martedì, Aprile 23, 2024
HomeWorldUn elicottero trae in salvo i minatori mentre Taiwan cerca i dispersi...

Un elicottero trae in salvo i minatori mentre Taiwan cerca i dispersi dopo il terremoto

Un bambino evacuato dalla zona del terremoto gioca con un volontario. Foto: AFP

Un elicottero ha portato in salvo sei minatori da una cava di Taiwan giovedì, mentre i soccorritori lavoravano per liberare decine di persone intrappolate nei tunnel dell’autostrada dopo il più grande terremoto dell’isola in un quarto di secolo.

Nove persone sono rimaste uccise e più di 1.000 ferite nel terremoto di magnitudo 7,4 di mercoledì, ma le rigide norme edilizie e la diffusa consapevolezza dei disastri pubblici sembrano aver evitato una grave catastrofe sull’isola.

Decine di residenti della città più colpita hanno trascorso la notte all’aperto, piuttosto che in appartamenti ancora scossi dalle scosse di assestamento, e una massiccia operazione di ingegneria era in corso per riparare le strade danneggiate e puntellare gli edifici inclinati.

Un video drammatico pubblicato giovedì dal Centro operativo centrale di emergenza dell’isola ha mostrato un elicottero che ha effettuato due sortite per recuperare sei minatori intrappolati in una cava di gesso nella contea di Hualien, vicino all’epicentro del sisma.

I soccorritori sapevano dove si trovavano altre decine di persone intrappolate in una rete di tunnel fortemente costruiti nella contea, una caratteristica delle strade che tagliano le montagne e le scogliere panoramiche che portano alla città di Hualien da nord e da ovest.

“Spero anche che si possa sfruttare il tempo di oggi per trovare tutte le persone bloccate e irreperibili e aiutarle a sistemarsi”, ha detto il premier Chen Chien-jen dopo un briefing in un centro operativo di emergenza a Hualien.

L’isola è stata scossa da oltre 300 forti scosse di assestamento dal primo terremoto e il governo ha avvertito la popolazione di fare attenzione a frane o cadute di massi se si fosse avventurata in campagna per il Qingming, una festività di due giorni iniziata giovedì.

Le famiglie tradizionalmente visitano le tombe degli antenati in questo giorno festivo per pulire le tombe e bruciare le offerte.

“Non andate in montagna se non è necessario”, ha avvertito il presidente Tsai Ing-wen in un messaggio trasmesso a tarda notte.

Secondo gli ultimi dati dell’agenzia nazionale per i disastri, il terremoto ha causato nove morti e 1.050 feriti.

Le autorità erano in contatto con 101 persone intrappolate nei tunnel o nelle aree isolate, ma avevano perso i contatti con altre 46, anche se si riteneva che fossero al sicuro.

A Hualien, un edificio con facciate di vetro che si inclina a 45 gradi dopo che metà del primo piano si è incrinato, è diventato una sorta di simbolo del terremoto.

“Quando è avvenuto il terremoto, abbiamo immediatamente evacuato gli ospiti… e li abbiamo invitati ad andarsene”, ha dichiarato all’AFP Wang Zhong-chang, 55 anni, proprietario di un hotel Hualien Hero nelle vicinanze.

“Sono rimasto in questa zona per tutto il tempo… non me ne sono mai andato. Non c’è molto da temere. L’ho già vissuto in passato… ma questa volta è stato più grave”

Si riferiva al terremoto di magnitudo 7,6 del 1999 che ha ucciso 2.400 persone, il più grave disastro naturale nella storia dell’isola.

Più di 100 persone hanno scelto di dormire all’aperto in tende in un rifugio allestito in una scuola elementare mercoledì sera, mentre le scosse di assestamento continuavano.

“La nostra preoccupazione è che quando ci saranno le grandi scosse di assestamento potrebbe essere davvero difficile per noi evacuare un’altra volta, soprattutto con il bambino”, ha detto l’indonesiano Hendri Sutrisno, 30 anni, professore all’Università di Donghua.

Lui e sua moglie si sono nascosti sotto un tavolo con il loro bambino quando il terremoto ha colpito, prima di fuggire dal loro appartamento.

“Abbiamo tutto il necessario, coperte, servizi igienici e un posto dove riposare”, ha detto.

Un diluvio di social media

I social media sono stati invasi da video e immagini provenienti da tutta l’isola e condivisi da persone che hanno vissuto il terremoto.

In un filmato, un uomo lotta per uscire da una piscina sul tetto, mentre l’acqua si agita violentemente. In un altro, una webcam riprende tre gatti che corrono all’impazzata mentre un appartamento trema da una parte all’altra.

I funzionari non hanno ancora fornito una stima della spesa per le riparazioni a livello nazionale, ma le attività delle principali fonderie di Taiwan per la produzione di chip sono state minimamente colpite.

“Il recupero complessivo degli strumenti delle nostre fabbriche (impianti di produzione) ha raggiunto oltre il 70% entro 10 ore dal terremoto, e le nuove fabbriche come la Fab 18 hanno superato l’80%”, ha dichiarato la Taiwan Semiconductor Manufacturing Company, il più grande produttore di chip al mondo.

La Cina, che rivendica l’autogoverno di Taiwan come parte del proprio territorio, ha prestato “molta attenzione” al terremoto ed è “disposta a fornire assistenza per i disastri”, ha dichiarato mercoledì l’agenzia di stampa statale Xinhua.

A Washington, la Casa Bianca ha dichiarato che gli Stati Uniti sono pronti a fornire “qualsiasi assistenza necessaria”.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Questo architetto ha lasciato il suo lavoro “tossico” per lottare per il patrimonio di Malta

Patrick Calleja si sente libero ora che il suo lavoro "tossico" di architetto con l'Autorità di pianificazione è finito. Foto: Jonathan BorgPatrick Calleja si...