domenica, Febbraio 25, 2024
HomeWorldIl cessate il fuoco in Sudan porta una rara tregua ai civili...

Il cessate il fuoco in Sudan porta una rara tregua ai civili di Khartoum

I residenti di Khartoum hanno riferito di una gradita tregua nei combattimenti nella capitale del Sudan, sabato, dopo l’entrata in vigore di un cessate il fuoco di 24 ore tra due generali in guerra, ma pochi credevano che sarebbe durato.

“Dall’inizio della guerra, è la prima volta che passano ore e non sentiamo il rumore delle armi”, ha detto Hamed Ibrahim, aggiungendo che “oggi è stato completamente diverso” nel suo quartiere a est di Khartoum.

I combattimenti infuriano nel Paese dalla metà di aprile, quando il capo dell’esercito Abdel Fattah al-Burhan e il suo ex vice Mohamed Hamdan Daglo, che comanda le forze paramilitari di supporto rapido (RSF), si sono messi l’uno contro l’altro.

Da quando è scoppiato il conflitto, sono state concordate e interrotte diverse tregue e Washington ha imposto sanzioni a entrambi i generali rivali dopo che l’ultimo tentativo è fallito alla fine di maggio.

Gli attacchi aerei e i bombardamenti di artiglieria che hanno scosso quasi quotidianamente la città di Khartoum si sono attenuati almeno temporaneamente, consentendo ai civili intrappolati di avventurarsi all’aperto per acquistare i rifornimenti disperatamente necessari.

Oggi abbiamo assistito a una calma totale”, ha detto Othman Hamed, un residente della città gemella della capitale, Omdurman, appena al di là del Nilo.

In un mercato di Khartoum si è visto che la gente si affannava a fare scorta di frutta e altri beni di prima necessità.

“La tregua è un’occasione per rifornirci di cibo dopo che negli ultimi giorni abbiamo vissuto con quantità razionate”, ha detto uno degli acquirenti, Mohamad Radwan.

Hajar Youssef ha detto di essere uscita alla ricerca di una farmacia aperta per comprare l’insulina per sua madre, che soffre di diabete. “Purtroppo non l’ho trovata”

Molte persone hanno espresso disappunto per il fatto che il cessate il fuoco promesso fosse di portata così limitata.

“Una tregua di un giorno è molto meno di quello a cui aspiriamo”, ha detto Mahmud Bashir, residente a Khartoum Nord. “Non vediamo l’ora di porre fine a questa dannata guerra

In fuga da Khartoum

L’impiegato della stazione degli autobus Ali Issa ha detto che molte persone hanno approfittato della tregua per fuggire dalla capitale verso la relativa sicurezza delle province.

Oggi il numero… è aumentato in modo significativo, forse addirittura raddoppiato”, ha detto.

Nell’altro principale campo di battaglia del conflitto, la regione occidentale del Darfur, non ci sono state notizie immediate sull’osservanza del cessate il fuoco.

Secondo l’Armed Conflict Location and Event Data Project, circa 1.800 persone sono state uccise nei combattimenti.

Quasi due milioni di persone sono state sfollate, tra cui 476.000 hanno cercato rifugio nei Paesi vicini, secondo le Nazioni Unite.

Annunciando l’ultima tregua venerdì, i mediatori statunitensi e sauditi hanno avvertito le parti in conflitto che avrebbero interrotto i loro sforzi diplomatici se non avessero rispettato i loro impegni questa volta.

“Se le parti non dovessero rispettare il cessate il fuoco di 24 ore, i mediatori saranno costretti a considerare la possibilità di aggiornare i colloqui nella città saudita di Gedda, sospesi dalla fine del mese scorso.

Lo specialista del Sudan Aly Verjee ha detto di non vedere motivi per cui questa tregua dovrebbe essere migliore delle precedenti.

“Purtroppo gli incentivi non sono cambiati per nessuna delle due parti, quindi è difficile pensare che una tregua con gli stessi presupposti, soprattutto se di così breve durata, possa avere un risultato sostanzialmente diverso”, ha dichiarato Verjee, ricercatore dell’Università svedese di Göteborg.

Rafforzamento della fiducia

I mediatori sauditi e statunitensi hanno dichiarato di “condividere la frustrazione del popolo sudanese per l’attuazione non uniforme dei precedenti cessate il fuoco”.

Sia l’esercito che il paramilitare RSF hanno dichiarato il loro impegno per l’ultima tregua, che secondo loro potrebbe sostenere gli sforzi umanitari, pur mettendo in guardia dalle violazioni da parte dei loro avversari.

“Se rispettato, il cessate il fuoco di 24 ore fornirà un’importante opportunità… alle parti di intraprendere misure di costruzione della fiducia che potrebbero consentire la ripresa dei colloqui di Gedda”, si legge nella dichiarazione USA-Saudita.

L’annuncio del cessate il fuoco di venerdì è arrivato un giorno dopo che le autorità sudanesi fedeli a Burhan hanno dichiarato l’inviato delle Nazioni Unite Volker Perthes “persona non grata”, accusandolo di essersi schierato.

Il capo delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha poi espresso il suo sostegno a Perthes, che si trova attualmente nella capitale etiope Addis Abeba per dei colloqui.

Parlando attraverso il suo portavoce, Guterres ha detto che “la dottrina della persona non grata non è applicabile al personale delle Nazioni Unite o nei suoi confronti”

I combattimenti hanno messo in secondo piano gli sforzi di Perthes per rilanciare la transizione del Sudan verso un governo civile, che è stata bloccata da un colpo di stato del 2021 da parte dei due generali prima che si separassero.

Ha anche complicato il coordinamento degli sforzi internazionali per fornire aiuti di emergenza ai 25 milioni di civili che, secondo le stime delle Nazioni Unite, ne hanno bisogno.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Il premio NOMA 2024 a Manuela Tesse e Michele Marcolini

Sliema, Malta - 13 febbraio 2024 Il prestigioso Premio Noma 2024 sarà conferito a Manuela Tesse e Michele Marcolini, allenatori delle nazionali maltesi di...