europa.

I ministri degli Esteri dei 32 Paesi della NATO terranno una cerimonia presso la sede di Bruxelles per festeggiare l’organizzazione che si autodefinisce “l’alleanza più potente e di successo della storia”.

Ma, tra il taglio della torta e i discorsi, la NATO è alle prese con una delle sue sfide più gravi da quando è emersa dalle ceneri della Seconda Guerra Mondiale nel 1949 per contrastare l’Unione Sovietica.

“Mentre celebriamo i risultati della NATO, non ci adagiamo su di essi”, ha detto mercoledì il capo dell’Alleanza Jens Stoltenberg.

“L’Europa si trova ora ad affrontare una guerra di dimensioni che pensavamo fossero rassegnate alla storia

Da quando la Russia ha lanciato la sua invasione totale dell’Ucraina due anni fa, una NATO rinvigorita ha aggiunto Finlandia e Svezia ai suoi ranghi e ha rafforzato le sue forze in Europa orientale.

I membri dell’Alleanza hanno anche sostenuto Kyiv – che sta facendo domanda per entrare nella NATO – inviando all’Ucraina armi per un valore di decine di miliardi di dollari.

Ma queste forniture si sono ridotte, dato che il sostegno della principale potenza della NATO, gli Stati Uniti, è bloccato dalle lotte politiche. In prima linea, le forze ucraine, superdotate, sono state spinte in contropiede.

Di fronte ai crescenti attacchi missilistici russi contro le sue infrastrutture, Kiev sta implorando i suoi sostenitori occidentali di inviare tutti i sistemi di difesa Patriot di cui dispone.

Stoltenberg, nel frattempo, ha proposto un fondo quinquennale da 100 miliardi di euro (108 miliardi di dollari) nel tentativo di garantire un sostegno a lungo termine all’Ucraina.

Sta anche spingendo per coinvolgere più direttamente la NATO come organizzazione nel coordinamento delle forniture, cosa che l’alleanza si è finora rifiutata di fare per timore di essere trascinata più vicino alla guerra con la Russia.

La minaccia di Trump

Secondo i funzionari, parte dell’urgenza del piano consiste nel cercare di proteggere il sostegno all’Ucraina dal possibile ritorno di Donald Trump alla Casa Bianca dopo le elezioni statunitensi di novembre.

Ma rimangono molti interrogativi su come funzionerebbe un eventuale finanziamento e fino a che punto la NATO sarebbe disposta a spingersi.

Il volubile ex presidente degli Stati Uniti ha preoccupato gli alleati criticando il sostegno a Kiev e ha scatenato una tempesta di fuoco politica dicendo che “incoraggerebbe” la Russia a perseguire gli alleati della NATO che non spendono abbastanza per la difesa.

Questa dichiarazione ha minacciato di minare la clausola di mutua difesa della NATO, che ha sostenuto la sicurezza europea per tre quarti di secolo.

In risposta alla minaccia di Trump, l’Alleanza ha cercato di ottenere un aumento della spesa da parte dei membri europei.

Quest’anno si prevede che 20 Paesi della NATO raggiungeranno l’obiettivo di spendere il 2% del loro prodotto interno lordo per la difesa, rispetto alle sole tre nazioni del 2014.

“La cosa più importante che possiamo fare per assicurarci che questa alleanza continui a crescere e a rafforzarsi è garantire che tutti noi spendiamo più del 2% del nostro PIL per la difesa”, ha dichiarato il ministro degli Esteri britannico David Cameron.

“È il modo migliore per prepararsi alle elezioni americane dell’autunno, qualunque sia il risultato”, ha aggiunto.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Kim supervisiona le prime esercitazioni di “innesco nucleare” della Corea del Nord

Il leader nordcoreano Kim Jong Un (C) osserva un'esercitazione virtuale di contrattacco nucleare con una grande unità di "artiglieria a razzo", in una località...