venerdì, Settembre 22, 2023
HomeWorldCOP15: storico accordo per fermare la perdita di biodiversità

COP15: storico accordo per fermare la perdita di biodiversità

Le nazioni hanno concordato di proteggere un terzo del pianeta per la natura entro il 2030 in un accordo epocale volto a salvaguardare la biodiversità. Ci saranno anche obiettivi per la protezione di ecosistemi vitali come le foreste pluviali e le zone umide e per i diritti delle popolazioni indigene.

L’accordo al vertice sulla biodiversità COP15 delle Nazioni Unite a Montreal, in Canada, è stato raggiunto lunedì mattina presto.

Il vertice era stato spostato dalla Cina e rinviato a causa del Covid. Il presidente della COP15, il ministro cinese Huang Runqui, ha fatto cadere il martelletto sull’accordo nonostante un’obiezione dell’ultimo minuto da parte della Repubblica Democratica del Congo.

Il Programma di sviluppo delle Nazioni Unite ha dichiarato che lo “storico accordo” significa che le persone di tutto il mondo possono sperare in un reale progresso per arrestare la perdita di biodiversità.

“È davvero un momento che segnerà la storia, come Parigi ha fatto per il clima”. Steven Guilbeault, Ministro canadese dell’Ambiente e dei cambiamenti climatici

Nel 2015, con l’accordo sul clima di Parigi, le nazioni si sono accordate per mantenere l’aumento della temperatura mondiale al di sotto dei 2 gradi centigradi.

Il vertice di Montreal era stato considerato come “l’ultima possibilità” per mettere la natura su un percorso di recupero. Durante i colloqui ci sono state divisioni sulla forza delle ambizioni e su come finanziare i piani. Un grande punto di stallo è stato il finanziamento degli sforzi di conservazione nelle parti del globo che ospitano alcune delle più importanti biodiversità del mondo

“Ora che è stato raggiunto, i governi, le aziende e le comunità devono capire come contribuire a rendere questi impegni una realtà”.Georgina Chandler, consulente senior per le politiche internazionali della Royal Society for the Protection of Birds

L’accordo segue giorni di intensi negoziati. Sabato i ministri hanno pronunciato discorsi appassionati sulla necessità di concordare obiettivi chiari per portare la natura su un percorso di recupero entro la fine del decennio.

“La natura è la nostra nave. Dobbiamo fare in modo che rimanga a galla”.Virginijus Sinkevicius, Commissario europeo per l’Ambiente, gli Oceani e la Pesca

Gli scienziati hanno avvertito che, con la perdita di foreste e pascoli a ritmi senza precedenti e gli oceani sotto pressione a causa dell’inquinamento, l’uomo sta spingendo la Terra oltre i limiti di sicurezza.

Questo comporta un aumento del rischio di malattie, come la SAR CoV-2, l’Ebola e l’HIV, che si diffondono dagli animali selvatici alle popolazioni umane.

Un punto chiave è stato il finanziamento. Come già avvenuto in occasione del vertice sul clima COP 27 in Egitto, alcuni Paesi hanno chiesto l’istituzione di un nuovo fondo per aiutare a preservare la biodiversità, ma questa richiesta è stata respinta da altri.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Motociclista ferita in un incidente a Sliema

Giovedì una donna è rimasta gravemente ferita in un incidente stradale a Sliema. La polizia ha dichiarato che l'incidente è avvenuto in Triq ix-Xatt alle...