martedì, Aprile 23, 2024
HomeWorldI palestinesi rilanciano la richiesta di diventare Stato membro dell'ONU

I palestinesi rilanciano la richiesta di diventare Stato membro dell’ONU

L’ambasciatore palestinese presso le Nazioni Unite Riyad Mansour è intervenuto durante una riunione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sulla situazione in Medio Oriente, compresa la questione palestinese, presso la sede delle Nazioni Unite a New York il 25 marzo 2024.

 I palestinesi hanno ufficialmente rilanciato la loro richiesta di diventare uno Stato membro a tutti gli effetti delle Nazioni Unite – un processo dall’esito incerto, ma secondo loro necessario di fronte all’offensiva di Israele a Gaza.

I palestinesi, che hanno lo status di osservatori presso l’organismo mondiale dal 2012, hanno esercitato per anni pressioni per ottenere l’adesione a pieno titolo, che equivarrebbe al riconoscimento della statualità palestinese.

In una lettera al Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, datata martedì, l’inviato dell’ONU Riyad Mansour ha chiesto “su istruzioni della leadership palestinese” che venga riconsiderata una richiesta risalente al 2011.

La lettera è stata trasmessa al Consiglio di Sicurezza e i palestinesi hanno chiesto che venga riesaminata questo mese.

Mansour ha ripetutamente affermato negli ultimi mesi che, data l’offensiva militare di Israele nella Striscia di Gaza, una risposta all’attacco di Hamas del 7 ottobre, l’adesione alle Nazioni Unite è una priorità per i palestinesi.

“È stata la comunità internazionale a decidere di creare due Stati in Palestina dal 1947”, ha detto Mansour a febbraio.

“È dovere della comunità internazionale, insieme al popolo palestinese, completare quell’esercizio ammettendo lo Stato di Palestina come membro”

Il mese scorso ha dichiarato che i palestinesi “inizieranno a mobilitare il maggior numero di Paesi per sostenerci” e ha espresso la speranza che il Consiglio agisca ad aprile, indicando una riunione del Consiglio fissata per il 18 aprile sulla situazione a Gaza.

Malta, che detiene la presidenza di turno del Consiglio di Sicurezza, ha dichiarato che la lettera di Mansour è stata “ricevuta e diffusa” ai membri del Consiglio, aggiungendo che si terranno colloqui “su come procedere”.

La Lega degli Stati arabi, l’Organizzazione della Conferenza islamica e il Movimento dei non allineati hanno inviato martedì una lettera a Guterres, anch’essa visionata dall’AFP, per sostenere la richiesta dei palestinesi.

“Desideriamo portare alla sua attenzione che, a partire da questa data, 140 Stati membri hanno riconosciuto lo Stato di Palestina”, si legge nella lettera congiunta, che include un elenco di tali Paesi.

Veto degli Stati Uniti?

La richiesta del 2011, lanciata dal presidente palestinese Mahmud Abbas, non è mai stata sottoposta al voto del Consiglio di sicurezza e l’Assemblea generale ha votato per concedere ai palestinesi lo status di osservatori nel novembre 2012.

Ogni richiesta di diventare uno Stato membro delle Nazioni Unite deve essere prima raccomandata dal Consiglio e poi approvata da una maggioranza di due terzi dell’Assemblea generale.

Secondo gli osservatori, è improbabile che la spinta palestinese per l’adesione raggiunga l’Assemblea perché gli Stati Uniti, il più stretto alleato di Israele, potrebbero usare il potere di veto del Consiglio di Sicurezza per far deragliare la raccomandazione.

“Trovo molto difficile che gli Stati Uniti accettino questa proposta” ha dichiarato all’AFP Richard Gowan, analista dell’International Crisis Group, osservando che ci sono voluti mesi perché Washington accettasse di non bloccare una risoluzione del Consiglio che chiedeva un cessate il fuoco a Gaza.

“Per quanto riguarda Washington, forzare la creazione di uno Stato palestinese all’ordine del giorno potrebbe semplicemente rendere più difficile convincere Israele a un cessate il fuoco”, ha detto Gowan.

Per ottenere l’approvazione del Consiglio, i palestinesi dovrebbero ottenere nove voti dai 15 membri e nessun veto dai cinque membri permanenti: Gran Bretagna, Francia, Cina, Russia e Stati Uniti.

Per ora, Israele ha chiaramente rifiutato una soluzione a due Stati e il suo parlamento ha votato in modo schiacciante a febbraio contro qualsiasi riconoscimento unilaterale della statualità palestinese.

Diversi Paesi europeiGran Bretagna, Francia e Spagna – hanno sollevato la possibilità di prendere in considerazione il riconoscimento.

A febbraio, il presidente francese Emmanuel Macron ha dichiarato che una simile mossa non è più “tabù”.

Una nuova bozza di risoluzione del Consiglio di Sicurezza scritta dalla Francia – ora nelle prime fasi dei negoziati – solleva l’idea di “accogliere lo Stato di Palestina come membro a pieno titolo delle Nazioni Unite”, secondo un testo visionato dall’AFP.

Nel novembre 1947, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite votò per dividere il Mandato britannico per la Palestina in due Stati, uno ebraico e uno arabo.

Ma solo Israele fu fondato il 14 maggio 1948, scatenando una guerra tra la nuova nazione e diversi Paesi arabi.

Per Gowan, “i palestinesi sanno di avere un momento per spingere la questione, che potrebbe svanire se ci fosse un cessate il fuoco e i membri delle Nazioni Unite si concentrassero su altre questioni”.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Le prime pagine di oggi – 23 aprile 2024

I giornali di Malta.Di seguito sono riportate le notizie più importanti apparse sui giornali di Malta martedì. IlTimes of Malta riferisce che la polizia che...