mercoledì, Maggio 29, 2024
HomeWorldLa Malesia chiede l'aiuto dell'Interpol per rintracciare il comico statunitense per la...

La Malesia chiede l’aiuto dell’Interpol per rintracciare il comico statunitense per la battuta sull’MH370

L’aereo MH£70 è scomparso nel marzo 2014 e si presume che tutte le 239 persone a bordo siano morte. 

La polizia malese ha dichiarato di aver chiesto mercoledì all’Interpol di aiutarla a rintracciare una comica statunitense dopo che la sua battuta sulla scomparsa del volo MH370 della Malaysia Airlines ha scatenato la furia e persino le scuse di Singapore.

Jocelyn Chia ha raccontato la barzelletta durante un concerto al Comedy Cellar di New York City, secondo quanto riferito in aprile, e si è soffermata sui rapporti storicamente difficili tra la Malesia e Singapore, dove è cresciuta.

L’MH370 è scomparso nel marzo 2014 ed è uno degli incidenti aerei più mortali della Malesia, con tutte le 239 persone a bordo presumibilmente morte.

L’indignazione per la battuta di Chia è stata tale che la polizia malese ha avviato un’indagine in base alle leggi sull’incitamento e sui contenuti offensivi online.

Martedì il capo della polizia malese Acryl Sani Abdullah Sani ha dichiarato che avrebbe chiesto all’Interpol di aiutarla a rintracciare la ragazza, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa malese Bernama.

Il capo della polizia dello stato meridionale di Johor ha dichiarato che la richiesta è stata presentata mercoledì. Kamarul Zaman Mamat ha detto che stavano cercando “ulteriori informazioni sul sospetto per aiutare nelle indagini”.

Chia è indagato in base alle leggi sul falso in atto pubblico, che prevedono una pena detentiva fino a due anni, e alla legislazione sulle comunicazioni, in base alla quale i trasgressori rischiano fino a un anno di carcere.

La Malesia e Singapore sono state per breve tempo un unico Stato dopo la fine del dominio coloniale britannico, ma si sono separate nel 1965.

Chia, che ha radici a Singapore, ha detto nel suo intervento che la città-stato è diventata un “Paese del primo mondo” e che gli aerei malesi “non possono volare”.

“La scomparsa della Malaysian Airlines non fa ridere”, ha continuato. “Alcune battute non atterrano”

La notizia ha scatenato un putiferio sui social media, seguito da condanne da parte di alti funzionari malesi, tra cui il ministro degli Esteri.

“Sono sconvolto dalle sue orrende dichiarazioni”, ha twittato la settimana scorsa il ministro degli Esteri di Singapore, Vivian Balakrishnan.

“Teniamo molto ai nostri legami con la famiglia e gli amici in Malesia e siamo dispiaciuti per l’offesa e il dolore causati a tutti i malesi”

Chia, tuttavia, ha mantenuto la sua battuta nonostante l’intensa reazione.

L’ex avvocato di origini statunitensi ha dichiarato alla CNN di aver eseguito quella battuta “più di cento volte” per più di un anno senza problemi.

“Sostengo la mia battuta, ma con qualche avvertenza: la sostengo nella sua interezza, se vista in un comedy club”, ha detto all’emittente nei commenti pubblicati domenica.

Tuttavia, ha aggiunto: “Riflettendoci bene, mi rendo conto che è stato rischioso farlo vedere in un clip fuori dal contesto di un comedy club”

La Chia si è mostrata ostile anche dopo la mossa della Malesia di coinvolgere l’organismo di polizia internazionale, twittando: “Mi piacerebbe vedere la faccia dell’ufficiale dell’Interpol che ha ricevuto questa richiesta”

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Blog in diretta: Fearne, Scicluna in tribunale nel secondo giorno del caso dello scandalo ospedaliero

Ospedale St. Luke. Due ex ministri e tre segretari permanenti dovranno affrontare le accuse relative allo scandalo degli ospedali mercoledì, quando il tribunale di...