I bambini colombiani salvati sono felici ma aspettano di sapere a chi saranno affidati

I quattro bambini indigeni salvati dopo aver vagato per 40 giorni nell’Amazzonia colombiana si stanno riprendendo e sono “di buon umore”, hanno detto lunedì i funzionari dell’assistenza sociale, disegnando anche un’immagine che si pensa raffiguri il cane da ricerca dell’esercito scomparso.

I fratelli Lesly, Soleiny, Tien Noriel e Cristin – rispettivamente di 13, 9, 5 e 1 anno – sono stati curati in un ospedale militare di Bogotà dopo essere stati trovati affamati e disidratati venerdì scorso, dopo essere sopravvissuti a un incidente aereo più di cinque settimane prima.

La loro madre era morta in seguito all’incidente, che aveva ucciso anche gli altri due adulti con cui viaggiavano.

Lunedì i bambini salvati erano “di buon umore”, ha dichiarato Adriana Velasquez dell’Istituto colombiano per il benessere familiare in un video inviato ai media.

“Hanno colorato, disegnato. Amano parlare”, ha aggiunto.

L’esercito ha diffuso un disegno attribuito ai bambini che raffigura Wilson, un cane da soccorso scomparso durante le ricerche.

“Il cane era con loro, partiva e tornava… ma poi è scomparso”, ha detto Narciso Mucutuy, nonno dei bambini, in un video diffuso dal Ministero della Difesa.

Sabato l’esercito ha dichiarato che continuerà a cercare Wilson, un pastore belga di sei anni che è stato fondamentale per trovare alcuni degli oggetti lasciati dai bambini nella giungla.

Nessuno viene lasciato indietro”, ha dichiarato l’esercito in un tweet che include un video del cane.

Mentre erano soli, i bambini sono sopravvissuti in parte mangiando un pacco di tre chili di farina di manioca trovato tra i rottami dell’aereo, oltre a frutta della giungla.

Disputa per la custodia

Una collega di Velasquez, Astrid Caceres, ha dichiarato a W Radio che i fratelli maggiori hanno avuto la febbre, mentre Tien Noriel è stato monitorato per una possibile reazione a qualcosa che ha mangiato.

Tien Noriel era troppo debole per camminare quando i soccorritori hanno trovato i quattro dopo aver percorso più di 2.600 chilometri di giungla, per poi ritrovarli a circa cinque chilometri dal relitto del piccolo aereo.

La più giovane dei fratelli rimane in terapia intensiva, “non per condizioni gravi ma per un monitoraggio più attento a causa della sua età”, ha detto Caceres, aggiungendo che tutti e quattro hanno recuperato il sonno perduto.

I bambini dovrebbero rimanere in ospedale per altre due o tre settimane.

L’agenzia per il benessere della famiglia terrà i fratelli sotto la sua tutela fino a quando non sarà risolta una disputa sulla custodia tra i loro parenti.

I familiari di Magdalena Mucutuy, la madre deceduta, hanno affermato che il padre dei due fratelli minori, Manuel Miller Ranoque, maltrattava i bambini, cosa che lui nega.

Ranoque, parlando con la stampa domenica fuori dall’ospedale, ha detto che sua moglie era stata gravemente ferita nell’incidente del 1° maggio, ma che è morta solo quattro giorni dopo, con i figli accanto a lei.

Durante le ricerche, i soccorritori hanno trasmesso un messaggio registrato dalla nonna dei bambini, invitandoli a non muoversi.

La nonna materna, Fatima Valencia, ha dichiarato all’AFP che sperava di ottenere la custodia dei quattro bambini.