martedì, Maggio 28, 2024
HomeSportOJ e la Ford Bronco bianca: l'inseguimento della polizia più famoso del...

OJ e la Ford Bronco bianca: l’inseguimento della polizia più famoso del mondo

Schermata dell’AFP dal filmato del famigerato inseguimento televisivo da parte della polizia della star del football americano OJ Simpson, accusato ma poi assolto per l’omicidio dell’ex moglie e dell’amico di lei.

È stato l’inseguimento d’auto che ha fatto tremare una nazione.

Il 17 giugno 1994, una Ford Bronco bianca con a bordo il fuggitivo OJ Simpson guidò un convoglio di auto della polizia lungo le autostrade della California meridionale e 95 milioni di americani non riuscirono a staccarne gli occhi di dosso.

La copertura di grandi eventi sportivi come le finali dell’NBA e gli US Open è stata interrotta dalle riprese dell’inseguimento, mentre Domino’s Pizza ha registrato ordini record di consegne da parte di spettatori non disposti a perdersi nemmeno un momento.

Quel momento catturato da elicotteri televisivi in volo e da giornalisti trafelati, e trasmesso in tutto il mondo, rimane un’ossessione per alcuni.

“Eravamo tutti accalcati e guardavamo, nessuno respirava – stavamo lì in completa soggezione e fascinazione”, ha ricordato Kim Goldman, in un podcast del 2019 che celebra il 25° anniversario dell’inseguimento.

“Era strano perché c’erano persone che speravano che si uccidesse… E io e mio padre non volevamo – volevamo che fosse portato dentro e ritenuto responsabile”

Cinque giorni prima, il fratello di Goldman, Ron, era stato accoltellato a morte insieme all’ex moglie di Simpson, Nicole Brown Simpson.

Simpson è stato notoriamente assolto nel 1995 da una giuria di Los Angeles in un caso definito da molti come un circo mediatico e diventato noto come il “processo del secolo”

L’assoluzione dell’ex stella del football e attore hollywoodiano fu accolta con incredulità da molti americani, e l’opinione sulla colpevolezza dell’atleta nero si divise nettamente lungo le linee razziali.

Simpson fu poi ritenuto responsabile delle morti in una causa civile del 1997 e gli fu ordinato di pagare un risarcimento alla famiglia Goldman per un totale di 33,5 milioni di dollari. La maggior parte di questi non è stata pagata.

Aspettando la collisione

Simpson ha sostenuto la sua innocenza e ha sempre negato di aver cercato di fuggire durante il famoso inseguimento della Bronco, anche se ha ignorato la scadenza della polizia per costituirsi.

Duarante l’inseguimento, ha detto a un detective della LAPD al telefono, di “far sapere a tutti che non stavo scappando”, ma che stava invece visitando la tomba di Nicole.

Un borsone contenente il passaporto e i contanti di Simpson, oltre a una pistola, trovato dalla polizia nell’auto, ha fatto sorgere molti dubbi, ma non è mai stato presentato come prova dall’accusa.

Per Geoffrey Alpert, un professore dell’Università del South Carolina che studia gli inseguimenti della polizia, la celebrità di Simpson ha accentuato un fascino radicato per l’idea di un inseguimento pericoloso.

“Stiamo aspettando la collisione. Nessuno vuole che qualcuno muoia, ma certamente ci piace vedere un po’ di caos”, ha dichiarato all’AFP nel 2019, paragonando gli inseguimenti televisivi alle popolarissime corse Nascar.

“I media hanno un fascino più ampio per questo tipo di eventi negli Stati Uniti che altrove”, ha aggiunto.

“Risale ai tempi dell’equitazione, quando qualcuno rapinava una banca e lo sceriffo saltava a cavallo e lo inseguiva”

L’auto stessa – di proprietà dell’amico di Simpson Al Cowlings, che era alla guida durante l’inseguimento – è esposta in un museo del crimine del Tennessee.

Secondo quanto riferito, una compagnia turistica di Los Angeles avrebbe esplorato l’idea di offrire giri a bordo del veicolo su e giù per le stesse autostrade.

Per la delusione dei fan che quel giorno si erano radunati sui cavalcavia lungo il percorso dell’inseguimento con cartelli che recitavano “Corri O.J. Corri” e “Vai O.J.”, Simpson alla fine si arrese.

Ma per la Goldman questo non ha portato ad alcuna chiusura.

Simpson è stato rilasciato nel 2017 dopo aver scontato nove anni dietro le sbarre per una rapina a mano armata non correlata.

All’epoca dei fatti viveva a Las Vegas, dove veniva regolarmente visto giocare a golf.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

‘Questa non è una serie TV’ – Muscat si dichiara non colpevole tra drammi in tribunale e fuori

Centinaia di persone hanno manifestato fuori dal tribunale a sostegno di Muscat e dei suoi collaboratori. Foto: Matteo MirabelliJoseph Muscat si è dichiarato non...