domenica, Febbraio 25, 2024
HomeMaltaLa Corte respinge la richiesta di violazione dei diritti da parte di...

La Corte respinge la richiesta di violazione dei diritti da parte di uno dei latitanti più ricercati d’Europa

Jomic Calleja Maatouk è ancora in fuga.

Un tribunale ha respinto una richiesta di violazione dei diritti avanzata da Jomic Calleja Maatouk, condannato per l’importazione di esplosivi e attualmente uno dei fuggitivi più ricercati d’Europa.

L’uomo è stato condannato a una pena effettiva di cinque anni di carcere lo scorso luglio, in una sentenza emessa da un tribunale di primo grado, che lo ha descritto come un “arma letale” pronto ad aprire “le porte dell’inferno su chiunque riteneva un fastidio da eliminare”.

Calleja Maatouk ha presentato appello contro questa decisione ed è stato rilasciato su cauzione in attesa di una decisione finale.

Tuttavia, poco dopo, Calleja e sua moglie sono scomparsi.

La coppia è stata successivamente oggetto di un mandato di arresto europeo e inserita nella lista dei fuggitivi più ricercati da Europol.

Mentre il procedimento penale contro di lui era ancora in corso presso la Magistratura, Calleja Maatouk aveva sollevato una questione costituzionale relativa alla divulgazione di informazioni da parte dell’accusa.

La polizia aveva sporto denuncia contro di lui per la presunta importazione di esplosivi acquistati sul dark web dopo aver ottenuto informazioni che indirizzavano gli investigatori verso di lui.

Alla domanda su come fossero state ottenute le informazioni dal dark web, il sovrintendente George Cremona aveva dichiarato che “era irrilevante”.

Il magistrato che ha presieduto l’udienza ha concordato, sottolineando che se quelle informazioni erano informazioni di polizia, il sovrintendente non poteva testimoniarle.

L’avvocato dell’imputato ha chiesto la piena divulgazione, ma la richiesta è stata respinta.

Anche una successiva richiesta di rinvio costituzionale è stata respinta dal tribunale con un decreto “esaustivo e ben motivato” emesso dal magistrato Donatella Frendo Dimech nel marzo 2022, che concludeva che la richiesta era “frivola e vessatoria”.

A quel punto Calleja Maatouk ha presentato un procedimento costituzionale separato, sostenendo che la mancanza di un’informazione completa violava i diritti fondamentali dell’imputato.

La relativa disposizione del Tribunale penale che regola la divulgazione non prevedeva “un meccanismo indipendente”.

Invece di far decidere al tribunale se una particolare informazione fosse di intelligence o meno, la questione è stata posta nelle mani della polizia e del Procuratore generale, parti interessate al procedimento.

L’avvocato di Calleja Maatouk ha fatto riferimento alla procedura più “giusta ed equa” adottata dai sistemi statunitense e olandese rispetto al sistema adottato dalla legge maltese, sostenendo che quest’ultimo era difettoso.

Secondo l’avvocato Benjamin Valenzia, c’erano “evidenti lacune” che hanno portato a una violazione dei diritti fondamentali dell’imputato.

La mancanza di informazioni complete ha impedito a Calleja Maatouk di fornire una difesa valida.

Nel pronunciare la sentenza lunedì, il Tribunale civile di prima istanza, nella sua giurisdizione costituzionale, ha osservato che la questione oggetto della causa era “identica” a quella che era stata decretata dalla Magistratura.

Tuttavia, nonostante il magistrato avesse concluso che la richiesta fosse “semplicemente frivola e vessatoria”, Calleja Maatouk aveva proceduto con un procedimento costituzionale separato.

Citando la giurisprudenza in materia, il giudice Ian Spiteri Bailey ha concluso che la richiesta del richiedente era nulla, dichiarando che la corte non si sarebbe pronunciata su una questione che era già stata dichiarata “frivola e vessatoria” da un altro tribunale.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Il premio NOMA 2024 a Manuela Tesse e Michele Marcolini

Sliema, Malta - 13 febbraio 2024 Il prestigioso Premio Noma 2024 sarà conferito a Manuela Tesse e Michele Marcolini, allenatori delle nazionali maltesi di...