venerdì, Settembre 22, 2023
HomeBusinessTecnologiaElon Musk pensa di far pagare a tutti gli utenti di X...

Elon Musk pensa di far pagare a tutti gli utenti di X un canone mensile

Elon Musk ha scatenato l’indignazione dei fan della sua piattaforma di social media X suggerendo che potrebbe introdurre un canone mensile per tutti gli utenti, in quella che sarebbe la più grande scossa da quando ha preso il controllo del sito allora noto come Twitter lo scorso ottobre.

Durante un colloquio con il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu, lunedì scorso, Musk ha affermato che l’introduzione di un piccolo pagamento mensile per X avrebbe combattuto gli “eserciti di bot” presenti sul sito.

Musk ha acquistato Twitter per 44 miliardi di dollari, ma da allora ha ammesso che il suo valore è crollato dopo averne ridotto la forza lavoro e aver permesso ai teorici della cospirazione di destra di tornare sul sito, facendo fuggire gli inserzionisti.

Gli utenti di X si sono uniti nello sgomento per il suo ultimo piano, suggerendo che potrebbe finalmente porre fine al sito, e gli analisti hanno messo in dubbio la logica di una mossa che renderebbe la piattaforma ancora meno attraente per gli inserzionisti.

A luglio Musk ha dichiarato che la piattaforma aveva perso circa la metà delle entrate pubblicitarie, anche se ha affermato che quasi tutti gli inserzionisti sono tornati.

I bot Рaccount gestiti da programmi informatici anzich̩ da esseri umani Рsono comuni su X, dove possono essere utilizzati per amplificare messaggi politici o di odio razziale.

Netanyahu ha chiesto a Musk informazioni sull’antisemitismo e su come X possa “impedire l’uso di bot – eserciti di bot – per replicarlo e amplificarlo”.

Musk ha risposto che l’azienda sta “passando a un piccolo pagamento mensile per l’utilizzo del sistema X”.

“È l’unico modo che mi viene in mente per combattere vasti eserciti di bot”, ha detto, spiegando che anche una piccola tassa renderebbe costosa la gestione dei bot.

effetto rete

La conversazione, che è stata trasmessa su X, è avvenuta mentre il magnate di Tesla è impantanato in una disputa con la Anti-Defamation League, un’organizzazione ebraica con sede negli Stati Uniti.

Musk ha minacciato di fare causa all’ADL per aver lanciato accuse infondate di antisemitismo che hanno spaventato gli inserzionisti e danneggiato le entrate della sua azienda.

Musk è stato a lungo accusato di promuovere contenuti antisemiti.

Appena un giorno prima dell’incontro con Netanyahu, Musk ha risposto a un post che incolpava il miliardario ebreo George Soros di incoraggiare l’immigrazione in Europa, dicendo: “L’organizzazione di Soros sembra non volere altro che la distruzione della civiltà occidentale”

La sua mossa di far pagare gli utenti ha scatenato migliaia di messaggi e meme critici martedì.

“RIP X/Twitter! È stato REALE ed è stato DIVERTENTE, ma da quando sei subentrato tu, non è stato PIÙ VERO DIVERTIMENTO”, ha scritto un utente chiamato Jesi T.

James Cooper, direttore dell’agenzia Business of Apps, ha affermato che l’introduzione di un paywall a tappeto distruggerebbe “l’effetto rete” di milioni di persone che interagiscono sul sito, una delle sue maggiori attrattive sia per gli inserzionisti che per gli utenti.

“L’addebito universale per il servizio decimerebbe la base di utenti e quindi distruggerebbe il valore della rete e la ragione per partecipare alla piattaforma come contributore”, ha dichiarato all’AFP.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Start-Up Festival Malta ospita un programma per studenti

L'agenzia maltese per lo sviluppo economico, Malta Enterprise, organizza la terza edizione del Malta's Start-Up Festival il 5 e 6 ottobre presso il Malta...