giovedì, Aprile 18, 2024
HomeBusinessTecnologiaL'Europa supera gli Stati Uniti nella regolamentazione delle cryptovalute

L’Europa supera gli Stati Uniti nella regolamentazione delle cryptovalute

“Non siamo più nell’era del Far West” – Foto: Shutterstock

Nato dal desiderio di creare una valuta decentralizzata non controllata da un governo, il movimento delle cryptovalute ha a lungo resistito alla regolamentazione.

Ma quei giorni potrebbero essere giunti alla fine, dato che l’UE ha recentemente adottato norme complete sugli asset crittografici, sorpassando così gli Stati Uniti, che nel frattempo hanno dato un giro di vite a due importanti exchange di criptovalute.

Ad Aprile, il Parlamento Europeo ha adottato con ampio margine il regolamento sui mercati degli asset crittografici (MiCA), che il mese scorso ha ricevuto l’approvazione finale da parte della Commissione.

Primo regolamento completo del settore, il MiCA mira a ridurre le pratiche illegali, tra cui il riciclaggio di denaro, e a proteggere gli investitori e i consumatori.

Copre le questioni relative agli asset crittografici, alle sedi di negoziazione e ai fornitori dei “portafogli” in cui gli investitori detengono i loro asset.

il MiCA fa chiarezza”, ha dichiarato Jerome Bailly, vicepresidente di Crypto Valley, un’associazione che sostiene l’industria delle cryptovalute in Svizzera.

“Non siamo più nell’era del Far West e ciò che tutti vogliono nel settore sono le regole del gioco”, ha dichiarato all’AFP in occasione di un evento a sostegno delle startup.

Bailly ha affermato che, sebbene all’inizio tutti fossero ostili al MiCA, “alla fine è diventato un punto di forza per l’Europa” in quanto fissa un quadro chiaro per le aziende che possono organizzare le loro operazioni commerciali di conseguenza.

Ritiene che emergerà un “blocco europeo”, con la Gran Bretagna e la Svizzera che seguiranno l’esempio dell’UE per creare una zona di regolamentazione.

Timori di controversie negli Stati Uniti

D’altro canto, “i segnali provenienti dagli Stati Uniti sono chiaramente negativi“, ha avvertito Bailly.

Le società di cryptovalute statunitensi sono state indebolite dai fallimenti di Signature Bank, Silvergate e Silicon Valley Bank, istituzioni fondamentali per il finanziamento del settore tecnologico e delle startup.

Inoltre, le autorità statunitensi hanno iniziato a mettere sotto pressione il settore dopo il fallimento delle borse FTX e Genesis, accusando la principale borsa di crYptovalute al mondo, Binance, di violazioni della legge sui titoli e la sua rivale Coinbase.

A febbraio, la borsa californiana Kraken ha ricevuto una pesante multa dalla Securities and Exchange Commission, che regolamenta la compravendita di titoli, per non aver registrato i propri servizi.

“L’incertezza normativa statunitense rappresenta una difficoltà per le aziende” ha dichiarato Bailly “poiché negli Stati Uniti infuria il dibattito se le crYptovalute debbano essere trattate come attività finanziarie e quindi regolamentate dalla SEC, oppure se debbano essere considerate come materie prime e quindi controllate dalla Commodities Futures Trading Commission (CFTC)”.

“Vediamo che molte aziende stanno fuggendo dagli Stati Uniti per andare in Europa”, ha dichiarato Thomas Naegeli, avvocato con sede in Liechtenstein, e sempre più aziende europee se ne allontanano fino a quando non sarà chiaro chi sarà responsabile della regolamentazione del settore.

“Non ricevono risposte chiare e temono di essere citati in giudizio dalle autorità di regolamentazione”, ha affermato Naegeli.

“Come imprenditore non vuoi calcolare nel tuo budget potenziali cause legali per decenni”

Atteggiamento apertamente negativo

Anche se l’Europa sta facendo progressi, gli Stati Uniti rimangono il mercato più grande, ha osservato l’avvocato, quindi è importante che risolvano rapidamente la situazione normativa.

“È quello che vogliono le aziende”, ha detto Naegeli.

Alla fine di maggio, Peter Smith, responsabile della borsa londinese BlockChain.com, ha denunciato l’atteggiamento “apertamente negativo” di alcuni regolatori statunitensi nei confronti delle crypto.

“Migliaia di persone di incredibile talento hanno lasciato gli Stati Uniti per trasferirsi in altre giurisdizioni nell’ultimo anno” per paesi con un approccio “costruttivo” alla regolamentazione.

Francia, Portogallo, Emirati Arabi Uniti, Singapore, Hong Kong, Londra, in misura sempre maggiore e in modo interessante, sono stati tutti molto entusiasti di occupare il vuoto che gli Stati Uniti hanno creato”, ha detto Smith al Qatar Economic Forum.

Martin Hiesboeck, responsabile della ricerca presso la borsa Uphold, ha affermato che tutto questo rumore serve a spingere le autorità statunitensi a chiarire le regole del gioco.

“Nessuno vuole davvero lasciare l’America”, ha detto Hiesboeck.

“Vogliono solo lanciare dei messaggi per fare pressione e assicurarsi che i legislatori americani si rendano conto che se non regolamentano in modo adeguato perderanno milioni di affari, posti di lavoro e ricavi”, ha aggiunto.

All’inizio di giugno, i legislatori repubblicani hanno presentato una proposta di legge che Hiesboeck spera possa servire ad aprire un dibattito con i democratici sulla regolamentazione del settore.

“Dico sempre che l’America a volte impiega più tempo ma… spesso ha una regolamentazione migliore e il mondo presta più attenzione alla sua regolamentazione che a quella di chiunque altro”, ha detto Hiesboeck.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE