giovedì, Aprile 18, 2024
HomeWorldL'educazione indigena ha aiutato i bambini a sopravvivere al calvario dell'Amazzonia

L’educazione indigena ha aiutato i bambini a sopravvivere al calvario dell’Amazzonia

Persi per 40 giorni nell’Amazzonia colombiana, quattro bambini indigeni sono sopravvissuti mangiando semi, radici e piante che sapevano essere commestibili grazie alla loro educazione.

Ed è stato in parte grazie alle conoscenze locali degli adulti indigeni coinvolti nelle ricerche insieme alle truppe colombiane che alla fine sono stati ritrovati vivi.

“Secondo l’Organizzazione nazionale dei popoli indigeni della Colombia (OPIAC), la sopravvivenza dei bambini è un segno della conoscenza e del rapporto con l’ambiente naturale che viene insegnato fin dal grembo materno”.

I quattro fratelli sono sopravvissuti a un piccolo incidente aereo che il 1° maggio ha causato la morte del pilota, della madre e di un terzo adulto. La famiglia dei bambini si è aggrappata alla speranza che la familiarità dei fratelli con la giungla li avrebbe fatti sopravvivere.

I “bambini della savana”, come li chiamava il nonno, sono sopravvissuti mangiando la farina di yucca che si trovava a bordo dell’aereo distrutto, e rovistando tra i pacchi di soccorso lanciati dagli elicotteri di ricerca.

Ma hanno anche mangiato semi, frutti, radici e piante che hanno identificato come commestibili grazie alla loro educazione nella regione amazzonica, ha dichiarato all’AFP Luis Acosta dell’Organizzazione Nazionale Indigena della Colombia (ONIC).

Forza spirituale

Acosta, che ha partecipato alle operazioni di ricerca, ha detto che i bambini erano impregnati di “forza spirituale”

Si tratta di una percezione condivisa dai leader indigeni, e Acosta ha fatto notare che una guardia sarebbe stata appostata fuori dall’ospedale militare dove i medici stavano assistendo i bambini per aiutarli ad accompagnarli “spiritualmente”

“Abbiamo un legame particolare con la natura“, ha dichiarato all’AFP Javier Betancourt, un altro leader ONIC. “Il mondo ha bisogno di questo tipo di rapporto speciale con la natura, per favorire chi, come gli indigeni, vive nella giungla e se ne prende cura”

Durante le ricerche, i soldati hanno lavorato fianco a fianco con i localizzatori indigeni per 20 giorni.

Il presidente Gustavo Petro ha elogiato quello che ha definito un “incontro di conoscenze indigene e militari” che, a suo dire, ha mostrato rispetto per la giungla.

Gli elicotteri dell’esercito hanno trasmesso le registrazioni della nonna dei bambini che diceva loro nella lingua indigena Huitoto di rimanere fermi in un punto fino a quando i soccorritori non li avessero raggiunti.

“È stato il presidente Petro a riunirci”, ha dichiarato Acosta ai media locali, riferendosi ai soldati e agli esperti indigeni.

“In un primo incontro, otto giorni prima dell’inizio delle ricerche, il presidente ci ha detto che dovevamo andare con l’esercito perché l’esercito non poteva farcela da solo”, ha aggiunto.

Una combinazione vincente

Più di 80 volontari provenienti dai territori indigeni dei dipartimenti di Caqueta, Putumayo, Meta e Amazonas si sono uniti a circa 100 soldati in quella che è stata chiamata “Operazione Speranza”.

Si è trattato di un’insolita unione di forze.

In molti dei territori indigeni colombiani, gruppi armati fuorilegge si aggirano e costringono facilmente le popolazioni indigene, che proteggono le loro terre con armi rudimentali. Anche le relazioni tra le comunità indigene e le forze armate sono tese.

Ma nel dipartimento di Guaviare, i soccorritori di gruppi diversi hanno messo da parte le loro differenze per lavorare insieme.

Mentre i soldati pianificavano i dettagli operativi, i cercatori indigeni organizzavano rituali per comunicare con gli “spiriti” della giungla, usando il mambe, una pasta fatta di foglie di coca e cenere, e il chirrinchi, una bevanda fermentata.

Usando i machete, i soccorritori abbattevano gli alberi e li segnavano con la vernice spray per guidare i bambini.

Le conoscenze mediche indigene sono state utilizzate anche per adattarsi alle difficili condizioni della giungla, curando graffi, schegge, punture di insetti, stanchezza e dolore fisico.

Gli indigeni hanno “lavorato sotto la pioggia, nelle tempeste e in molte situazioni difficili, ma sempre con la speranza e la fede spirituale che (i bambini) potessero essere trovati”, ha detto Acosta.

Tutto questo ha portato al ritrovamento dei fratelli da parte di un segugio indigeno in un’area che non era ancora stata esplorata.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE