sabato, Maggio 18, 2024
HomeMaltaUn "movimento particolare" porta un 19enne in tribunale per accuse legate alla...

Un “movimento particolare” porta un 19enne in tribunale per accuse legate alla droga

Un adolescente, fermato dalla polizia di Qawra per una targa mancante, è finito dalla parte sbagliata della legge dopo che la polizia ha scoperto 78 bustine di droga nell’auto che stava guidando.

A Lee Formosa, un 19enne residente a Marsa, è stata negata la libertà su cauzione al momento dell’accusa per l’incidente avvenuto poco più di un mese fa, quando gli agenti della stazione di polizia di Qawra e i poliziotti della comunità hanno fermato la Toyota Vitz con una targa mancante.

Quando il conducente si è accostato, gli agenti hanno notato un “movimento strano“: la persona al volante sembrava lanciare qualcosa in direzione di un altro uomo seduto sul sedile del passeggero.

Un’occhiata più attenta al passeggero ha rivelato un volto abbastanza familiare negli ambienti della polizia.

“Qui sta succedendo qualcosa”, ha detto uno degli agenti ai suoi colleghi, riconoscendo la persona seduta vicino al conducente.

Non appena il passeggero è sceso dall’auto, ha detto agli agenti: “Quelle non sono mie”, riferendosi alla droga che è stata poi trovata all’interno del veicolo.

C’erano 32 bustine di sospetta eroina e 46 di sospetta cocaina, contenenti rispettivamente 18 e 17 grammi di droga.

Entrambi gli uomini sono stati portati in questura.

Da allora, all’accusato è stata concessa due volte la libertà su cauzione, l’ultima delle quali è prevista per lunedì, ha spiegato l’ispettore dell’accusa Jonathan Pace.

Si è dichiarato non colpevole per possesso di cocaina ed eroina, in circostanze che denotano che le droghe non erano destinate esclusivamente al suo uso personale, per guida senza patente e copertura assicurativa e per mancanza di targa.

È stato inoltre accusato di recidiva e di violazione di precedenti condizioni di libertà provvisoria.

L’avvocato difensore Franco Debono ha chiesto la libertà provvisoria, sottolineando che l’imputato ha ottenuto per due volte la libertà provvisoria della polizia e ha sempre rispettato le condizioni.

Inoltre, la quantità di droga coinvolta era minima, ha detto, aggiungendo che l’imputato era un candidato ideale per far decidere il suo caso dal Tribunale per le droghe.

Dopo aver sospeso l’udienza, la corte, presieduta dal magistrato Donatella Frendo Dimech, ha emesso un decreto, respingendo la richiesta e osservando che l’imputato sembrava non mostrare rispetto nei confronti delle autorità e aveva affrontato accuse simili in precedenza.

I tribunali gli avevano concesso varie possibilità, ma lui non sembrava disposto a lasciarsi alle spalle i suoi errori e non era ritenuto sufficientemente affidabile.

Anche l’ispettore Warren Galea ha esercitato l’azione penale. L’avvocato Francesca Zarb era anche il difensore.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE