venerdì, Giugno 14, 2024
HomeMaltaRiconoscete la Palestina ora, dice l'inviato a Malta, mentre gli USA respingono...

Riconoscete la Palestina ora, dice l’inviato a Malta, mentre gli USA respingono le accuse di ingerenza

L’ambasciatore della Palestina a Malta, Fadi Hanania. Foto: DOI

L’ambasciatore della Palestina a Malta ritiene che questo sia “il momento migliore” per Malta per riconoscere formalmente uno Stato palestinese, mentre gli Stati Uniti hanno respinto le affermazioni secondo cui starebbero facendo pressione sull’isola sulla questione.

“Crediamo davvero che sia il momento migliore e le circostanze perfette per avere un impatto positivo su Israele affinché si ritiri dalle terre palestinesi occupate e stabilisca uno Stato palestinese con Gerusalemme Est come capitale”, ha dichiarato l’ambasciatore Fadi Hanania a Times of Malta.

L’ambasciatore ha reagito a un articolo del Times of Malta della scorsa settimana in cui si affermava che Malta si era fermata prima di riconoscere ufficialmente lo Stato palestinese dopo aver subito forti pressioni da parte degli Stati Uniti e di Israele.

Ma gli Stati Uniti hanno insistito sul fatto che non stanno interferendo nel processo.

La controversia nasce da una dichiarazione del primo ministro spagnolo Pedro Sanchez dello scorso marzo, secondo cui Malta si sarebbe unita alla Spagna per lavorare al riconoscimento dello Stato palestinese.

Il mese scorso Spagna, Irlanda e Norvegia hanno annunciato il riconoscimento formale della Palestina, ma Malta è rimasta clamorosamente in silenzio.

Fonti diplomatiche di alto livello hanno detto che alti funzionari statunitensi e israeliani hanno fatto pressioni su Malta affinché prendesse le distanze da quel gruppo di Paesi, ma il governo maltese ha negato con forza l’affermazione.

L’ambasciatore Hanania non ha voluto commentare le accuse, ma ha sottolineato che Malta e la Palestina hanno già “una lunga storia di cooperazione e collaborazione reciproca”.

“L’impegno di Malta è ulteriormente evidenziato dalla presenza dell’ambasciata palestinese a Malta. Secondo la Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche, solo gli Stati sovrani possono istituire ambasciate”, ha dichiarato Hanania.

“Gli ambasciatori palestinesi sono accreditati presso il presidente della repubblica che li riconosce come ambasciatori dello Stato di Palestina, e tutti i corrispondenti ufficiali con gli enti ufficiali maltesi sono indirizzati all’ambasciatore dello Stato di Palestina dal 1988”.

Malta e la Palestina hanno già una lunga storia di cooperazione e collaborazione reciproca

Nel 1988, Malta aveva inviato alle Nazioni Unite una lettera in cui dichiarava di accogliere con favore la dichiarazione d’indipendenza palestinese, affermando che tale dichiarazione era “un’espressione vera e genuina del diritto del popolo palestinese a uno Stato proprio”.

Da allora, Malta e la Palestina si sono scambiate gli ambasciatori e la Palestina include Malta in un elenco di Paesi che, a suo dire, la riconoscono formalmente.

Nel 2012 Malta ha votato a favore di una risoluzione delle Nazioni Unite che riconosceva la Palestina come osservatore non membro e lo scorso aprile, in occasione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, ha votato a favore della piena adesione della Palestina alle Nazioni Unite.

Malta ha anche sottolineato la necessità di un cessate il fuoco permanente a Gaza e l’ambasciatore Hanania ha ringraziato il governo per aver accolto i bambini feriti di Gaza per le cure mediche a Malta.

Ha inoltre invitato il governo a compiere il passo per il riconoscimento formale dello Stato palestinese, affermando di non avere dubbi sull’impegno di Robert Abela per la giustizia e sull’annuncio dello scorso marzo.

Malta ha svolto un importante ruolo di moderazione tra l’Europa, il mondo arabo e l’Africa, dimostrando di essere in grado di mantenere la sicurezza e la stabilità e, grazie a una “saggia leadership, è riuscita a mantenere la propria decisione sovrana senza subire pressioni da parte di altri Stati, ma allineandosi al loro approccio di neutralità e sostenendo la giustizia, lo stato di diritto e l’umanità”.

Gli Stati Uniti negano di aver dettato legge

In una risposta alle domande, l’ambasciata statunitense a Malta ha negato di aver esercitato pressioni su Malta.

Gli Stati Uniti e Malta sono impegnati in discussioni per promuovere la pace nella regione del Mediterraneo e gli Stati Uniti rispettano “la sovranità di Malta, la sua neutralità costituzionale e il suo impegno per la pace”, ha dichiarato.

“La posizione di Malta sulla dichiarazione guidata dalla Norvegia e sul riconoscimento di uno Stato palestinese è una decisione che spetta solo a Malta”, ha dichiarato un portavoce dell’ambasciata statunitense.

“Nessun altro Paese, compresi gli Stati Uniti, può o dovrebbe imporre la posizione di Malta sulla questione”.

Foreign Minister Ian Borg with US Secretary of State Antony Blinken at the State Department in Washington, DC, on April 16. Photo: Saul Loeb/AFP
Il Ministro degli Esteri Ian Borg con il Segretario di Stato americano Antony Blinken presso il Dipartimento di Stato a Washington, il 16 aprile. Foto: Saul Loeb/AFP
Gli Stati Uniti hanno dichiarato di volere una società e una governance palestinese sicura, libera, democratica e stabile e di sostenere la soluzione dei due Stati, ma lo Stato palestinese dovrebbe essere realizzato attraverso negoziati diretti tra le parti e non attraverso un riconoscimento unilaterale.

Il portavoce ha aggiunto: “Tuttavia, siamo ora concentrati sulle questioni più urgenti da affrontare, data la terribile situazione umanitaria sul campo: negoziare un cessate il fuoco duraturo e una fine durevole della guerra che garantisca il ritorno di tutti gli ostaggi alle loro case e alle loro famiglie, allevi la crisi umanitaria, garantisca la sicurezza di Israele, crei un “day after” migliore a Gaza senza Hamas al potere e ponga le basi per una soluzione politica che fornisca un futuro migliore sia per gli israeliani che per i palestinesi”.

E la lista grigia?

La scorsa settimana i diplomatici hanno dichiarato al Times of Malta che la situazione del riconoscimento palestinese ha messo in forte risalto le relazioni di Malta con gli Stati Uniti e che questo cambiamento di dinamiche è riconducibile alla retrocessione di Malta nella lista grigia del GAFI dei Paesi che richiedono un maggiore monitoraggio delle misure antiriciclaggio.

Sebbene il GAFI sia un’entità multilaterale indipendente, fonti governative riconoscono in privato che gli Stati Uniti, insieme al Regno Unito e alla Germania, hanno giocato un ruolo chiave in questa decisione.

Malta è stata tolta dalla lista grigia a metà del 2022, e anche questa decisione è stata presa con la benedizione di Washington.

Ma l’ambasciata statunitense ha dichiarato che “la questione palestinese e il GAFI sono due questioni completamente estranee e non devono essere confuse”.

“L’impegno politico di alto livello di Malta nel lavorare con il GAFI per raggiungere gli obiettivi del suo piano d’azione ha portato alla rimozione del Paese dalla lista grigia in tempi record”, ha dichiarato il portavoce dell’ambasciata statunitense.

“Continuiamo a lavorare con i nostri partner maltesi per rafforzare i suoi regimi antiriciclaggio e contro il finanziamento del terrorismo per sostenere i suoi progressi”.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE